Con trigliceridi alti sistema immunitario “KO”

Occhio ai trigliceridi, il diabete potrebbe essere dietro l’angolo. La relazione tra acidi grassi, alle stelle nei soggetti obesi, e diabete di tipo 2 emerge da uno studio pubblicato su Cell Metabolism dai ricercatori dell’Universita’ della California di San Diego, negli Usa.
La ricerca, condotta sui topi, ha dimostrato che il sistema immunitario viene ingannato dalla presenza di alcuni elementi presenti nelle membrane cellulare, provocando un’infiammazione che e’ strettamente legata anche all’aumento di peso. Proprio l’attivita’ di alcuni ”scudi” immunitari, i Tlr4 (Toll-like receptor 4), finirebbe col determinare lo scompenso che pone le basi per lo sviluppo dell’insulino-resistenza e del diabete di tipo 2.
”Il nostro studio – spiega Jerrold M. Olefsky, ricercatore dell’Universita’ della California -, i cui risultati sono da approfondire, potrebbe dare il via alla sperimentazione di nuovi farmaci in grado di combattere la resistenza all’insulina e il diabete di tipo 2”.

 

 
Fonte: 4 novembre 2009, asca.it

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • Diabete LADA, DiagnosiFocus sul Diabete LADA18 ottobre 2016Fa il punto sul diabete LADA (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults) la d.ssa Roberta Celleno, Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, Diabetologia, presso USL 01 Umbria, Città di Castello che si occupa in modo particolare di questa forma di diabete.

    Continua a leggere

  • EVENTI - 2016GDM 2016: oltre 1200 eventi di prevenzione per tenere gli “OCCHI SUL DIABETE”7 novembre 2016Sono ancora milioni le persone che non sanno di soffrire di questa malattia. Prevenirla e diagnosticarla precocemente è il miglior modo per combatterla. A novembre (e anche dopo) tieni gli occhi aperti su di te e non solo. Vale anche per i tuoi amici animali: cane e gatto.

    Continua a leggere