Curare la parodontite provoca benefici in pazienti diabetici

Diabete e malattia parodontale sono da tempo considerate due patologie croniche biologicamente correlate. Solo di recente però, grazie a un gruppo di ricercatori dell’Università di Amsterdam, sono stati riscontrati dei miglioramenti nel controllo glicemico in seguito alla cura della parodontite.
Una revisione sistematica che ha coinvolto 5 studi e un totale di 371 pazienti tra i 53 e i 67 anni ha dimostrato che nei pazienti sottoposti a terapia per il trattamento della parodontite il valore dell’emoglobina glicata subiva una diminuzione significativa dell’ 0.40%.
L’eterogeneità degli studi non permette di considerare questi risultati come assolutamente robusti, tuttavia se studi futuri riusciranno a confermare l’esito di questa ricerca il trattamento della parodontite potrebbe essere sfruttato per migliorare la condizione dei diabetici di tipo 2.

 

 

 

Fonte: 4 febbraio 2010, Diabetes Care

Potrebbero interessarti

  • 31 dicembre 2017Adesione alla terapia per il diabeteL’adesione alla terapia antidiabetica è uno dei principali fattori che concorrono al buon controllo del diabete nel tempo e al minor rischio di complicanze. Una scarsa aderenza terapeutica ha ricadute negative sul controllo della malattia. Posted in Adesione alla terapia
  • 28 novembre 2017Disponibile anche in Italia la nuova terapia orale contro l’obesitàSi tratta dell’associazione naltrexone-bupropione, in compresse, utilizzata già da anni in altri Paesi e da novembre 2017, accessibile anche in Italia. All’ultimo congresso della Società Italiana dell’Obesità c’era molta attesa per questa nuova opzione terapeutica che essendo in compresse consente una somministrazione semplice e accettabile da parte del paziente con obesità. Posted in Terapia dell'obesità
  • 29 novembre 2017L’alimentazione della donna diabeticaLe donne con diabete, rispetto agli uomini, presentano una maggiore mortalità, dovuta alle complicanze della malattia. Il rischio di alcune complicanze diabetiche e la gravità delle stesse risulta essere maggiore nella donna. Posted in Nutrizione