Diabete: la diagnosi precoce come prevenzione

Sandro Gentile, presidente dell’Associazione Medici Diabetologi (Amd), osserva: «In Italia si contano tre milioni di diabetici ma c’è un altro milione che non sa di esserlo»; per tenere sotto controllo il diabete bisogna per questo intervenire su due fronti, la diagnosi precoce e l’emersione dei casi ignorati della malattia. Il carattere epidemico che negli ultimi anni il diabete sta assumendo nel mondo fa prevedere per il 2025 fino a 450 milioni di malati, con le relative pesanti conseguenze, anche economiche (il 7% della spesa sanitaria globale, in buona parte addebitabile alle complicanze), come sottolinea il senatore Antonio Tomassini, presidente della XII Commissione Premanente Igiene e Sanità del Senato: «Una spesa in forte aumento, tanto da essere in grado di minacciare la crescita delle nazioni in via di sviluppo ma anche l’economia delle nazioni ricche». Sottolinea Gentile: «Paghiamo un contributo importante: ogni sette minuti si verifica un attacco cardiaco legato al diabete, ogni 26 minuti uno di insufficienza renale e ogni 30 un caso di ictus». ‘Subito!’ è il nome del progetto promosso dall’Associazione Medici Diabetologi per migliorare la gestione della malattia diabetica in Italia e che, oltre alla ricerca, prevede interventi di informazione, educazione e formazione. Nel corso del 18° Congresso nazionale dell’Associazione Medici Diabetologi in programma per la fine di maggio, sarà presentato il primo prodotto di Subito!: uno studio che conferma l’importanza del controllo precoce della malattia, come spiega Carlo Giorda, presidente della Fondazione Amd e presidente eletto Amd: «Scopo della ricerca era valutare cosa avviene nelle prime fasi del trattamento, studiando circa 1.000 pazienti afferenti ai centri e valutando retrospettivamente cosa era successo.
È stato verificato così che un intervento efficace sul diabete fin dalla diagnosi permette notevoli risultati in termini di riduzione dell’emoglobina glicata, del colesterolo e dei trigliceridi, del peso corporeo e della pressione. In termini pratici, la riduzione del 60% dello sviluppo di complicanze a 5 anni e la dimostrazione dell’importanza dell’organizzazione del servizio e della diagnosi precoce; si è osservato infatti che i pazienti che avevano già sviluppato una retinopatia, la cui presenza suggerisce un ritardo nella diagnosi, erano quelli in cui la riduzione dell’emoglobina glicata era minore». ‘Buon Compenso del Diabete’ è il nome di un’altra iniziativa promossa dalla International Diabetes Federation (Idf), quest’anno alla quarta edizione, che offre informazioni sulle piazze, screening gratuiti e nuove iniziative, come sottolinea Massimo Massi, Chairman della Science Task Force dell’Idf: «La campagna Buon Compenso del Diabete entrerà anche nelle scuole con la diffusione di kit didattici, nel mondo del lavoro all’interno di alcune grandi aziende italiane con attività di formazione e screening e in quello dello sport in partnership con la Fondazione Milan e la squadra di ciclismo Team Type 1 che è la prima ad annoverare al suo interno atleti diabetici».
 
Fonte 5 aprile 2011, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga
  • 4 gennaio 2017ONDA WINTER VILLAGE – Onda – Osservatorio nazionale sulla salute della donnaONDA WINTER VILLAGE – Onda presenta il primo "Villaggio della salute" che sarà allestito dal 18 al 22 gennaio 2017 a Milano, nell’area di Via Mario Pagano. Ogni giorno spettacoli di show cooking, check-up gratuiti, realtà virtuale e conferenze su prevenzione e corretti stili di vita. Posted in EVENTI - 2016
  • 12 gennaio 2017Piemonte: la nuova Rete Territoriale Endocrino-DiabetologicaIl dottor Alessandro Ozzello, Presidente della Sezione AMD Piemonte-Valle D’Aosta e direttore del Servizio di Diabetologia Ospedale Pinerolo Asl Torino 3, commenta le trasformazioni del modello esistente, in seguito all'approvazione della Delibera della Giunta Regionale, n. 27-4072 del 17.10.2016 e illustra i cambiamenti positivi per la presa in carico di persone con diabete mellito. Posted in Regioni