Diabete tipo 1: riconoscerlo subito per prevenire la chetoacidosi

Bambini con tanta sete e pipì eccessiva? Vale la pena di consultare il pediatra secondo Franco Cerutti, Presidente della Società di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp), perché potrebbe essere in agguato il diabete di tipo 1.

campagna Siedp: Tanta pipì? Tanta sete? Anche i bambini possono avere il diabete. Parlane con il tuo pediatra

Un terzo segnale importante è il dimagrimento. Il diabete, raccomandano gli esperti, va diagnosticato e trattato subito per evitare una rischiosa complicanza chiamata chetoacidosi diabetica (DKA), che nella fase più grave può portare a edema cerebrale con conseguenze neurologiche importanti, fino al decesso.

 

Locandina Campagna SIEDP-2Prende spunto da queste esigenze la nuova campagna di sensibilizzazione voluta dalla Siedp che sensibilizza proprio ai primi sintomi nello slogan “Tanta pipì? Tanta sete? Anche i bambini possono avere il diabete. Parlane con il tuo pediatra.

La campagna a carattere nazionale prevede la distribuzione di materiale informativo, poster e locandine negli studi di 10 mila pediatri e nelle scuole. Sarà realizzato anche un video di pubblicità sociale con protagonista il duo comico Ale & Franz.

La campagna è organizzata dalla Siedp con la collaborazione di Agd Italia (Coordinamento tra le Associazioni italiane giovani con diabete), Fdg (Federazione nazionale diabete giovanile), Ispad (International Society for Pediatric and Adolescent Diabetes) e Sip (Società Italiana di Pediatria).

 

Il diabete di tipo 1 in Italia

Secondo le stime della Siedp, si calcola che in Italia siano più di 200mila le persone con diabete di tipo 1, la forma giovanile, molte delle quali hanno manifestato i primi sintomi sin da bambini, anche in tenerissima età. Si calcola che il tasso di incidenza sia variabile: da 6-7 casi a 40 per 100mila bambini da 0 a 14 anni, a seconda delle regioni.

Una recente indagine coordinata dalla d.ssa Ivana Rabbone, dirigente medico dell’ospedale infantile Regina Margherita di Torino, ha evidenziato che, tra i 14.493 bambini e adolescenti in cura presso 68 Centri di diabetologia Pediatrica (34 al Nord, 11 al Centro e 23 al Sud), in 2.453 casi la malattia si è manifestata nel biennio 2012- 2013. Tra questi soggetti, circa il 38,5% è stato ricoverato in chetoacidosi diabetica, il 10,3% con una forma grave. Considerando i bimbi di età prescolare, tale frequenza ha un’impennata al 72%, con il 16,6% di forme gravi. La chetoacidosi diabetica è gravata da un tasso di mortalità dello 0,15-0,30%, che può aumentare anche notevolmente in caso di edema cerebrale.

L’impegno costante di tutti gli attori in gioco: istituzioni scolastiche e sanitarie, associazioni di pazienti, medici e paramedici e delle associazioni scientifiche è quindi fondamentale per prevenire il diabete mellito di tipo 1 e la chetoacidosi diabetica in età pediatrica. L’obiettivo della campagna è proprio quello di contribuire ad abbattere il più possibile questa emergenza clinica sensibilizzando la popolazione.

 

 

 

Fonte

Comunicato ANSA, 21 marzo 2016

Potrebbero interessarti

  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga
  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico
  • 18 gennaio 2017La dermopatia diabetica (“shin spots”): che cos’è?Il diabete di tipo 2, essendo una malattia metabolica, ha conseguenze su molti organi del nostro corpo, compresa la cute. La dermatopatia diabetica è tra le manifestazioni cutanee più comuni tra i diabetici di lunga data. Posted in Diabete e prurito