Diabete tipo 2 e insulina (risultati studio POC)

I risultati dello studio POC (Perceptions of Control), che valuta la percezione del controllo del diabete da parte di medici e persone con diabete di tipo 2, hanno svelato perché medici e pazienti non amano intensificare la cura con insulina. I dati sono stati di recente presentati al congresso mondiale dell’International Diabetes Federation (IDF).


 

Vancouver, 3 dicembre 2015 – Presentati al Congresso internazionale dell’International Diabetes Federation (IDF), svoltosi a Vancouver, Canada, i risultati dello studio POC (Perceptions of Control), che valuta la percezione del controllo del diabete di tipo 2 da parte di medici e pazienti. Lo scopo dello studio è quello di analizzare come medici e persone con diabete di tipo 2 definiscono il controllo del diabete, identificano gli ostacoli al raggiungimento dell’obiettivo di cura,2,3 percepiscono l’impatto del diabete di tipo 2 non controllato sulla vita quotidiana2,3 e se sono disponibili a intensificare la terapia insulinica.1

 

Lo studio POC


Lo studio Perceptions of Control (POC) si basa su informazioni raccolte tramite un sondaggio online svolto tra 300 medici e 1.012 adulti con diabete di tipo 2 non controllato (con valore di emoglobina glicata, HbA1c superiore a 8%) da un trattamento con insulina basale in Gran Bretagna, Svezia e Svizzera.
Sono inoltre state raccolte informazioni da un gruppo di controllo di 295 adulti con diabete di tipo 2 controllato (con valore di emoglobina glicata, HbA1c inferiore a 7.5%), sempre da un trattamento con insulina basale1-3.

 

Le ragioni delle persone diabetiche di tipo 2


I risultati hanno mostrato che le persone con diabete di tipo 2 non controllato da un trattamento con insulina basale (ossia un’unica somministrazione serale di insulina associata ad altri farmaci antidiabetici nel corso della giornata) sono riluttanti ad aumentare le iniezioni di insulina e passare a un regime basal-bolus (caratterizzato da più somministrazioni di insulina al giorno), nonostante il parere del medico.

Tra le ragioni principali:

  • il timore di aumento del peso causato dall’insulina (45%),
  • il rifiuto ad accettare il peggioramento della malattia (44%),
  • la paura dell’ipoglicemia (41%) e
  • il non volersi sottoporre a più iniezioni al giorno (41%)1.

 

Le ragioni dei medici

Il medico d’altro canto è restio ad aumentare il numero di somministrazioni di insulina principalmente per il fatto che i pazienti non si dimostrano d’accordo con la modifica della cura (62%) e per il timore che questo possa causare episodi di ipoglicemia (46%), specialmente in relazione al tipo di lavoro svolto dal paziente (54%). I medici, inoltre, sono preoccupati di consigliare un’intensificazione della cura in persone con malattie concomitanti o alterazioni dello status mentale (48%), scarse capacità cognitive (46%) o in caso di dubbio sulla corretta adesione alla cura (41%).1

 

Conclusioni

“Capire in che modo medici e pazienti prendano decisioni a proposito dell’intensificare la cura con l’insulina può migliorare il rapporto e il dialogo tra medico e paziente e favorire, laddove necessario, questo delicato passaggio nella vita di una persona con diabete di tipo 2”, ha dichiarato Meryl Brod, sperimentatore principale del progetto di ricerca POC. “Rispondere alle preoccupazioni dei pazienti, fornendo loro più informazioni, può facilitare questo processo, aumentando il numero di chi decida di accettare di cambiare la propria terapia per raggiungere un miglior controllo del proprio diabete”.

 

 

 

Fonte
Comunicato stampa HealthCom Consulting, 3 dicembre 2015

 

References

  1. Brod M, Pfeiffer KM, Barnett AH, et al. Patient/physicians inertia in insulin intensification for patients with uncontrolled type 2 diabetes using basal insulin. Poster presentation (1081-P) at the International Diabetes Federation (IDF) World Diabetes Congress, 1 December 2015
  2. Brod M, Pfeiffer KM, Barnett AH, et al. Perceptions of control among type 2 diabetes patients treated with basal insulin. Poster presentation (0742-P) at the International Diabetes Federation (IDF) World Diabetes Congress, 1 December 2015
  3. Brod M, Pfeiffer KM, Barnett AH, et al. Perceptions of diabetes control among physicians and patients with uncontrolled type 2 diabetes using basal insulin. Poster presentation (0741-P) at the International Diabetes Federation (IDF) World Diabetes Congress, 1 December 2015

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali