Diabetici interrompono la cura a base di metformina per il cattivo odore del farmaco

Il cattivo odore della metformina potrebbe essere l’elemento responsabile per l’interruzione della terapia da parte di molti pazienti con diabete di tipo 2.
Un team di ricercatori del Medical College of Georgia, USA, hanno riportato due casi di uomini che sostenevano di aver interrotto l’assunzione della metformina a causa del suo odore simile a quello del pesce che li nauseava.
Facendo una ricerca in letteratura i ricercatori non hanno trovato nessun articolo che menzionasse gli aspetti sgradevoli della metformina. Al contrario, navigando su internet i ricercatori hanno rintracciato centinaia di messaggi lasciati da utenti che lamentavano un odore forte e sgradevole del farmaco. Uno studio informale su un gruppo ristretto di farmacisti ha inoltre confermato che anch’essi sarebbero in grado di riconoscere il farmaco solo annusandolo proprio a causa del suo caratteristico odore.
È probabile che non esistano contributi scientifici che parlano di questo “effetto collaterale” come causa di un’interruzione precoce  del trattamento perché quando i pazienti dicono al medico di provare nausea in concomitanza con l’assunzione del farmaco i medici non pensino all’odore della metformina ma a un effetto di tipo gastrico-intestinale.

 

 

 

Fonte: 16 febbraio 2010, Annals of Internal Medicine

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Disponibile anche in Italia, la nuova insulina rapida Lispro U200, “2×1”Un’iniezione più ‘soft’ e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire, semplificando così la vita dei pazienti adulti con diabete mellito. Posted in Insulina
  • 10 febbraio 2017Il progetto aderenza: “Segui la terapia” a TorinoPartito alla fine del 2016 all’ASL1 di Torino, il progetto vuole migliorare l’aderenza alla terapia delle persone con una patologia cronica come il diabete o l’ipertensione o altre soprattutto per le persone che hanno difficoltà a seguire una terapia nel tempo. Posted in NEWS - 2017
  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico