Diabetici interrompono la cura a base di metformina per il cattivo odore del farmaco

Il cattivo odore della metformina potrebbe essere l’elemento responsabile per l’interruzione della terapia da parte di molti pazienti con diabete di tipo 2.
Un team di ricercatori del Medical College of Georgia, USA, hanno riportato due casi di uomini che sostenevano di aver interrotto l’assunzione della metformina a causa del suo odore simile a quello del pesce che li nauseava.
Facendo una ricerca in letteratura i ricercatori non hanno trovato nessun articolo che menzionasse gli aspetti sgradevoli della metformina. Al contrario, navigando su internet i ricercatori hanno rintracciato centinaia di messaggi lasciati da utenti che lamentavano un odore forte e sgradevole del farmaco. Uno studio informale su un gruppo ristretto di farmacisti ha inoltre confermato che anch’essi sarebbero in grado di riconoscere il farmaco solo annusandolo proprio a causa del suo caratteristico odore.
È probabile che non esistano contributi scientifici che parlano di questo “effetto collaterale” come causa di un’interruzione precoce  del trattamento perché quando i pazienti dicono al medico di provare nausea in concomitanza con l’assunzione del farmaco i medici non pensino all’odore della metformina ma a un effetto di tipo gastrico-intestinale.

 

 

 

Fonte: 16 febbraio 2010, Annals of Internal Medicine

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2017In Italia, il diabete è tra i temi di salute più ricercati sul webSecondo la 4° edizione del Diabetes Web Observatory, 2017 si ricerca in rete più al Sud, in particolare in Calabria, Puglia, Basilicata. Il 75 per cento delle persone utilizza le app per raccogliere e condividere informazioni sul mondo del diabete, in base all’osservatorio Diabetes Monitor, 6° Ed, 2017. Le persone con diabete sentono di più il bisogno di discutere con il proprio medico […] Posted in Italia
  • 27 ottobre 2017Diabete: le novità dei nuovi LEAI nuovi LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) sono stati pubblicati sulla G.U. del 18 marzo 2017, Supplemento n. 15 (DPCM 12 gennaio 2017); con tale decreto sono stati ridefiniti il numero e tipo di prestazioni delle quali i cittadini italiani potranno usufruire gratuitamente o a seguito del pagamento di una quota di partecipazione. Posted in Italia
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017