Diete: meglio le proteine

Almeno il 15/20% delle calorie che si assumono ogni giorno deve essere rappresentato da proteine perché aumenti la massa muscolare e migliori così il metabolismo: questa la conclusione di uno studio statunitense durato due anni e mezzo, che è stata condotto su 25 soggetti di età compresa fra i 18 e i 35 anni.
Nell’editoriale di Jama (Journal of the American Medical Association), la rivista che ha pubblicato lo studio americano, si sottolinea: «Questo studio suggerisce che il peso del corpo potrebbe far sottostimare i veri rischi dell’essere in sovrappeso»; la ricerca, infatti, spiega che la relazione più grasso/meno massa muscolare è alla base dell’epidemia di obesità che sta dilagando nel mondo, Italia compresa. È noto che le proteine consentono l’aumento della massa muscolare e questo permette di svolgere attività fisica, con il conseguente migliore funzionamento del metabolismo e quindi l’eliminazione delle calorie in eccesso; se si assumono poche proteine invece, le calorie in eccesso si depositano come grasso ed è quindi più difficile eliminarle.
Per dimostrarlo, l’équipe di George Bray ha riunito per otto settimane i partecipanti alla ricerca in un centro specializzato in disturbi alimentari, il Pennington Biomedical Research Center di Baton Rouge, in Louisiana, dove ha sottoposto una parte di loro a una dieta povera di proteine (meno del 5%), per un’altra parte la dieta era rappresentativa di quella media americana, con il 15% di proteine, e la terza parte ha seguito una dieta iperproteica (25%); inoltre, sono stati sottoposti a una dieta che prevedeva il 40% in più di calorie rispetto alla loro dieta abituale, sotto continuo controllo e in assenza di attività fisica.
Trascorso il periodo di controllo, fra quelli che avevano seguito la dieta con poche proteine l’aumento di peso è stato mediamente di tre chili e mezzo ma il metabolismo è risultato rallentato, tanto che il 90% delle calorie in eccesso si è trasformato in massa grassa e la massa muscolare è invece diminuita di quasi un chilo; per quelli che avevano seguito la dieta con una percentuale media di proteine o la dieta iperproteica, l’aumento di peso è stato di sei/sette chili ma l’aumento di massa grassa si è limitato al 50%, mentre la massa muscolare non solo non è diminuita ma è cresciuta dai tre ai quattro chili. Inoltre, al contrario delle persone del primo gruppo, fra quelle che avevano seguito la dieta proteica o iperproteica si è registrato un aumento della capacità di bruciare energie a riposo, e di riuscire quindi a perdere il peso in eccesso più velocemente.

 

Fonte George A. Bray, MD et al – Effect of Dietary Protein Content on Weight Gain, Energy Expenditure, and Body Composition During Overeating, A Randomized Controlled Trial, JAMA. 2012;307(1):47-55

Potrebbero interessarti

  • 27 marzo 2017I lipidi (grassi): classi e funzioni principaliI lipidi dal punto di vista energetico rappresentano la sorgente più concentrata di energia, sono praticamente insolubili in acqua, ma solubili nei solventi organici (etere, benzina, cloroformio, ecc.). Posted in Grassi
  • 26 aprile 2017Che cosa sono i trigliceridi?I trigliceridi sono i grassi più diffusi, costituiscono il 90% dei grassi presenti negli alimenti e sono i principali componenti del tessuto adiposo (quelli che si depositano nei famosi cuscinetti!) e che formano il grasso viscerale intorno alla vita, il più pericoloso per la salute di cuore, vasi, cervello e rene. Posted in Grassi
  • 19 aprile 2017Night market e frutta fresca: Myanmar, benvenuti nel Sud-Est AsiaticoAllo scattare del settimo mese dalla partenza, suonati i 9500 km, prendiamo un aereo - anzi tre per l'esattezza - che ci portano da Guwahati, India, fino a Mandalay, la bellissima città birmana sede del famoso Palazzo Reale. Aspetta aspetta, un aereo? Posted in For a piece of cake