Differenze tra piede ischemico e piede neuropatico

PIEDE CON NEUROPATIA PIEDE CON ISCHEMIA
  • Tendenzialmente caldo
  • Cute secca che tende a fissurarsi
  • Talvolta con edema
  • Vene dorsali del piede turgide
    (per aumento del flusso sanguigno)
  • Atrofia e debolezza dei muscoli del piede con alterazione dei movimenti flessori ed estensori
  • Deformità associate delle dita che si inarcano a “griffe”
  • Cavismo accentuato della pianta del piede
  • Appoggio plantare anomalo, con zone di maggior carico durante la deambulazione e con formazione di caratteristiche callosità (ipercheratosi) non dolenti causate dall’alterazione della sensibilità dovuta alla neuropatia.
  • Queste ipercheratosi, non avvertite dal soggetto, per il danno sensitivo, possono evolvere verso delle ulcerazioni della pianta del piede che caratterizzano il cosiddetto “Mal plantare perforante”.
  • Tendenzialmente freddo
  • Cute secca con fissurazioni
  • Alterazioni trofiche delle unghie
  • Le ulcere sono spesso scatenate da:
    • piccoli traumi o legati all’uso di calzature non idonee (calzata stretta o cuciture interne prominenti)
    • scorretta cura del piede (taglio delle unghie non corretto, rimozione delle callosità con lamette/tronchesini e/o pomate)

     

  • In caso di deformità come dita a martello o alluce valgo, le eventuali ulcere si distribuiscono principalmente sul dorso del piede e vicino alle articolazioni

 

Potrebbero interessarti