GDF-15 alto in donne diabetiche in gravidanza può indicare rischio malattie cardiovascolari

Nelle donne in gravidanza il diabete e la pre-eclampsia fanno aumentare i livelli del GDF-15 (growth differentiation factor-15), indicatore di un emergente rischio cardiovascolare.
Questo indica che le donne che in gestazione sviluppano diabete o pre-eclampsia potrebbero essere soggette a un rischio maggiore di incorrere in disturbi cardiocircolatori quali sindrome coronarica, infarto del miocardio e difetti cardiaci.
I ricercatori hanno in effetti analizzato il plasma di alcuni gruppi di donne incinte, rilevando che nel sangue delle donne diabetiche il livello del GDF-15 era pari a 91,549 ng/l, nelle donne con pre-eclampsia era pari a 127,061 ng/l mentre per le donne senza questo tipo di disturbi il livello di GDF-15 era di 79,875 ng/l.
Inoltre nel liquido amniotico e nella circolazione fetale sono stati riscontrati livelli maggiori di GDF-15 quando i nascituri erano stati esposti a pre-eclampsia o diabete materno.
Questi dati dovrebbero favorire ulteriori studi circa gli effetti del GDF-15 in circolazione nell’organismo materno durante la gravidanza, indicando con precisione quale sia il ruolo di questo marcatore nell’indicare il rischio di malattie cardiovascolari in seguito a condizioni particolari durante la gestazione.

 

 

FonteHypertension 2009; 54: 106-112

Potrebbero interessarti

  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile
  • 18 gennaio 2017La dermopatia diabetica (“shin spots”): che cos’è?Il diabete di tipo 2, essendo una malattia metabolica, ha conseguenze su molti organi del nostro corpo, compresa la cute. La dermatopatia diabetica è tra le manifestazioni cutanee più comuni tra i diabetici di lunga data. Posted in Diabete e prurito
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia