I fibromi penduli, detti volgarmente porri (acrochordon)

Si chiamano in vari modi: fibromi penduli o fibromi molli (in modo improprio: “porri”), tasche cutanee, polipi fibroepiteliali, acrocordoni. Sono escrescenze cutanee di piccole dimensioni, peduncolate, che pendono verso l’esterno; si tratta di lesioni benigne, non contagiose, ma possono diventare sintomatiche in caso di abrasioni e necrosi.

 

Incidenza e cause

Si manifestano in circa il 25-26% dei diabetici adulti e aumentano con l’età.
È raro che i fibromi penduli si presentino nei bambini e tra i giovani: in genere, si manifestano per la prima volta intorno ai 40-50 anni, in entrambi i sessi. Dopo i 50 l’incidenza aumenta tra le donne il che ha fatto ipotizzare che i fibromi penduli siano influenzati anche dagli ormoni e quindi dalla menopausa anche se a tutt’oggi non esistono studi che lo dimostrino in modo rigoroso.
Si associano spesso a storia familiare, obesità, iperinsulinemia, intolleranza al glucosio, alterato profilo dei lipidi plasmatici, Acanthosis nigritans.

 

Dove e come si presentano

Sebbene possano svilupparsi in ogni area del corpo, le più comuni localizzazioni sono le palpebre superiori, il collo, il mento, le ascelle, l’inguine e tutte quelle aree ove esiste uno sfregamento cutaneo continuo, evenienza frequente nelle persone obese.
In genere, i fibromi penduli sono di piccolissime dimensioni (1-2 mm), ma potrebbero estendersi fino a qualche centimetro di diametro ed apparire antiestetici, oltre che fastidiosi. Quando i fibromi penduli presentano uno sviluppo notevole, tendono a pendere verso il basso per la forza di gravità e proprio per questo sono stati chiamati “penduli”. In questo caso potrebbero sanguinare per irritazioni, sfregamenti, attrito con gli abiti o magari un gioiello. Talvolta è possibile che si verifichi un distacco, totale o parziale, del fibroma pendulo: in tal caso, il rischio d’infezione batterica aumenta quindi è consigliabile farsi subito vedere da un medico.
La pigmentazione è in genere simile a quella cutanea (normo pigmentati) ma possono anche essere anche molto più scuri della pelle normale.

 

Come si trattano

Il trattamento dei fibromi penduli è in genere cosmetico. Sono forme tumorali benigne la cui rimozione viene consigliata e/o eseguita più che altro per motivi estetici o quando esista una continua sollecitazione o siano localizzati in aree – come le palpebre – ove potrebbero disturbare la vista.
La rimozione avviene eseguita in ambulatorio, è un procedimento piuttosto semplice. Le tecniche utilizzate sono diverse: escissione chirurgica senza anestesia, laser, elettrocoagulazione, criochirurgia con azoto liquido. In una sola seduta possono essere eliminati più fibromi penduli. Possono ripresentarsi.
 

 

Fonti
– Duff M et al – Cutaneous manifestations of diabetes mellitus. Clinical Diabetes Journals Org 2015; 33 (1): 40-8
– Levy L,  Zeichner JA – Dermatologic manifestation of diabetes. Journal of Diabetes 4 (2012) 68–76
– Lee JA, Khodaee M – Enlarging, Pedunculated Skin Lesion. Am Fam Physician 2012 Jun 15;85(12):1191-2
Ragunatha S et al – Cutaneous disorders in 500 diabetic patients attending diabetic clinic. Indian J Dermatol 2011 Mar;56(2):160-4
– Demir S, Demir Y – Acrochordon and impaired carbohydrate metabolism. Acta Diabetol 2002 Jun;39(2):57-9
– Bhargava P, Mathur D –  Acrochordon, diabetes and associations. Indian J Dermatol Venereol Leprol [serial online] 1996 [cited 2015 Jun 1];62:226-8

Potrebbero interessarti

  • 14 novembre 2016La medicina di genereLa Medicina di genere è finalizzata a garantire l’appropriatezza della terapia a ogni persona, uomo o donna che sia, rafforzando il concetto della centralità del singolo paziente che il medico si trova davanti e alle sue specifiche esigenze di salute. Posted in Diabete al femminile
  • 5 dicembre 2016Com’è fatto il nostro occhio?La superficie del bulbo oculare è formata da tre strati: il più esterno, molto resistente, la sclera, che costituisce la parte bianca dell’occhio e contribuisce a determinarne la forma. Posted in Complicanze oculari - Retinopatia
  • 8 dicembre 2016Podologo: l’esperto per la cura dei piediNelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnica), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici. Posted in Piede diabetico