Iniziare screening diabete di tipo 2 fra i 35 e i 45 anni e ogni 3-5 anni perché sia costo-efficace

Richard Kahn dell’American Diabetes Association e i suoi collaboratori hanno confrontato sette strategie di screening di popolazione (con tempi di avvio tra 30 e 60 anni) con l’assenza o la massima frequenza di controlli (visite ogni sei mesi a partire dai 30 anni) utilizzando un modello matematico sviluppato da uno dei coautori e denominato Archimedes Model.
Grazie ad Archimedes, che simula in modo completo la fisiologia umana, le malattie e i sistemi sanitari, i ricercatori hanno ricostruito una popolazione di 325mila trentenni non diabetici con fattori di rischio demografici, comportamentali e bioumorali simili a quelli dei soggetti del Nhanes (U.S. National Health and Nutrition Examination Survey) 1999-2004. La migliore costo-efficacia si è ottenuta con gli sceening partiti a 30-45 anni di età che hanno ridotto al massimo i tassi di infarto del miocardio, complicazioni microvascolari e morte. L’aspettativa di vita aggiustata per la qualità della vita (Qaly – Qualità Adjusted Life Years) sommati a 1.000 persone per 50 anni di follow-up è andato da 171 per lo screening a partire dai 30 anni ogni tre anni fino a 114 per quello a partire dai 45 anni ogni 5 anni .
Costi per Qaly non superiori a 10.500 dollari sono stati determinati da cinque strategie: a partire dai 30 anni ogni 3 anni, a partire dai 45 anni ogni 3-5 anni e, dopo una diagnosi di ipertensione, ogni anno oppure ogni cinque anni.

 

 
Fonte: 5 aprile 2010, Lancet

Potrebbero interessarti

  • 13 febbraio 2017Le malattie delle unghieLe malattie che interessano comunemente le unghie (o parti di esse) di mani e piedi possono avere molte cause: infezioni, microtraumi, traumi, psoriasi, dermatiti, eczema, deformità, utilizzo di scarpe incongrue, malattie congenite... Posted in Unghie e onicopatie
  • 15 febbraio 2017Che cos’è l’onicogrifosi?Il termine onicogrifosi descrive un’unghia che assomiglia a un artiglio. È un segno di disuguale crescita della matrice dell’unghia che produce una lamina ungueale che cresce più in spessore che in lunghezza, ricurva lateralmente perché cresce di più da un lato rispetto all’altro e spesso con la punta rivolta all’ingiù. Posted in Unghie e onicopatie
  • 28 dicembre 2016A Novara presentato il progetto “Peer Therapy” per gli adolescenti con DT1La “Peer Therapy” come strategia di promozione della salute rappresenta oggi uno dei percorsi più interessanti ed efficaci nella prevenzione dei comportamenti a rischio ed è un efficace modello di lavoro con gli adolescenti per lo sviluppo di reali processi di autonomia ed empowerment personale. Posted in Fabio Braga