Iniziare screening diabete di tipo 2 fra i 35 e i 45 anni e ogni 3-5 anni perché sia costo-efficace

Richard Kahn dell’American Diabetes Association e i suoi collaboratori hanno confrontato sette strategie di screening di popolazione (con tempi di avvio tra 30 e 60 anni) con l’assenza o la massima frequenza di controlli (visite ogni sei mesi a partire dai 30 anni) utilizzando un modello matematico sviluppato da uno dei coautori e denominato Archimedes Model.
Grazie ad Archimedes, che simula in modo completo la fisiologia umana, le malattie e i sistemi sanitari, i ricercatori hanno ricostruito una popolazione di 325mila trentenni non diabetici con fattori di rischio demografici, comportamentali e bioumorali simili a quelli dei soggetti del Nhanes (U.S. National Health and Nutrition Examination Survey) 1999-2004. La migliore costo-efficacia si è ottenuta con gli sceening partiti a 30-45 anni di età che hanno ridotto al massimo i tassi di infarto del miocardio, complicazioni microvascolari e morte. L’aspettativa di vita aggiustata per la qualità della vita (Qaly – Qualità Adjusted Life Years) sommati a 1.000 persone per 50 anni di follow-up è andato da 171 per lo screening a partire dai 30 anni ogni tre anni fino a 114 per quello a partire dai 45 anni ogni 5 anni .
Costi per Qaly non superiori a 10.500 dollari sono stati determinati da cinque strategie: a partire dai 30 anni ogni 3 anni, a partire dai 45 anni ogni 3-5 anni e, dopo una diagnosi di ipertensione, ogni anno oppure ogni cinque anni.

 

 
Fonte: 5 aprile 2010, Lancet

Potrebbero interessarti

  • 30 aprile 2018L’impatto del diabete in Italia3,27 milioni di persone dichiarano di avere il diabete, ovvero 1 persona su 18 (5,4%) e 1 persona su 6 se consideriamo gli anziani di 65 anni e oltre; 1 milione sono le persone che non sanno di avere il diabete; 4 milioni sono le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete; su 10 persone con diabete, il 40% ha più di 75 anni; 400.000 le persone con diabete che hanno avuto un […] Posted in Italia
  • 30 marzo 2018Che cosa provoca la diagnosi di diabete in chi la riceveDopo la diagnosi di diabete, ci si sente spaesati, diversi in quanto malati, affetti da una malattia che per molti è invisibile ma però c’è (come noto il diabete di tipo 2 può decorrere anche per anni in modo asintomatico) ed è invadente. Posted in Educazione terapeutica e diabete
  • 20 giugno 2018Le vacanze in montagna per chi ha problemi di pressioneLe vacanze di avvicinano e chi ama la montagna non vede l’ora di partire per cimentarsi in passeggiate, escursioni, gite in bicicletta e per godere di panorami mozzafiato tra le vette più alte. Ma è una vacanza adatta a tutti, anche a chi, per esempio è iperteso, con diabete od obesità? Sì, se si mette in pratica il buonsenso e proprio su questo hanno puntato gli Esperti dell’ALT- […] Posted in Movimento