Insulina da inalare contro il diabete

Nel corso del 47° congresso dell’European Association for the Study of Diabetes (Easd) che si è concluso nei giorni scorsi a Lisbona, è stato presentato uno studio della Società Italiana di Diabetologia (Sid) secondo il quale, per le persone affette da pre-diabete, sarebbero sufficienti 12 spruzzate di insulina spray prima dei pasti per evitare il successivo aumento della glicemia, fattore di rischio cardiovascolare e di diabete.
Il pre-diabete è un’intolleranza al glucosio caratterizzata da livelli costanti di glucosio superiori alla norma e da livelli di insulina circolante elevati; si trasforma in diabete conclamato in oltre un terzo dei casi, mentre in un altro terzo si può evitarne l’evoluzione negativa assumendo farmaci e cambiando radicalmente gli stili di vita.
La ricerca italiana è stata condotta su 34 pazienti affetti da pre-diabete da un’équipe coordinata da Paolo Pozzilli, direttore dell’Area di Endocrinologia e Diabetologia del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma. L’insulina spray si assorbe a livello orale e, in base a una ricerca americana, rallenterebbe il morbo di Alzheimer.

 

 
Fonte 15 settembre 2011, Sanità News

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2016Disponibile anche in Italia, la nuova insulina rapida Lispro U200, “2×1”Un’iniezione più ‘soft’ e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire, semplificando così la vita dei pazienti adulti con diabete mellito. Posted in Insulina
  • 16 febbraio 2017Corso di acquaticità per le future mamme con diabeteAll’Ospedale Niguarda di Milano è possibile partecipare a un corso di acquaticità in gravidanza rivolto alle gestanti con diabete (sia gestazionale, sia pre-gestazionale, di tipo 1 o 2) che vogliono prepararsi o migliorare il lungo periodo della gravidanza, ricavandone grandi benefici per se stesse e per il futuro neonato! Posted in Diabete gestazionale
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia