Ipertensione e pre-ipertensione in pazienti diabetici aumenta il rischio di aterosclerosi

I soggetti con diabete di tipo 2 che soffrono di ipertensione corrono un rischio più elevato di sviluppare l’aterosclerosi rispetto a persone non diabetiche e con valori pressori nella norma.
È quanto sostengono i ricercatori della Shanghai Jiao-Tong University School of Medicine in seguito a una ricerca condotta di recente allo scopo di approfondire le conoscenze relative all’associazione esistente tra ipertensione e aterosclerosi in pazienti diabetici.
Lo studio in particolare ha coinvolto 930 soggetti con diabete che hanno ricevuto cure ambulatoriali. Sono stati considerati affetti da ipertensione tutti i soggetti con pressione sanguigna sistolica pari a 120–139 mmHg o con pressione diastolica pari a 80–89 mmHg. La presenza di aterosclerosi è stata accertata per mezzo della misurazione dell’IMT (spessore intimo-medio carotideo), effettuata con gli ultrasuoni, e per mezzo della misurazione della baPWV (velocità di propagazione dell’onda sfigmica di braccio-caviglia) effettuata con un apparato di volume pletismografico.
In base a questi parametri il campione è stato suddiviso in tre gruppi, di cui uno composto da 167 soggetti normotesi, uno da 213 pazienti pre-ipertesi e l’ultimo formato dai restanti 550 soggetti risultati ipertesi. I ricercatori hanno inoltre riscontrato che il valore dell’IMT carotideo medio aumentava all’aumentare del valore pressorio in tutti e tre i gruppi di pazienti, e lo stesso accadeva per il valore della baPWV.
I ricercatori sono giunti alla conclusione che l’ipertensione possa essere un fattore predittivo per l’aterosclerosi in pazienti affetti da diabete di tipo 2 per-ipertesi e ipertesi, poiché questi presentano valori dell’IMT carotideo e della baPWV significativamente maggiori rispetto a soggetti normotesi. Questi dati suggeriscono che mantenendo la pressione sistolica al di sotto di 120 mmHg e quella diastolica al di sotto di 80 mmHg i pazienti diabetici potrebbero ridurre significativamente il rischio di aterosclerosi e, di conseguenza, il rischio di morbilità e di mortalità.
 

 
Fonte: 16 novembre 2009, Journal of Diabetes, Advance online publication

Potrebbero interessarti

  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali