L’attività fisica riduce il rischio di progressione del diabete gestazionale a diabete di tipo 2 (DMT2)

Un recente studio ha riconfermato l’utilità dell’esercizio fisico, moderato e regolare, per ridurre il rischio di progressione da diabete gestazionale (cioè insorto durante la gravidanza) a diabete di tipo 2, dimostrando ancora una volta il ruolo preventivo fondamentale di uno stile di vita sano e attivo.

Il diabete gestazionale complica spesso la gravidanza ed è associato a un maggior rischio (superiore al 50%) per la futura mamma di sviluppare diabete di tipo 2 una volta terminata la gravidanza o durante una gravidanza successiva; è stato calcolato che un terzo delle madri diabetiche ha una storia di diabete gestazionale. Il diabete può comparire in gravidanza anche se non era evidente prima di rimanere incinta perché durante i nove mesi è necessaria una quantità di insulina maggiore rispetto a quella del fabbisogno quotidiano e non sempre il pancreas della donna riesce a soddisfare tale richiesta: da qui deriva la necessitò di iniezioni di insulina e il maggior rischio di rimanere a corto dell’ormone in futuro.
Diventa, quindi, importante dal punto di vista preventivo identificare i principali fattori di rischio modificabili in gioco.
Abbiamo più volte sottolineato come una dieta sana si associ a una minore probabilità di insorgenza di diabete di tipo 2 e questo è vero anche per le donne che hanno manifestato diabete gestazionale durante la gravidanza.
L’attività fisica regolare, in questi casi, migliorando il controllo della glicemia e facilitando la perdita di peso, può prevenire ulteriormente o ritardare l’insorgenza di diabete di tipo 2.

Gli autori dello studio hanno seguito per 17 anni (dal 1991 al 2007) oltre 4.550 donne con storia passata di diabete gestazionale. Dai risultati osservati si evidenzia che per ogni aumento settimanale di 100 minuti di attività fisica moderata o di 50 minuti di esercizio vigoroso, il rischio di diabete di tipo 2 cala del 9%.
“Lo studio offre un messaggio di speranza alle donne con diabete gestazionale” concludono gli autori, suggerendo che è possibile ridurre il rischio di diabete attraverso adeguate modificazioni dei comportamento e dello stile di vita. Questi risultati rappresentano anche uno stimolo per le Istituzioni affinché approvino  iniziative ed interventi sistematici ed efficaci per aumentare l’esercizio fisico tra le donne in età fertile.

Per saperne di più sul diabete gestazionale: diabete.com/servizi

Fonte

Wei Bao et al – Physical Activity and Sedentary Behaviors Associated With Risk of Progression From Gestational Diabetes Mellitus to Type 2 Diabetes Mellitus.
A Prospective Cohort Study. JAMA Intern Med Published online May 19, 2014

Potrebbero interessarti

  • 27 aprile 2017Il Diabete giovanile: se ne parlerà il 6 maggio a NovaraObiettivo dell’incontro del 6 maggio è quello di far conoscere, condividere esperienze e saperne di più sul ‘mondo del diabete giovanile’, un tema che interessa sempre più famiglie italiane e che è particolarmente critico sia per il periodo delicato di crescita dell’adolescenza sia per lo stile di vita troppo spesso non adeguato. Posted in Fabio Braga
  • 26 giugno 2017Diabete e osteoporosi: quale correlazione?Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 3 aprile 2017Diabete giovanile, tutela legale e prospettive terapeutiche6 maggio 2017 - c/o Teatro Faraggiana Novara. Interviene il Prof. Camillo Ricordi: "Dal trapianto del pancreas endocrino, alle strategie per bloccare l'autoimmunità e rigenerare cellule che producono insulina". Posted in EVENTI - 2017