Le lenti: il glucosio ne cambia il colore

La tecnologia al servizio della medicina viene incontro alle esigenze dei pazienti, l’ultima novità riguarda una speciale lente a contatto dotata di una sostanza che reagisce al glucosio segnalandone il livello tramite colori.
Infatti chi soffre di diabete deve tenere costantemente monitorato il livello di glucosio e il metodo più diffuso è quello della goccia di sangue prelevata ad esempio dalla punta del dito. Ma una nuova metodologia è stata ipotizzata dalla University of Western Ontario, più veloce e meno invasiva: tramite una lente a contatto capace di cambiare colore a seconda del livello di glucosio.
Quando la colorazione cambia non è proprio un bel segno, però almeno si potrà agire tempestivamente per riportare i livelli nuovamente nella norma. Tale sistema funziona grazie alla nanoparticelle, contenute in una sostanza chiamata idrogel che compone le lenti e che reagisce al glucosio che oltre al sangue è anche contenuto nelle lacrime. Questa tecnologia è ad ampio respiro e potrà avere molteplici applicazioni: potrà essere infatti usata anche nelle confezioni di cibo per informare sulla qualità degli alimenti contenuti e su eventuali contaminazioni.

 

 
Fonte: 24 dicembre 2009, jack.tiscali.it

Potrebbero interessarti

  • 11 marzo 2017Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessereNon sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista. Posted in T’Ai Chi Ch’Uan - Un’ avventura… nel benessere
  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia