Lipoproteina A nel sangue: un nuovo fattore di rischio per l’infarto

La presenza della lipoproteina A nel sangue potrebbe essere un fattore determinante per una maggiore propensione a incorrere in infarto. Lo sostengono i ricercatori dell’ Istituto Mario Negri di Milano, del Karolinska Institute di Stoccolma, dell’Università di Munster, del Wellcome Trust Centre e della Clinical Trials Service Unit dell’Università di Oxford, riuniti nel consorzio europeo Procardis.
Lo studio, condotto su circa 16 mila europei, si è basato sull’analisi genetica per dimostrare che esistono due varianti del gene Apo-A in grado di aumentare i livelli di lipoproteina A nel sangue e incrementare di conseguenza il rischio di infarto.
Un ulteriore fattore di rischio che si va quindi ad aggiungere a quelli già noti (colesterolo, ipertensione, diabete, obesità e fumo) e al quale bisogna prestare molta attenzione: secondo gli esperti infatti una persona su sei è portatrice di una delle due varianti del gene Apo-A, e ha quindi un rischio di infarto doppio rispetto a coloro che non ne sono portatori. Situazione ancora peggiore per coloro che risultano essere portatori di entrambe le varianti, poiché il loro rischio di infarto risulta addirittura quadruplicato rispetto al normale.
È necessario comunque attendere nuove informazioni dalla comunità scientifica riguardo alla lipoproteina A, che è ancora poco conosciuta ma che già dai primi studi appare poco sensibile a misure quali dieta, attività fisica  e statine e più reattiva invece ad alcuni farmaci.

 

 
Fonte: 12 gennaio 2010, corriere.it

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 27 settembre 2017L’obesità si associa a un elevato rischio di sviluppare diabete di tipo 2Tale rischio è stato ampiamente sottolineato al Congresso della Società Italiana dell’Obesità (SIO) che si è svolto a Milano il 15-16 settembre 2017 dove un’intera sessione è stata dedicata alla diabesità ovvero la frequente associazione tra obesità e diabete di tipo 2 (DT2). Ma quali sono i pazienti con un più alto rischio di DT2? Posted in Fattori di rischio
  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi