Meno rischi di diabete per le madri che allattano

Le donne con figli corrono un rischio maggiore di contrarre il diabete di tipo 2 rispetto a quelle che non ne hanno ma l’allattamento al seno per un periodo di almeno tre mesi diminuisce significativamente il rischio di ammalarsi. Le madri che non allattano avrebbero il 50% in più di probabilità di diventare diabetiche rispetto a chi non ha figli. Se l’allattamento si prolunga fino all’anno, la riduzione del rischio arriva a circa il 14%. Questa è la conclusione di una ricerca condotta dalla scuola di Medicina dell’università di Western Sydney su 54.000 donne e pubblicata dalla rivista Usa Diabetes Care.
La ricerca fa parte del più approfondito studio australiano sull’invecchiamento chamato ’45 and Up’ (dai 45 in su); gli studiosi hanno esaminato i questionari compilati dalle donne prese in esame valutandone gli stili di vita, la salute e altri fattori. Per la prima volta sono state incluse nella ricerca donne che non hanno avuto figli.
Visti i benefici che l’allattamento al seno offre alla salute, prevenendo anche le malattie metaboliche, l’Australian Breastfeeding Association sostiene che bisognerebbe favorirlo anche con provvedimenti relativi ai congedi per maternità.

 

 
Fonte: marzo 2010, Diabetes Care

Potrebbero interessarti

  • 11 novembre 2016Girovita: diamogli un taglioManiglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore. Posted in Indici e calcoli, Area interattiva
  • 7 dicembre 2016Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia. Posted in Mondo, Europa
  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia