Nuove terapie dell’obesità possibili grazie alle cellule adipose

Nel corso del 4° Congresso Sio-Lazio (Società Italiana dell’Obesità) che si è tenuto nei giorni scorsi a Viterbo, Saverio Cinti, direttore dell’istituto di Anatomia dell’Università Politecnica delle Marche, ha osservato: «Lo studio delle cellule adipose apre nuove prospettive per la biologia cellulare e per la terapia del diabete, dell’obesità e di tutte le patologie che potranno giovarsi dell’uso delle cellule adipose staminali». Nel corso della lectio magistralis ‘Basi scientifiche per un laboratorio di medicina traslazionale’ Cinti ha spiegato: «Tutti i mammiferi hanno due tipi di tessuto adiposo: quello bianco (Wat) e quello bruno (Bat). Il Wat serve principalmente per accumulare molecole altamente energetiche che consentono un intervallo fra due pasti consecutivi; il Bat brucia i grassi per produrre calore. Secondo i nostri studi Wat e Bat sono localizzati in depositi sottocutanei e viscerali che formano un vero e proprio organo, dotato di vasi e nervi ed è caratterizzato da proprietà plastiche notevoli che consentono di pensare alla possibilità di modulare farmacologicamente le due componenti. Questo è importante perché il fenotipo bruno dell’organo si associa a una resistenza all’obesità e al diabete».

 

 
Fonte: 7 dicembre, asca.it

Potrebbero interessarti

  • 8 febbraio 2017Malattie autoimmuni: tendono ad associarsi nello stesso soggettoLe malattie autoimmuni sono causate da errori del sistema immunitario, che inizia ad aggredire cellule dei tessuti sani invece di attaccare i nemici: virus, batteri, tossine etc che l’organismo può ospitare. Possono colpire un solo organo o organi diversi anche nella stessa persona e in genere la causa non è nota. Posted in Diabete di tipo 1
  • 13 febbraio 2017Unghie dei piedi: vasi e nerviA cura del dr. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma). Le dita dei piedi sono irrorate e innervate da arterie e nervi digitali, dorsali e plantari.   Posted in Unghie e onicopatie
  • 27 marzo 2017I lipidi (grassi): classi e funzioni principaliI lipidi dal punto di vista energetico rappresentano la sorgente più concentrata di energia, sono praticamente insolubili in acqua, ma solubili nei solventi organici (etere, benzina, cloroformio, ecc.). Posted in Grassi