Per i diabetici più alto il rischio di perdita dei denti

Secondo i risultati di una ricerca condotta dal Bureau of Dental Health (Ufficio di Igiene Dentale) del Dipartimento di Sanità dello Stato di New York, di Albany, il rischio di edentulia (perdita totale o parziale dei denti) è più alto fra le persone con diabete; spiega Jayanth Kumar, uno degli autori: «La caduta dei denti è un disturbo molto importante per gli ultrasessantenni, e può portare a difficoltà nel parlare e di masticazione, per non parlare della pessima qualità di vita dovuta alla percezione del proprio aspetto e del giudizio degli altri. Il rischio di edentulia è particolarmente alto nelle persone meno colte e a basso reddito, a causa della insufficiente igiene orale; va inoltre notato che solo il 19% dei non fumatori ha subito la perdita totale dei denti, contro il 43% dei fumatori.
La frequenza della perdita dentale, anche se si è ridotta negli ultimi decenni per merito di una migliore igiene orale, resta comunque un importante problema di salute pubblica, presente e futuro». Non è però solo la mancanza d’igiene orale responsabile dell’edentulia; è stato calcolato che negli Stati Uniti il diabete è responsabile di un caso su cinque di caduta dei denti.
Prosegue infatti Kumar: «Dato lo stretto legame fra il diabete e la malattia parodontale, gli operatori sanitari devono conoscere l’esistenza del rischio di perdita dentale nei diabetici, e il suo effetto sulla qualità della vita; devono quindi informare i diabetici dell’importanza della salute orale, spiegando loro che il diabete è un importante fattore di rischio per la perdita dei denti». Insieme ai ricercatori del National Health and Nutrition Examination Survey, il programma di ricerca per la valutazione della salute e della nutrizione degli Americani, Kumar e colleghi hanno valutato i dati relativi alla salute orale e ai controlli metabolici di 2.508 ultracinquantenni che fra il 2003 e il 2004 hanno partecipato al sondaggio; è emerso che aveva perso tutti i denti il 28% dei diabetici, contro il 14% dei coetanei senza diabete. La ricerca è stata pubblicata su Jada (The Journal of the American Dental Adssociation).


Fonte

Patel MH, Kumar JV, Moss ME – Diabetes and tooth loss: an analysis of data from the National Health and Nutrition Examination Survey, 2003-2004. J Am Dent Assoc 2013 May;144(5):478-85

Potrebbero interessarti

  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 24 marzo 2017Quando e perché si forma un’unghia incarnita?L’unghia incarnita o onicocriptosi, utilizzando un termine medico - dal greco onyx = unghia e kryptos = nascosta - , è un disturbo che colpisce le unghie dei piedi, con una maggiore prevalenza a carico dell’alluce, pur non escludendo le altre dita. Posted in Unghie e onicopatie
  • 19 aprile 2017Urbanizzazione e salute: due facce della stessa medagliaEntro il 2030, 1 miliardo e mezzo di persone si sposterà dalle campagne alle città, provocando l’urbanizzazione di 1,5 milioni di chilometri quadrati. Fenomeno sociale inarrestabile e tendenza irreversibile, che va gestito e studiato dal punto di vista di: assetto urbanistico, trasporti, contesto occupazionale, ma soprattutto salute pubblica, perché è indissolubilmente legato […] Posted in Mondo, Europa