Restenosi in pazienti diabetici: il rischio aumenta in base al tipo di stent utilizzato

Secondo un gruppo di ricercatori svedesi il rischio di restenosi per individui diabetici è influenzato dal tipo di farmaco rilasciato dallo stent inserito nell’arteria per evitarne la completa occlusione.
Gli stent di nuova generazione, che sono attualmente i più utilizzati, sono ricoperti da un farmaco che viene rilasciato gradualmente (drug-eluting stent o meglio conosciuti con la sigla DES) il quale serve a impedire un nuovo restringimento dell’arteria, ovvero il fenomeno della restenosi.
Esistono tuttavia diversi tipi di stent appartenenti a marchi differenti che sono progettati per rilasciare farmaci diversi: lo stent Cypher rilascia il farmaco Sirolimus, gli stent  Taxus nelle versioni Express e Liberté rilasciano Paclitaxel mentre lo stent Endeavor rilascia Zotarolimus.
Secondo la ricerca condotta dai ricercatori svedesi, coordinati da Ole Fröbert, il rischio di restenosi è decisamente maggiore per soggetti diabetici sottoposti a impianto di stent rispetto al rischio che corrono i non diabetici.
Tuttavia anche il tipo di DES utilizzato sembra influire sul tasso di incidenza di restenosi registrato nei pazienti: il tasso più alto di restenosi in pazienti diabetici contro quelli non diabetici si è osservato con gli stent Endeavor e Cypher, mentre il Taxus non è stato significativamente associato al diabete. Inoltre pur non essendoci differenze significative nell’incidenza di restenosi tra i due tipi di stent Taxus e lo stent Cypher in pazienti diabetici, il rischio relativo di restenosi era due volte maggiore con lo stent Endeavor rispetto a tutti gli altri tipi di DES.

 

 

FonteJournal of the American College of Cardiology 2009 ; 53: 1660-1667

Potrebbero interessarti

  • 16 gennaio 2017Farmaci. 1 Italiano su 3 non segue la prescrizione del medicoItaliani “anarchici” per quanto riguarda la terapia con farmaci. E questo comportamento ha risvolti negativi sull’aderenza terapeutica. A sottolinearlo è un'indagine dell'Osservatorio nazionale sulla salute della donna (Onda) nella quale si evidenzia la necessità di una migliore comunicazione tra medico e paziente. Posted in Italia
  • 7 dicembre 2016Disponibile anche in Italia, la nuova insulina rapida Lispro U200, “2×1”Un’iniezione più ‘soft’ e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire, semplificando così la vita dei pazienti adulti con diabete mellito. Posted in Insulina
  • 19 novembre 2016Cura Diabete: quali sono le prestazioni sanitarie più efficaci?L’Associazione Medici Diabetologi (AMD) ha misurato con un approccio scientifico le prestazioni diabetologiche che funzionano di più, ovvero quelle che garantiscono un miglior controllo dei rischi clinici da un lato e maggiore efficienza per il Servizio Sanitario Nazionale, dall’altro. Posted in Italia