Sanità: trapianto di solo pancreas al ‘Maggiore’ di Parma

Un trapianto di pancreas isolato – intervento piuttosto raro – e’ stato eseguito per la prima volta in Emilia-Romagna dall’equipe della Clinica chirurgica e Trapianti d’organo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, lo scorso 28 di marzo. A darne notizia, oggi, e’ lo stesso ospedale. In una nota si sottolinea che l’intervento, riuscito, e’ stato compiuto su un uomo piacentino di 39 anni affetto da diabete di tipo 1, patologia caratterizzata dall’incapacita’ del pancreas di produrre insulina. Il trapianto ha permesso di eliminare l’instabilita’ metabolica restituendo al paziente valori glicemici perfettamente normali.
Il decorso post operatorio e’ stato regolare e la dimissione e’ avvenuta a distanza di 20 giorni dall’intervento. Il trapianto di solo pancreas viene praticato solo in particolari condizioni. Nella maggior parte dei pazienti diabetici di tipo I il controllo della malattia si ottiene con la convenzionale terapia insulinica, evitando cosi’ i rischi legati all’intervento chirurgico. In genere si esegue la sostituzione di tale organo solo quando si renda necessario associarlo al trapianto di rene: caso tipico sono i pazienti diabetici di tipo I in dialisi per grave patologia renale. In questo caso il paziente, pur avendo una buona funzionalita’ renale, presentava valori glicemici impossibili da controllare con la terapia insulinica e complicanze tipiche del diabete (oculari, aterosclerotiche e nervose) in rapida evoluzione. Si e’ scelto pertanto di effettuare il trapianto di pancreas considerando anche la giovane eta’: l’ulteriore progressione della malattia avrebbe potuto compromettere non solo la qualita’ di vita ma anche la sopravvivenza del paziente.
La Clinica chirurgica e Trapianti d’organo e la Nefrologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma sono strutture di riferimento per il trapianto di rene, rene e pancreas e pancreas isolato. Dall’aprile 1986, anno di avvio dell’attivita’, a oggi sono stati eseguiti complessivamente 1095 trapianti.

 

 

Fonte: agi.it, 14 maggio 2009

Potrebbero interessarti

  • 31 dicembre 2017Adesione alla terapia per il diabeteL’adesione alla terapia antidiabetica è uno dei principali fattori che concorrono al buon controllo del diabete nel tempo e al minor rischio di complicanze. Una scarsa aderenza terapeutica ha ricadute negative sul controllo della malattia. Posted in Adesione alla terapia
  • 23 ottobre 2017#GMD17/#WDD17 – La giornata mondiale del diabete 2017La giornata mondiale del diabete – il 14 novembre 2017 - quest’anno è dedicata alle donne. In realtà la campagna di sensibilizzazione “IL NOSTRO DIRITTO AD UN FUTURO PIÚ SANO. AGISCI OGGI PER CAMBIARE DOMANI” durerà dal 6 al 18 novembre 2017. Posted in EVENTI - 2017
  • 6 dicembre 2017Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® ProgramNella Città metropolitana, capoluogo della Regione Piemonte, risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3 per cento della popolazione censita, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili come diabete tipo 2 e obesità. Posted in Mondo, Europa