Screening e diagnosi del diabete gestazionale

La procedura di screening più spesso suggerita è il test da carico orale di glucosio in due fasi (minicarico con 50 g di glucosio e, in caso di positività, test diagnostico con 100 g di glucosio).

 

Modalità di esecuzione del test da carico
  • Il test da carico orale di glucosio deve essere eseguito al mattino, a digiuno
  • Durante il test, la donna deve assumere la posizione seduta e astenersi dall’assunzione di alimenti e dal fumo
  • Nei giorni precedenti il test, l’alimentazione deve essere libera e comprendere almeno 150 g di carboidrati al giorno
  • Il dosaggio della glicemia deve essere effettuato su plasma, utilizzando metodi enzimatici, mentre è sconsigliato l’uso di glucometri
  • Il test da carico di glucosio non deve essere effettuato in presenza di malattie intercorrenti (influenza, stati febbrili, etc)

 

Criteri per l’interpretazione del test di screening
(minicarico con 50 g di glucosio)
  • NEGATIVO
→ Glicemia dopo 1 ora < 140 mg/dl
  • POSITIVO
→ Glicemia dopo 1 ora  140 mg/dl
  • DIAGNOSTICO PER DIABETE
    GESTAZIONALE
→ Glicemia dopo 1 ora 198 mg/dl
Un test di screening positivo deve essere seguito da un test diagnostico con carico orale di glucosio di 100 g (OGTT 100 g)

 

Criteri per l’interpretazione del test diagnostico
Tempi OGTT Diagnostico (100 mg)
Glicemia su plasma venoso
0 min    95 mg/dl
1 ora 180 mg/dl
2 ore 155 mg/dl
3 ore 140 mg/dl

 

Fonte: Standard Italiani per la cura del diabete mellito, 2007

Potrebbero interessarti

  • PrediabetePrediabete: che cosa si intende?13 ottobre 2016In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

    Continua a leggere

  • Ruolo della dietaPro e contro dei principali metodi di cottura14 novembre 2016Occorre avere maggiore consapevolezza sul fatto che il metodo di cottura può avere un effetto molto importante sulla promozione della salute e la prevenzione di patologie croniche come il diabete di tipo 2, l'ipertensione arteriosa, i tumori.

    Continua a leggere

  • Diabete LADA, DiagnosiFocus sul Diabete LADA18 ottobre 2016Fa il punto sul diabete LADA (acronimo dall’inglese: Latent Autoimmune Diabetes in Adults) la d.ssa Roberta Celleno, Specialista in Endocrinologia e Malattie del Ricambio, Diabetologia, presso USL 01 Umbria, Città di Castello che si occupa in modo particolare di questa forma di diabete.

    Continua a leggere