Sedentarierà: rischio per il cuore

La sedentarietà, il lavoro prolungato alla scrivania per ore senza muoversi provoca un aumento della probabilità di ammalarsi di diabete o di malattie cardiovascolari con relativo aumento del rischio di morte precoce, questo il risultato della ricerca realizzata dal Baker IDI Heart and Diabetes Institute di Melbourne. L’effetto della sedentarietà è devastante per il metabolismo di grassi e zuccheri e non può essere migliorato da un blando esercizio fisico.
David Dunstan, l’autore della ricerca, ritiene che chi svolge una professione sedentaria e passa la maggior parte della giornata fermo al posto di lavoro e il restante mangiando e dormendo, non ha più tempo per l’esercizio fisico. Aggiunge lo studioso: «Visto che è stato già accertato che passare quattro ore al giorno davanti alla Tv aumenta del 40% il rischio di morte per malattia cardiovascolare, quale danno possono provocare otto ore al giorno alla scrivania?».
Per diminuire i danni, il dottor Dunstan raccomanda a chi svolge una professione sedentaria di muoversi anche nell’ambito del lavoro, di fare delle pause per sgranchirsi le gambe e le braccia, di comunicare di persona con il collega alzandosi anziché telefonargli, di fare le scale senza prendere l’ascensore e di andare al lavoro in bicicletta o a piedi.

 

 
Fonte: 29 marzo 2010, paginemediche.it

Potrebbero interessarti

  • 1 febbraio 2017Diario di bici e diabete dagli Emirati Arabi all’OmanSiamo partiti da Cesena ormai cinque mesi fa, in quel piovoso 10 giugno 2016, denso di emozioni indescrivibili. Da allora sono passati 7000 km e un numero infinito di avventure, incontri, scoperte. Posted in For a piece of cake
  • 22 aprile 2017Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo altoIl rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale. Posted in Grassi
  • 24 marzo 2017Nepal: stupore, tante salite e poca insulinaÈ il 4 dicembre ed io e Riccardo stiamo varcando il confine nepalese dopo quasi un mese di India che ha messo a dura prova i nostri nervi. L'eccitazione è un stato che ci accompagna ad ogni frontiera, curiosi come siamo di scoprire usi, costumi e tradizioni di un nuovo popolo. Posted in For a piece of cake