Articoli

Come si insegue un sogno: come si può diventare atleti del Team Novo Nordisk

Come si insegue un sogno: come si può diventare atleti del Team Novo Nordisk

Vi piacerebbe fare parte del Team Novo Nordisk? Il Team, l'unica squadra professionale al mondo composta da ciclisti che soffrono di diabete di tipo 1, è sempre alla ricerca di nuovi talenti che possano contribuire a diffondere nel mondo il messaggio di come lo sport possa aiutare a cambiare la percezione che si ha di questa malattia. Abbiamo parlato di come vengono selezionati gli atleti insieme a Phil Southerland mentre era a Milano nei giorni della Milano Sanremo 2019. Ecco che cosa ci ha detto.

Continua a leggere

Fabio Braga - #6 Il trapianto è vita

#6 - Il trapianto è vita

Ritornando indietro nel tempo a quei momenti in cui ho - come dico io -  gozzovigliato, senza ascoltare il mio primario, ricordo quando mi disse senza giri di parole: “Guarda che le complicanze prima o poi busseranno alla tua porta”. Avrei dovuto ascoltarlo e invito tutti ad ascoltare i medici perché le complicanze evolvono in modo silente. Solo i controlli le possono evidenziare precocemente. Nel frattempo, allora,  si apriva un’altra porta per me, una vera occasione considerato che ancora le complicanze non si erano fatte sentire.

Continua a leggere

Il Team Novo Nordisk in Europa per cambiare il diabete, e nel cuore il sogno del Giro d'Italia

Il Team Novo Nordisk in Europa per cambiare il diabete, e nel cuore il sogno del Giro d'Italia

Se vi hanno appassionato le imprese del Team Novo Nordisk durante la Milano Sanremo 2019, potete continuare a seguirli nelle altre tappe dei loro impegni in giro per l'Europa. Nel mese di aprile infatti, l'unica squadra mondiale di professionisti composta solo da atleti con diabete di tipo 1 parteciperà ad alcune importanti gare nel Vecchio Continente.

Continua a leggere

Team Novo Nordisk con Changing Diabetes uno sguardo nuovo sul diabete

Team Novo Nordisk con Changing Diabetes: uno sguardo nuovo sul diabete

Sulle maglie del Team Novo Nordisk, in Italia in questi giorni per partecipare alla classicissima Milano-Sanremo del prossimo 23 marzo 2019, campeggia la scritta "Changing Diabetes", ovvero “cambiare il diabete”. La scritta si riferisce a un progetto internazionale promosso dallo sponsor della squadra che, puntando sulla tenacia e la simpatia degli atleti del team (tutti affetti da diabete di tipo 1, è il caso di ricordarlo!), intende promuovere in tutto il mondo un modo differente di vedere il diabete.

Continua a leggere

Vene varicose: nuove modalità d’intervento mininvasive

Vene varicose: nuove modalità d’intervento mininvasive

Varici o vene varicose: interessano almeno il 40% delle donne e il 20-30% della popolazione in generale. Esistono trattamenti per prevenirle e per contrastarne il peggioramento ma, quando ormai le varici si sono formate, la chirurgia è la terapia definitiva. Oggi sono disponibili modalità d’intervento mininvasive (termoablazione con laser o radiofrequenza) rispetto alla chirurgia tradizionale, che non richiedono l’asportazione completa della vena grande safena.

Continua a leggere

La dieta della persona con diabete

La dieta della persona con diabete

“La dieta di una persona con diabete non differisce granché da una dieta varia ed equilibrata, di tipo mediterraneo, di una persona definita sana. Troppo spesso si ritiene di dover rinunciare totalmente ai carboidrati o ad altri nutrienti ed essere condannati a diete rigorose e prive di qualsiasi gratificazione per il palato. Non è cosi!” afferma la dott.ssa Valentina Fragale, Nutrizionista del Team Diabete, del Centro per le Malattie Endocrine e Metaboliche del Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS diretto dal Prof. Andrea Giaccari.

Continua a leggere

“Al cuore del diabete”, campagna itinerante di sensibilizzazione

“Al cuore del diabete”, campagna itinerante di sensibilizzazione

Il diabete di tipo 2 aumenta il rischio di malattie cardiovascolari, principale causa di disabilità e mortalità: lo sapevi, per esempio, che rispetto a una persona sana, chi ha il diabete tipo 2 (DT2) ha un rischio quadruplo di infarto o ictus? E quel che è peggio è che 1 persona con DT2 su 4 non si considera a rischio. La campagna nazionale #alcuoredeldiabete ha proprio l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione con diabete di tipo 2 a una migliore gestione della patologia per ridurre le possibili complicanze cardiovascolari.

Continua a leggere

La ricerca sul diabete di tipo 1 al Centro di Eccellenza Romeo ed Enrica Invernizzi
,

La ricerca sul diabete di tipo 1 al Centro di Eccellenza Romeo ed Enrica Invernizzi

Intervista al Direttore del Centro, prof. Paolo Fiorina, Professore associato di Endocrinologia, Università Statale di Milano, Direttore UOS Diabetologia, Ospedale Fatebenefratelli di Milano, Direttore T1D International Center, Invernizzi Research Center, Sacco Hospital, Milan, Assistant Professor of Pediatrics, Harvard Medical School, Boston, MA, USA, Associate Scientist, Boston Children’s Hospital, Boston, MA, USA. Da poco eletto Presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID) della Lombardia.

Continua a leggere

I principali tipi di diabete

I principali tipi di diabete

Il diabete mellito è una malattia molto complessa in quanto è un contenitore di molteplici sindromi cliniche. Queste malattie sono molto diverse tra loro nell’origine ma sono accomunate dal fatto che la glicemia è alta. Da notare che il diabete non è in genere solo un problema di glicemia alta ma anche di alterazioni del metabolismo dei lipidi (trigliceridi e colesterolo HDL) e del sistema di controllo della pressione arteriosa, di una condizione cronica di lieve infiammazione, di stress ossidativo, di disfunzione dell’endotelio e di molto altro.

Continua a leggere

Grasso dell’epicardio: vittima silenziosa dell’iperglicemia

Grasso dell’epicardio: vittima silenziosa dell’iperglicemia

Il grasso che ricopre la superficie del cuore (epicardio) non è un pigro spettatore del lavoro del muscolo miocardico ma partecipa al suo funzionamento: regola l’ ‘approvvigionamento’ di grassi e invia segnali che possono modulare tessuto cardiaco e vascolare. In più, contiene delle cellule staminali, preziose per i processi riparativi dopo un danno.

Continua a leggere

Cuore di donna. Le scelte intelligenti per mantenerlo in forma

Cuore di donna. Le scelte intelligenti per mantenerlo in forma

Storie di donne. Con un filo conduttore unico: la salute del cuore e dell'apparato cardiovascolare femminile e la prevenzione. Non vuole essere un libro di medicina.

Continua a leggere

#2 – L’impatto con il microinfusore - Fabio Braga

#2 – L’impatto con il microinfusore

Fabio, continuiamo il tuo racconto, ti abbiamo lasciato in un momento molto critico di depressione, dopo che ti sei reso conto di avere il diabete di tipo 1… "Effettivamente intorno a me c’era sempre un velo di tristezza … io sono una persona molto allegra, mi piace ridere e scherzare, ma gli sbalzi di glicemia mi facevano apparire sempre arrabbiato, nervoso, di cattivo umore"

Continua a leggere

Per il mio cuore, per il tuo cuore, per tutti i nostri cuori

Per il mio cuore, per il tuo cuore, per tutti i nostri cuori

ALT Onlus, Associazione per la lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari, ha aderito anche quest’anno alla Giornata Mondiale del Cuore, 2018 (#WorldHeartDay) in programma sabato 29 Settembre 2018. Un’occasione per incentivare noi stessi e le persone a cui vogliamo bene, ad avere maggiore cura della nostra salute, con scelte di vita sane e intelligenti. Un ritorno alla vita, come la storia di Laura tratta dal libro “Cuore di donna” di Lidia Rota Vender e Mario Pappagallo. “Era stato il diabete….. ma lei non lo sapeva.”

Continua a leggere

NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018

NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018

NEURODIAB 2018, Congresso internazionale sulla neuropatia diabetica, una complicanza che colpisce 1 su 3 persone con diabete. Nel corso del congresso sono stati presentati i nuovi strumenti di diagnosi e si è fatto il punto sulle ultime terapie disponibili. NEURODIAB, il Gruppo di Studio sulla Neuropatia Diabetica della Società Europea per lo Studio del Diabete (EASD), è presieduto dalla d.ssa Simona Frontoni, professoressa di Endocrinologia presso l’Università Tor Vergata di Roma e Presidente della sezione Lazio della Società Italiana di Diabetologia (SID).

Continua a leggere

Acido alfa-lipoico: la guardia del corpo dei nostri nervi e non solo

L’acido alfa-lipoico (abbreviato in ALA), è un acido grasso con una potente azione antiossidante che aiuta a combattere lo stress ossidativo provocato dai radicali liberi (responsabili dell’invecchiamento e dei danni cellulari) sia all’esterno che all’interno della cellula nervosa. Rappresenta quindi una molecola preziosa per la persona diabetica, in quanto favorisce la protezione del sistema nervoso e aiuta a contrastare la neuropatia diabetica.

Continua a leggere

Lipotossicità: il Position Paper della Società Italiana di Diabetologia

Lipotossicità: il Position Paper della Società Italiana di Diabetologia

Nell’immaginario collettivo, mangiare troppi dolci e consumare troppo zucchero fanno venire il diabete tipo 2 (DT2). Gli eccessi fanno sempre male e una riduzione dello zucchero è sempre salutare ma le cose non stanno proprio così. Un altro importante fattore di rischio per lo sviluppo del DT2 è il consumo eccessivo di grassi con l’alimentazione abituale.

Continua a leggere

Le vacanze in montagna per chi ha problemi di pressione

Le vacanze in montagna per chi ha problemi di pressione

Le vacanze di avvicinano e chi ama la montagna non vede l’ora di partire per cimentarsi in passeggiate, escursioni, gite in bicicletta e per godere di panorami mozzafiato tra le vette più alte. Ma è una vacanza adatta a tutti, anche a chi, per esempio è iperteso, con diabete od obesità? Sì, se si mette in pratica il buonsenso e proprio su questo hanno puntato gli Esperti dell’ALT- Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle Malattie Cardiovascolari - Onlus.

Continua a leggere

Diabete e salute orale: relazione stretta, ma pochi lo sanno

Diabete e salute orale: relazione stretta, ma pochi lo sanno

Una recente indagine condotta da FAND in collaborazione con l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) ha scattato una fotografia dello scarso livello di consapevolezza che le persone con diabete hanno sull’impatto che la malattia ha sulla salute di denti e gengive. La survey ha analizzato i disturbi più comuni, i comportamenti adottati e il rapporto con il dentista.

Continua a leggere

Lo sport contro il diabete, per città più sane e una vita di successi: l’esempio del Team Novo Nordisk

Lo sport contro il diabete, per città più sane e una vita di successi: l’esempio del Team Novo Nordisk

Milano, Palazzo Marino, uno dei simboli della città, il suo cuore amministrativo. E’ il giorno della presentazione alla stampa del Team Novo Nordisk, l’unica squadra di ciclismo professionistico al mondo composta esclusivamente da atleti con diabete (diabete di tipo 1). Domani prenderanno il via per il quarto anno consecutivo alla Milano-Sanremo, una delle corse più lunghe del calendario internazionale, una delle più suggestive, una delle più antiche, ben radicata nella storia di Milano.

Continua a leggere

Milano in festa venerdì 16 marzo 2018 Musica e coinvolgimento dei cittadini con il Team Novo Nordisk

Milano in festa sabato 17 marzo 2018 - Musica e coinvolgimento dei cittadini con il Team Novo Nordisk

Ogni anno la partenza della “classicissima” verso Sanremo è una festa per la città di Milano. Per l’imminente edizione - numero 109 - lo sarà ancor di più, grazie alle iniziative di coinvolgimento che accompagneranno la partecipazione alla gara del Team Novo Nordisk, composto esclusivamente da atleti con diabete di tipo 1.

Continua a leggere

Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioni

Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioni

Le persone che soffrono di diabete sono più a rischio di infezioni, comprese quelle di particolare gravità localizzate alle articolazioni e alle ossa, oltre alle endocarditi (infezioni dell'endocardio, il tessuto che riveste le cavità interne e le valvole del cuore), alle infezioni cutanee, al piede, alle basse vie respiratorie, alle vie urinarie e alle sepsi.

Continua a leggere

Differenze principali tra diabete di tipo 1 e di tipo 2

Differenze principali tra diabete di tipo 1 e di tipo 2

Il diabete di tipo 1 ha un esordio sempre brusco più spesso durante l’infanzia e l’adolescenza (può comunque manifestarsi in età adulta in soggetti predisposti). Il diabete di tipo 2 compare più spesso nel soggetto adulto o anziano, dopo i 35-40 anni.

Continua a leggere

Farmaci biosimilari: un’opportunità in costante crescita

Farmaci biosimilari: un’opportunità in costante crescita

L’uso dei due principali farmaci biosimilari in endocrinologia, insulina e ormone della crescita, ha registrato un notevole aumento nel primo semestre 2017. I consumi sono rispettivamente raddoppiati e quadruplicati rispetto al 2016. Alcune riflessioni dall’esperienza clinica consolidata dell’Associazione Medici Endocrinologi (AME).

Continua a leggere

Principali motivi di scarsa adesione al trattamento antidiabetico
,

Principali motivi di scarsa adesione al trattamento antidiabetico

Il diabete mellito tipo 2 è una delle malattie croniche in cui è più facile riscontrare un basso livello di aderenza al trattamento in senso lato che comprende quindi cambiamento dello stile di vita, seguire una dieta e un programma di attività fisica e la terapia con farmaci, uno o più, in associazione.

Continua a leggere

Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutato

Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutato

Le persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017.

Continua a leggere

Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopenia

Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopenia

Dal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile.

Continua a leggere

Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuro

A Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”.

Continua a leggere

“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di Milano

“Muoviti-muoviti”: cultura del movimento al Pini-CTO di Milano

Quando l’attività fisica aiuta a contrastare l’evoluzione delle malattie croniche. L’iniziativa si è svolta sabato 7 ottobre 2017 a Milano: un’intera giornata dedicata alla cultura del movimento che ha visto gli specialisti del Pini-CTO disponibili a rispondere a dubbi e domande della cittadinanza. La manifestazione, gratuita e aperta a tutti, è stata promossa da SIMFER, Happy Ageing e ALOMAR.

Continua a leggere

Non lasciamoci influenzare! Prevenzione e controllo dell’influenza, stagione 2017-18

Non lasciamoci influenzare! Prevenzione e controllo dell’influenza, stagione 2017-18

Come ogni anno, il Ministero della Salute ha già pubblicato le Raccomandazioni per la stagione influenzale 2017-18 relative alla prevenzione e al controllo dell'influenza.

Continua a leggere

Neuropatia Diabetica: l’ultimo Position Statement dell’ADA

Neuropatia Diabetica: l’ultimo Position Statement dell’ADA

Nel gennaio 2017, l’American Diabetes Association (ADA) ha pubblicato su “Diabetes Care”, un Position Statement sulla neuropatia diabetica. È un documento aggiornato che rappresenta la posizione e il punto di vista dell’Associazione sulla complicanza diabetica più frequente.

Continua a leggere

Pomodoro, il re dell’estate è ricco di licopene

Pomodoro, il re dell’estate è ricco di licopene

Il pomodoro è, insieme alla melanzana e al peperone, uno degli ortaggi protagonisti dell’estate e della cucina italiana e più in generale mediterranea. Nonostante oggi lo si trovi presente sui banchi dell’ortofrutta tutto l’anno, il pomodoro dà il meglio di sé in estate, quando matura…. secondo natura.

Continua a leggere

Diabete tipo 2 e attività in acqua: benefica per cuore, vasi e non solo

Diabete tipo 2 e attività in acqua: benefica per cuore, vasi e non solo

Correre o camminare in acqua, fare spinning, nuotare, son attività efficaci per migliorare il controllo della glicemia tanto quanto altri tipi di allenamento che magari piacciono di meno.

Continua a leggere

Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estate

Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estate

Il lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%).

Continua a leggere

Metformina può rallentare le placche aterosclerotiche negli uomini con prediabete

Tale evidenza è emersa in un recente studio americano pubblicato sulla prestigiosa rivista Circulation che ha indagato gli effetti del farmaco su oltre 2 mila soggetti in prediabete.

Continua a leggere

Prima conferenza di consenso per il patient engagement

Celebrazione delle raccomandazioni. La mattina del 13 giugno 2017, presso il Palazzo Lombardia a Milano, si terrà l’evento di presentazione e celebrazione al pubblico delle RACCOMANDAZIONI per la PROMOZIONE DEL PATIENT ENGAGEMENT.

Continua a leggere

Microalbuminuria

Microalbuminuria

La presenza di piccole quantità di albumina nelle urine (microalbuminuria) può comparire negli stadi molto precoci della nefropatia diabetica e può fungere da campanello d’allarme per questa temibile complicanza.

Continua a leggere

Che cosa sono i trigliceridi?

Che cosa sono i trigliceridi?

I trigliceridi sono i grassi più diffusi, costituiscono il 90% dei grassi presenti negli alimenti e sono i principali componenti del tessuto adiposo (quelli che si depositano nei famosi cuscinetti!) e che formano il grasso viscerale intorno alla vita, il più pericoloso per la salute di cuore, vasi, cervello e rene.

Continua a leggere

Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo alto

Che cosa succede quando il colesterolo in circolo è troppo alto

Il rischio è che si inneschi il processo dell’aterosclerosi, che progredisce in modo silente fino alla completa ostruzione dei vasi o alla formazione di trombi che ostruiscono il flusso del sangue e che aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, danni renali e ictus cerebrale.

Continua a leggere

Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la pratica

Mercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete.

Continua a leggere

Qi gong. Uno strumento prezioso per la salute e il benessere

Non sono un maestro né mai lo sarò. Neppure vorrei esserlo. E i motivi sono innumerevoli. Per cui, parafrasando un grande delle letteratura (lui sì, maestro…) “così è se vi pare…” Essere maestri implica conoscenza, umiltà, costanza, amore per gli altri. In me non credo coesistano tanti valori. Una cosa però è certa: a questo mondo vorrei esprimere il mio umile punto di vista.

Continua a leggere

Prevenzione cardiovascolare. La banca del cuore va in tour

Parte da Sanremo (8-11 febbraio 2017), toccando poi 30 città. Ad ogni sosta, previsti screening gratuiti di prevenzione cardiovascolare. La Banca del Cuore è una "cassaforte" virtuale che custodisce il proprio elettrocardiogramma con i valori della pressione arteriosa e i dati clinici della singola persona che ha aderito al progetto.

Continua a leggere

Ho il diabete, non sono il diabete

Quanto conta il coinvolgimento attivo della persona con diabete nel suo percorso di cura? Ne abbiamo parlato con la Dott.ssa Serena Barello**, della Facoltà di Psicologia, Università Cattolica del Sacro Cuore durante un recente convegno organizzato dall’Associazione Diabetici della Provincia di Milano Onlus, presieduta dalla d.ssa Maria Luigia Mottes.

Continua a leggere

Diario di bici e diabete dagli Emirati Arabi all’Oman

Siamo partiti da Cesena ormai cinque mesi fa, in quel piovoso 10 giugno 2016, denso di emozioni indescrivibili. Da allora sono passati 7000 km e un numero infinito di avventure, incontri, scoperte.

Continua a leggere

Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di cura

Diabete: Il coinvolgimento attivo del caregiver nel processo di cura

L’Associazione Diabetici della Provincia di Milano (ADPMI) sta collaborando con l’Università Cattolica del sacro Cuore di Milano, dipartimento di Psicologia, al progetto di “Validazione di uno strumento per la valutazione del coinvolgimento del caregiver/familiare nel processo di cura: la caregiver-patient health engagement scale (C-PHE)”.

Continua a leggere

Sul cargo da Rio a Dakar, destinazione: Mama Africa

Il lungo viaggio in cargo mercantile da Rio de Janeiro a Dakar mi ha regalato subito una bellissima sorpresa. Viaggiare con questa tipologia di barche significa anche trovarsi a mangiare cibo est europeo o al massimo russo, cucinato da cuochi filippini.

Continua a leggere

Nuova campagna di AIIPA: “Nutrizione e sicurezza specializzate”

Il messaggio della nuova campagna dell’Associazione Italiana Industrie Prodotti Alimentari (AIIPA) si propone di fare chiarezza sulle caratteristiche e sulla qualità nutrizionale degli alimenti specifici per la prima infanzia, fabbricati e commercializzati nel rispetto della rigorosa normativa vigente.

Continua a leggere

T’Ai Chi Ch’Uan: le origini

T’Ai Chi Ch’Uan: le origini

Il T’AI Chi Ch’Uan (il cui nome cinese è “Boxe della suprema polarità”) ha un’origine semplice e complessa al tempo stesso. Nato come stile e disciplina “segreta” la sua storia si perde nella notte dei tempi e, attraverso varie leggende è pervenuta fino ai noi grazie a vari maestri, il più noto dei quali fu Chang Dsu Yao.

Continua a leggere

L’Uruguay e l’arrivo in Brasile

L'Uruguay è probabilmente lo stato meglio sviluppato del Sudamerica. La qualità del cibo è ottima, almeno a giudicare da quello che vedevo nei mercati e nei ristoranti, ma i costi mi hanno costretto a cucinare praticamente sempre da solo in ostello.

Continua a leggere

Occhio al diabete

Circolo della Stampa - Milano. A che punto siamo sull'assistenza alla persona con Diabete in Lombardia. Farmaci dal nome generico e biosimilari: benefici e  rischi per il diabetico. Conoscere per non sbagliare. Ho il Diabete, non sono il Diabete. Vivere consapevolmente il diabete. Occhio al Diabete - La retinopatia e le complicanze oculari nel diabetico. Novità nella prevenzione e cura.

Continua a leggere

,

Girovita: diamogli un taglio

Maniglie di Venere, fisico a mela o… odiosa pancetta? Chiamateli come volete ma non esagerate. Troppi chili, soprattutto se concentrati nella parte centrale del corpo aumentano il rischio di diabete, ipertensione e malattie del cuore.

Continua a leggere

Prediabete: che cosa si intende?

In molti casi, la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da una fase cosiddetta di “pre-diabete” del tutto asintomatica, caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue lievemente superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato e da livelli superiori di insulina nel sangue provocata da precoce insulino-resistenza.

Continua a leggere

Quando la mente sostiene il corpo

Preparavo da tempo questa impresa, sembrava impossibile dover fare 43 km di salita partendo da Masera (Domodossola), 259 mt s.l.m. e arrivare al Passo del Sempione, a ben 2005 mt, ci pensate! Ho accettato la sfida e grazie a volontà e determinazione ce l’ho fatta.

Continua a leggere

WELOVE INSULINA Coast to Coast: per prevenire il diabete tipo 1

Una staffetta lunga circa 260 km, che verrà corsa ininterrottamente dagli atleti del team di We Love Insulina, con partenza nelle prime ore di sabato 24 settembre dalla riva del Mar Adriatico a Lido di Pomposa e arrivo nel pomeriggio di domenica sulla riva del Mar Tirreno sulla celebre Passeggiata lungomare di Viareggio (Lu).

Continua a leggere

Diabetes Monitor: presentata a Roma la VI edizione

L’indagine, realizzata da MediPragma e Università degli Studi di Roma Tor Vergata in collaborazione con (IBDO) Foundation, fa emergere la crescita del ruolo informativo di internet Italian Barometer Diabetes Observatory e dei social network a discapito dei circuiti tradizionali: medico, media, familiari e amici.

Continua a leggere

La tiroide e i suoi disturbi nel bambino e nell’adolescente

La tiroide è una ghiandola endocrina situata nella regione anteriore del collo, che produce gli ormoni tiroidei; questi rivestono un ruolo fondamentale nel funzionamento di diversi organi quali il cervello, il cuore, i muscoli e non solo.

Continua a leggere

Diabete tipo 1 ed emozioni: come “allenare” l’intelligenza emotiva

John Gottman, autore del volume “Intelligenza emotiva per un figlio”, ha identificato vari tipi di genitori, a seconda del loro comportamento rispetto alle emozioni dei figli e ne ha studiato gli effetti sulla crescita emotiva di bambini e ragazzi.

Continua a leggere

Fabio Braga, nuovo presidente AGD Novara

L’evento di sabato è stato anche l’occasione propizia per l’elezione del nuovo Consiglio Direttivo votato all’unanimità e costituito da Fabio Braga, in qualità di presidente, coadiuvato da quattro mamme, più che mai impegnate ed attive sulla causa del diabete di tipo 1: Russano Francesca, Sacchi Eleonora, Maiello Anna, Ugazio Elena.

Continua a leggere

Cuore e diabete: appuntamento con “Costruisci la salute”

13 aprile 2016. Un’altra bella iniziativa aperta al pubblico dell’Ospedale Manzoni di Lecco, dedicata alla promozione della salute e della prevenzione cardiovascolare organizzata da Pier Franco Ravizza, responsabile del Centro Riabilitativo Cardiologico del Manzoni.

Continua a leggere

7 aprile 2016, Giornata mondiale della salute, dedicata al diabete

7 aprile 2016 - "World Health Day 2016: Beat diabetes”: Giornata Mondiale della Salute 2016: battere il diabete, programmato in tutto il mondo.

Continua a leggere

Cellule staminali per curare il diabete. La SID fa il punto della situazione

Cellule staminali per curare il diabete. La SID fa il punto della situazione

Curare il diabete con le cellule staminali è una possibilità che si sta avvicinando ogni giorno di più, secondo quanto afferma la Società Italiana di Diabetologia (SID).

Continua a leggere

Diabete ed esercizio fisico: aspetti psicologici

La pratica dell’esercizio fisico non è un processo automatico ma richiede motivazione, partecipazione attiva e costanza. In una persona diabetica è possibile che questi elementi pur essendo presenti siano “coperti” dalla paura o dall’ansia.

Continua a leggere

Amaranto, antico alimento di maya e aztechi

Amaranto, antico alimento di maya e aztechi

L’amaranto tende ad essere meno allergenico rispetto ad altri cereali e considerato che è praticamente privo di glutine, è adatto anche a chi è celiaco (spesso chi soffre di diabete di tipo 1 ha una maggior predisposizione alla celiachia).

Continua a leggere

I minerali

In confronto alle vitamine che sono composti organici complessi, i minerali - singoli elementi inerti - possono sembrare molto semplici. Tuttavia, questi micronutrienti compiono un'…

Continua a leggere

GENGIVITI E DIABETE. Un legame che mette a rischio il sorriso

La malattia periodontale (PD) è una malattia infiammatoria cronica che distrugge la gengiva e i tessuti che circondano i denti (periodonto).

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

4 Mosse per combattere il diabete - 13 novembre 2015

Il 13 novembre 2015 apriremo la giornata mondiale del diabete; 100.000 diabetici non sanno di esserlo, in Campania, sollecitiamo i nostri amici e parenti a controllarsi e a prevenire le complicanze.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

World Heart Day - Giornata mondiale per il cuore

Per salvare il tuo cuore la scelta giusta è la prevenzione. É questo il messaggio del 2015 per la Giornata mondiale per il cuore, che si celebra il 29 settembre.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Finalmente l’agognata Australia! Io e il mio diabete

Finalmente Australia! Dopo 275 giorni il traguardo tanto agognato, sognato e desiderato, ovvero riuscire ad arrivare agli antipodi dell’Italia senza aerei.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

ROMA, BIGLIETTO METRÒ GRATIS A CHI FA 10 “SQUAT”

Partita nel 2013 da Mosca, dove l’obesità è ad alti livelli, riproposta a Città del Messico l’anno scorso dal Ministero della Sanità Pubblica, Armando Ahued, l’originale proposta è sbarcata anche a Roma con le prime 30 postazioni, installate nelle 15 stazioni della metropolitana con maggior traffico.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Yoga: amico del cuore, anzi di più

Lo yoga aiuta a ripristinare l’equilibrio fisico e mentale, laddove una malattia o una cattiva gestione dello stress e delle emozioni ne provocano un turbamento.

Continua a leggere

L’attività fisica fa bene anche in gravidanza. Aiuta a prevenire il diabete gravidico

Uno stile di vita sano, con un’alimentazione variata, ricca di frutta e verdura, associata a movimento moderato e costante è il modo migliore per affrontare la meravigliosa esperienza della maternità.

Continua a leggere

Il diabete pre-esistente

I medici ritengono che non si erediti la malattia vera e propria, ma una predisposizione a svilupparla. Questa condizione può rimanere sempre latente oppure manifestarsi a un certo punto della vita a causa di fattori scatenanti.

Continua a leggere

Com’è fatto il cuore: cenni di anatomia

Il cuore è un muscolo potente, all’incirca delle dimensioni di un pompelmo, posto leggermente a sinistra del centro del torace. All’interno, è diviso in quattro cavità distinte.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

I frutti della salute. Virtù e proprietà degli agrumi freschi e trasformati di Sicilia

Arance rosse, limoni e pompelmi proteggono il cuore grazie al loro contenuto di naringenina, un flavonoide dalla potente azione antiossidante che aiuta a contrastare numerose patologie del nostro organismo.

Continua a leggere

Il ciclo cardiaco

L’azione di pompa del cuore presenta tre fasi distinte e separate per ogni battito cardiaco. Il rilassamento del muscolo e il riempirsi delle cavità di sangue della prima fase è seguito dalla contrazione degli atri e dei ventricoli.

Continua a leggere

La circolazione del sangue

Il sangue circola nel nostro organismo attraverso due sistemi: polmonare e generale, tramite una fitta rete interconnessa di arterie, vene e capillari.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Le carte del rischio cardiovascolare

La valutazione del rischio globale di sviluppare una malattia cardiovascolare è importante per la persona diabetica di tipo 2 e/o obesa per prendere contromisure adeguate, a partire dall’adozione di stili di vita più sani.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Ipertensione: killer silenzioso, quali i fattori di rischio?

L’ipertensione è di per sé una malattia cronica: ciò significa che una persona ipertesa dovrà controllare e curare la propria pressione arteriosa per tutta la vita.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Ipertensione arteriosa: arterie sotto pressione

Con il termine di ipertensione arteriosa si intende la persistenza cronica di valori di pressione arteriosa superiori a quelli ritenuti normali (140/90 mmHg PA max/min).

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Pressione arteriosa minima e massima: come misurarla?

Solo la misurazione regolare della pressione arteriosa permette di diagnosticare l’ipertensione e di verificare l’efficacia della terapia nella prevenzione delle complicanze cardiovascolari.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Pressione arteriosa: il termometro della nostra vita

La pressione arteriosa è la forza che viene esercitata dal sangue circolante sulle pareti arteriose. Tale forza dipende principalmente dalla contrazione del cuore e dal calibro delle arterie.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

13 aprile 2015: presentato alla Camera il nuovo "Manifesto dei diritti e dei doveri della persona con diabete"

I diritti di coloro che hanno il diabete sono gli stessi diritti umani e sociali delle persone senza diabete. I diritti comprendono, fra gli altri, la parità di accesso all’informazione, alla prevenzione, all’educazione terapeutica, al trattamento del diabete e alla diagnosi e cura delle complicanze.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene
,

Bevande zuccherate, light & Co

Il consumo di bevande è cresciuto in maniera esponenziale negli anni e con il dilagare di obesità, diabete,sindrome metabolica, malattie cardiovascolari ci si interroga quale sia il ruolo di queste bibite per la salute umana.

Continua a leggere

Ipoglicemia: cause, tipi, rischi

L'ipoglicemia è una delle più frequenti complicanze del trattamento farmacologico del diabete e consiste in un rapido abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue al di sotto delle soglie di normalità.

Continua a leggere

Ipoglicemia: la paura vien di notte

Il rischio di ipoglicemia preoccupa 6 persone con diabete su 10; in particolare spaventa l’ipoglicemia notturna che si manifesta durante il sonno quando uno è più indifeso.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Diabete e distress, un beneficio anche dalle nuove insuline

Una persona con diabete su 2 soffre il peso psicologico (“distress”) della malattia e l’incognita del futuro. Le nuove insuline più flessibili e con ridotto rischio di ipoglicemia più vicine ai bisogni della persona.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Ipoglicemia, il rischio sommerso

Palpitazioni, tremore, ansia, giramenti di testa, confusione: alcuni dei sintomi durante un episodio di ipoglicemia, repentino ed eccessivo abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue che può accadere dopo l’assunzione di alcuni farmaci per la cura del diabete.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Il danno dei grossi vasi

La macroangiopatia diabetica viene considerata una forma di ateriosclerosi, con alterazione delle pareti dei vasi sanguigni che perdono la loro elasticità e presentano placche di indurimento e ispessimento che restringono il calibro vasale ostruendo la normale circolazione.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

La ginnastica in casa

Una valida alternativa alla palestra può essere la ginnastica domestica che se fatta in modo regolare può garantire ottimi benefici, magari anche invitando un’amica se si dispone di spazio.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Novembre 2014: torna la campagna “Ci sta a cuore il tuo cuore”

Per tutto il mese di novembre 2014, nelle 541 farmacie del network Apoteca Natura presenti in modo capillare su tutto il territorio italiano, i cittadini avranno a loro disposizione due utili strumenti di prevenzione:

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Medico Amico Day, per il controllo dell’uricemia

Sabato 25 ottobre negli ipermercati di 26 tra le principali città italiane si svolgerà la prima giornata nazionale dedicata al controllo dell’uricemia.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Troppo testosterone fa male al cuore? Secondo il parere dell’EMA i benefici sono maggiori dei rischi

L'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha da poco emanato un comunicato in cui ritiene che non esistano correlazioni tra testosterone e infarto, anche nei soggetti diabetici.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Nepal e India

I giorni in Nepal sono stati all'insegna della vita rurale, semplice e di campagna. Prestavo servizio di volontariato in uno sperduto villaggio di poche anime alle porte del parco nazionale di Shivapuri, a circa due ore dalla capitale Kathmandu.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Frutta secca: benefici nel diabete tipo 2

Le noci fanno bene al cuore perché abbassano il colesterolo cattivo. Consumate regolarmente proteggono da cancro e diabete di tipo 2. Attenzione però al loro contenuto calorico: due o tre noci al giorno per 2-3 volte alla settimana sono la quantità ideale consigliata anche dagli Esperti. Se le inseriamo...

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Il diabete aumenta il rischio Alzheimer?

Presentata oggi la versione aggiornata del “World Alzheimer Report 2014”, il rapporto mondiale sulla malattia, pubblicato in occasione dell’imminente Giornata mondiale dell’Alzheimer prevista per il 21 settembre prossimo e dedicata, quest’anno, alla riduzione del rischio della malattia con uno stile di vita più sano e ai fattori di protezione su cui si può intervenire.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Tibet e Nepal

Per ora il diabete ne ha tratto enormi benefici, ho ridotto le unità di insulina e i valori glicemici, ora monitorati nuovamente dal sistema di monitoraggio continuo speditomi dall’Italia.

Continua a leggere

L’insufficienza venosa cronica (IVC): che cos’è?

Gambe stanche e pesanti? Caviglie gonfie e doloranti? Strani formicolii? Varici e capillari in evidenza? Il diabete, così come sovrappeso e obesità possono favorirla.

Continua a leggere

Come si cura la IVC?

Le varici necessitano di un trattamento soprattutto preventivo. La terapia delle varici prevede l’integrazione di vari tipi di trattamento che verranno indicati dal medico in base alla situazione individuale.

Continua a leggere

La prevenzione della malattia varicosa: uno stile di vita più sano

La buona salute e il benessere delle gambe dipendono principalmente dall’esercizio fisico. E’ importante evitare di stare troppo a lungo nella stessa posizione, in piedi, sedute o sdraiate.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

La Transiberiana, la Siberia e la Mongolia

Il mio viaggio intorno al mondo sta procedendo e mi trovo alle porte della Cina su un treno che da Ulan Batoor mi sta portando a Pechino.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Ictus: donne diabetiche più a rischio

Concordi i risultati di due grandi studi nel documentare, entrambi, che – nel caso di diabete di tipo 2 non ben compensato - a subirne di più le conseguenze sono le donne, in particolare quelle che hanno superato i 55 anni, forse anche a causa dello scudo protettivo garantito dagli ormoni estrogeni durante l’età fertile.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

La dieta mediterranea si conferma la più completa

La dieta mediterranea a base di verdure, frutta, pesce, cereali integrali e olio d'oliva riduce più del 30%  il rischio di eventi cardiovascolari  rispetto alle diete che abbassano esclusivamente il contenuto di grassi.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Dimagrire a qualsiasi età fa bene a cuore e vasi

Maggiore è il grasso viscerale (intorno al girovita) in età adulta, maggiore è il rischio per cuore e vasi man mano che passano gli anni: aumento del rischio di diabete e obesità, aumento di spessore delle carotidi, aumento dellapressione arteriosa sistolica, aumento di colesterolo e altri lipidi nel sangue (iperlipidemia) etc.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Presentazioni

Avevo nove anni quando mi hanno diagnosticato il diabete di tipo 1. Non è stato uno shock traumatico, ma vedevo i miei genitori preoccupati e fondamentalmente non capivo il motivo.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Sport e diabete: Team Novo Nordisk è al mondo la prima squadra di ciclisti professionisti con diabete

Dal 20 gennaio inizia la seconda stagione di corse del Team Novo Nordisk, la prima squadra al mondo composta esclusivamente da ciclisti professionisti con diabete al Tour de San Luis che si svolgerà nel cuore dell’Argentina.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Come si svolge e che cosa valuta l’esame del piede

Raccolta di dati anamnestici  - Ispezione del piede - Palpazione dei polsi - Ricerca di riflessi - Valutazione della sensibilità tattile - Valutazione della sensibilità vibratoria - Varie determinazioni pressorie.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Diabete di tipo 2

Nel diabete di tipo 2, il problema principale non è la scarsità o la mancanza di insulina (che spesso è addirittura prodotta in elevate quantità) come avviene, invece, nel diabete di tipo 1, ma un fenomeno chiamato resistenza insulinica.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Che cos'è il diabete?

Il diabete mellito (cioè dolce, con una chiara assonanza per la parola miele) è una malattia cronica caratterizzata da livelli di zucchero (glucosio) nel sangue più elevati rispetto alla norma (iperglicemia), a causa di un’inadeguata (o assente) produzione dell'ormone insulina (diabete di tipo 1 o DM1) o di una scarsa capacità dei tessuti di utilizzare l'insulina stessa (diabete di tipo 2 o DM2).

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Prediabete

In molti casi la diagnosi di diabete mellito di tipo 2 è preceduta da  una fase di “pre-diabete” caratterizzata da livelli di glucosio nel sangue superiori alla norma, ma non così elevati da determinare un diabete conclamato.

Continua a leggere

Piacere Sig. Diabete!

Lo stesso istinto che porta naturalmente a bere un bicchier d'acqua quando si ha sete mi porta a scrivere le emozioni che sento dentro quando diventano molte e molto intense.

Continua a leggere

La cucina del cuore. Diabete e ipertensione

Tutto quello che è necessario sapere sul diabete e sull'ipertensione e i preziosi consigli del professor Roberto Ferrari, cardiologo di fama internazionale e presidente della Società Europea di Cardiologia.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Per un cuore sano: buonumore, buona alimentazione ed esercizio fisico

Regole fondamentali di una buona alimentazione sono: frutta e verdura per un terzo della razione quotidiana di cibo, pesce tre volte alla settimana, carni bianche e poche carni rosse, pochi dolci, massimo un bicchiere di vino a pasto, poco caffè.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Il diabete fa calare l’udito

Una ricerca giapponese è stata presentata nel corso del 71° congresso dell’American Diabetes Association che si è appena concluso in California, a San Diego.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Il diabete può provocare disfunzioni cardiache

Nel corso dell’ultimo congresso dell’Anmco (Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri) è stato presentato lo studio Dyda (Left ventricular DYsfunction in DiAbetes) che dimostra che il 90% dei pazienti con la glicemia troppo alta ha danni al cuore anche se ancora non ne ha la percezione.

Continua a leggere

Trip Therapy: Claudio, in viaggio con il diabete di tipo 1

Le 6 settimane australiane Inizialmente sarei dovuto rimanere nella terra dei canguri solo tre settimane, ma il cargo che mi avrebbe portato fino in Canada aveva accumulato ritardo…

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

La nicotina può provocare complicanze ai diabetici

Un team di studiosi della California State Polytechnic University di Pomona ha scoperto che nei diabetici la nicotina è responsabile dell’aumento dei livelli di emoglobina glicata (sigla HbA1c, indica l’andamento dei livelli di zucchero nelle ultime settimane) e può provocare complicanze come ictus, attacchi di cuore, danni al sistema nervoso e insufficienza renale.

Continua a leggere

Bevande zuccherate, light, soft ed energy drink: quali rischi per la salute?

Il consumo di bevande è cresciuto in maniera esponenziale negli anni e con il dilagare di obesità, diabete,sindrome metabolica, malattie cardiovascolari ci si interroga quale sia…

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Cioccolato fondente per il cuore dei diabetici di tipo 2?

Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell’inglese Hull University, il cioccolato fondente (non arricchito da nocciole o bianco) potrebbe prevenire malattie cardiache nelle persone con diabete di tipo 2 grazie ai polifenoli che contiene.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Perché il movimento fa bene

L’attività fisica per un diabetico è parte integrante della cura, insieme alla dieta bilanciata, ancor prima dei farmaci e può aiutare non solo a prevenire la malattia ma a migliorarne il controllo.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Una semplice camminata: come renderla efficace

Camminare è lo sport aerobico per eccellenza. Una semplice passeggiata – a patto di avere un passo sostenuto – può essere un’attività fisica efficace quanto altre pratiche sportive più articolate e complesse.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Che cos’è un ictus? Quali sintomi provoca?

L’ ictus cerebrale è una malattia cardiovascolare causata dal mancato arrivo di sangue in una zona del cervello, molto simile a quello che succede al cuore durante l’infarto del miocardio.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Perché si rilevano due valori distinti per la pressione: minima e massima?

La pressione arteriosa è la pressione che il sangue esercita sulle pareti delle arterie di grosso calibro ed è la forza che lo fa scorrere nel sistema cardiocircolatorio.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Sento sempre parlare di malattie cardiovascolari. Quali sono?

Le malattie cardiovascolari sono le patologie che colpiscono il cuore o i vasi sanguigni. Il danno provocato da queste malattie può far si che, in determinati distretti, non giunga una quantità di sangue adeguata alle esigenze metaboliche.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Troppa sedentarietà aumenta il rischio di morte prematura

Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori del Baker Idi Heart and Diabetes Institute di Victoria, in Australia, confermerebbe l’ipotesi che lo stile di vita troppo sedentario tipico della società moderna aumenti il rischio di morire prematuramente.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Sedentarierà: rischio per il cuore

La sedentarietà, il lavoro prolungato alla scrivania per ore senza muoversi provoca un aumento della probabilità di ammalarsi di diabete o di malattie cardiovascolari con relativo aumento del rischio di morte precoce, questo il risultato della ricerca realizzata dal Baker IDI Heart and Diabetes Institute di Melbourne.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Dai muscoli un aiuto sul controllo dei grassi

L'accumulo di grassi introdotti nell'organismo attraverso l’alimentazione espone al rischio di malattie cardiovascolari e al diabete di tipo 2

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Diabete: attenzione anche alla pressione bassa

Per prevenire attacchi di cuore o ictus in pazienti con diabete di tipo 2 e patologie cardiache o cardiovascolari fino a oggi si è cercato di mantenere bassa a tutti i costi la pressione arteriosa ma questo potrebbe aumentare i rischi che si vorrebbero prevenire, secondo una studio dell'Università della Florida.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Lotta all'obesità con buona alimentazione

‘Una buona alimentazione parte anche da una buona comunicazione’ è il titolo significativo del convegno organizzato dall’Associazione per lo studio e la ricerca sui Disordini Alimentari e l’Obesita’ (Adao) a Roma, durante il quale è stato presentato un disegno di legge a tutela delle persone affette da obesità grave, il primo in Europa così completo.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

I geni "fitness flop"

Alcuni geni “fitness flop” pare siano colpevoli di rendere inutili gli sforzi fatti in palestra o a correre. Lo annuncia il quotidiano britannico Telegraph.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Puntare sull'educazione per ridurre il rischio infarto

Studiare aiuta a prevenire l'infarto. Secondo i ricercatori del Sahlgrenska University Hospital di Goteborg, passare almeno 8 anni tra i banchi ridurrebbe il rischio di essere colpiti da infarto.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Diabete: allarme esperti, entro il 2010 4,5 milioni di malati

In Italia si stima che oltre 3,5 milioni di persone, pari al 6% della popolazione, soffra di diabete.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

L'acido folico protegge il cuore dei diabetici

L'omocisteina, un aminoacido, è stata collegata al rischio di patologie più o meno gravi. Sarebbe infatti il suo livello a influire sulla possibilità di sviluppare, tra gli altri, malattie cardiovascolari, ipertensione, arteriosclerosi, diabete.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Cibo: dieta con troppi grassi "addormenta" il cervello

Una dieta ricca in grassi manda in soffitta il cervello in pochi giorni.
 A dirlo è uno studio dell'Università di Oxford (Gran Bretagna), pubblicato su The FASEB Journal, secondo cui troppi grassi nell'alimentazione non solo possono ridurre la resistenza fisica, ma anche la capacità di pensare con chiarezza.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Donne diabetiche più a rischio di aritmia cardiaca

Gli individui affetti da diabete hanno una maggiore propensione a sviluppare problemi di fibrillazione atriale (AF) rispetto a soggetti  che non sono diabetici.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Diabetici: caffè non aumenta il rischio di malattie cardiovascolari

Bere caffè è un'abitudine diffusa in tutto il mondo che da sempre genera dibattiti sui possibili effetti nocivi e benefici che può provocare dal punto di vista della salute.

Continua a leggere

Perché il movimento fa bene

Diabete, ischemia dell'arto e rischio amputazione

Nei pazienti diabetici con ischemia critica degli arti, il rischio di mortalità o amputazioni maggiori è considerevole.

Continua a leggere