Lotta all’obesità con buona alimentazione

‘Una buona alimentazione parte anche da una buona comunicazione’ è il titolo significativo del convegno organizzato dall’Associazione per lo studio e la ricerca sui Disordini Alimentari e l’Obesita’ (Adao) a Roma, durante il quale è stato presentato un disegno di legge a tutela delle persone affette da obesità grave, il primo in Europa così completo.
L’obesità affligge 4 milioni di italiani cioè l’11% (10,5% gli uomini, 9,1% le donne), con un aumento del 25% negli ultimi 15 anni; sono in sovrappeso il 42,5% degli uomini e il 26% delle donne, in maggioranza al sud. Gli over 40 sono più a rischio ma l’obesità infantile è in continuo aumento.
Il disegno di legge è stato presentato alla Commissione Igiene e Sanità del Senato – all’esame in questi giorni – dal senatore Mauro Cutrufo, vicesindaco di Roma e condiviso dal senatore Antonio Tomassini, presidente della commissione Igiene e Sanità del Senato. Il ddl affronta tutti gli aspetti della questione, dai trasporti ai ricoveri negli ospedali dove, per esempio, la maggior parte dei lettini regge fino a un massimo di 150 kg.
Il senatore Cutrufo ha dichiarato «Per la prima volta si affronta a livello legislativo un problema che affligge l’11% degli italiani e che è in preoccupante aumento, anche fra i bambini; di questo passo nel 2025 il tasso di obesità negli adulti aumenterà del 43%».
Per il senatore Antonio Tomassini «La lotta all’obesità non è una questione di moda ma si tratta di combattere una vera e propria patologia, legata all’aspettativa di vita delle persone: è infatti la prima causa di morte tra i 12 e i 25 anni e tra le principali cause di suicidio. Per questo bisogna fare prevenzione e indagare sul vero cuore del problema, i disturbi del comportamento alimentare. Gli obesi gravi non sono ancora riconosciuti come malati: in Italia i centri di accoglienza sono solo 18. Alla base del ddl ci sono prevenzione e ricerca per aprire un cammino di speranza a queste persone, spesso condannate all’isolamento sociale».
Il senatore Cutrufo ha concluso: «Il ddl dovrebbe superare l’esame di Palazzo Madama prima di Pasqua o subito dopo, per avere prima di giugno di quest’anno l&’approvazione di una legge che sarà esempio di civiltà».

 

 
Fonte: 3 marzo 2010, portal.federsanita.it

Potrebbero interessarti

  • 30 maggio 2018Gli “Orti della Salute” nelle città, per prevenire obesità e diabete“Il progetto didattico punta a coinvolgere i cittadini, a partire dai più giovani e dalle famiglie, nelle scelte salutari, promuovendo formazione e informazione che mirino a modificare comportamenti inadeguati. L’obiettivo è dare un contributo per prevenire l’insorgere di malattie di grande rilevanza socio-sanitaria come obesità e diabete tipo 2 che pesano sul sistema sanitario e […] Posted in NEWS - 2018
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 29 aprile 201811th Italian Diabetes & Obesity Barometer ReportPresentato a Roma il 17 aprile 2018, il Rapporto Annuale della Fondazione IBDO fotografa la situazione italiana, con un focus particolare sulle singole regioni, di diabete tipo 2 e obesità (diabesità), due patologie in crescita che molto spesso si associano nella stessa persona, aumentando notevolmente i rischi di ulteriori comorbidità, riduzione della qualità e dell’aspettativa di […] Posted in Italia