Che cosa sono i trigliceridi?

Che cosa sono i trigliceridi?

I trigliceridi sono i grassi più diffusi, costituiscono il 90% dei grassi presenti negli alimenti e sono i principali componenti del tessuto adiposo (quelli che si depositano nei famosi cuscinetti!) e che formano il grasso viscerale intorno alla vita, il più pericoloso per la salute di cuore, vasi, cervello e rene.

La struttura dei trigliceridi

I trigliceridi sono formati dall’unione del glicerolo (la comune glicerina) con 3 molecole di acidi grassi, i costituenti principali dei lipidi.

Gli acidi grassi differiscono tra di loro per la lunghezza della catena e per l’assenza o la presenza di doppi legami lungo di essa. In particolare, si parla di acidi grassi saturi quando i legami che uniscono gli atomi di carbonio sono tutti semplici (-C-C-), monoinsaturi quando contengono un solo doppio legame (-C=C-) e polinsaturi (come gli omega della serie 3 e 6) quando i doppi legami sono due o più (vedi figura).
Gli acidi grassi saturi prevalgono nel mondo animale, mentre gli insaturi si trovano prevalentemente nei vegetali e nei pesci (Omega-3).

Deposito e fonte di energia a lungo termine

I trigliceridi hanno la funzione di “scorta” di grassi per l’organismo, cioè non forniscono immediatamente energia (come il glucosio) ma vengono utilizzati solo nei momenti di emergenza, cioè quando l’organismo ha bisogno di energia. I trigliceridi vengono introdotti nell’organismo con la dieta e non appena l’intestino li assorbe, sono catturati da particolari proteine, i chilomicromi, e trasportati al fegato e al tessuto adiposo per essere immagazzinati. Nel momento in cui l’organismo ha bisogno di energia, altre proteine (chiamate VLDL) intaccano le scorte e trasportano i trigliceridi in circolo.

References

  • Larn Livelli di assunzione di riferimento di nutrienti ed energia per la popolazione italiana, 6° ed, SICS Ed, ottobre 2014
  • Moriondo C – Il manuale dell’alimentazione, Hoepli Ed, Milano, 2007
  • Cappelli P, Vannucchi V – Principi di scienza dell’alimentazione, 3° Ed, Zanichelli Ed, Bologna, 2010
  • Smolin LA, Grosvenor MB – Nutrition: Science and Applications. Wiley Wd, 2nd Ed, USA, 2010
  • Julve J, Martín-Campos JM et al – Chylomicrons: Advances in biology, pathology, laboratory testing, and therapeutics. Clin Chim Acta 2016 Apr 1;455:134-48

Potrebbero interessarti

  • 14 Dicembre 2022Diabete tipo 2 – In tavola durante le feste di Natale: consigli e ricetteMangiare sano si può anche durante le feste. È un comportamento che dovrebbero seguire tutti ma in particolare i soggetti affetti da diabete di tipo 2, ancora di più se in eccesso di peso. Posted in Comportamento a tavola
  • 3 Febbraio 2023Agrumi e diabete tipo 2Gli agrumi rappresentano un alleato per chi soffre di diabete di tipo 2 e non solo. I frutti derivanti dalle piante del genere “Citrus” possono essere d'aiuto anche in condizioni di obesità, uricemia e gotta, ipertensione, arteriosclerosi, sindrome metabolica. Posted in Fibre, frutta e verdura
  • 24 Novembre 2022I numeri del diabete in Italia4,5 mln dichiarano di avere il diabete; 1,5 mln coloro che non sanno di avere il diabete; 4 mln ad alto rischio di sviluppare il diabete. Su 10 persone con diabete, il 70% ha più di 65 anni e il 40% ha più di 75 anni. Posted in Italia