Sedentarierà: rischio per il cuore

La sedentarietà, il lavoro prolungato alla scrivania per ore senza muoversi provoca un aumento della probabilità di ammalarsi di diabete o di malattie cardiovascolari con relativo aumento del rischio di morte precoce, questo il risultato della ricerca realizzata dal Baker IDI Heart and Diabetes Institute di Melbourne. L’effetto della sedentarietà è devastante per il metabolismo di grassi e zuccheri e non può essere migliorato da un blando esercizio fisico.
David Dunstan, l’autore della ricerca, ritiene che chi svolge una professione sedentaria e passa la maggior parte della giornata fermo al posto di lavoro e il restante mangiando e dormendo, non ha più tempo per l’esercizio fisico. Aggiunge lo studioso: «Visto che è stato già accertato che passare quattro ore al giorno davanti alla Tv aumenta del 40% il rischio di morte per malattia cardiovascolare, quale danno possono provocare otto ore al giorno alla scrivania?».
Per diminuire i danni, il dottor Dunstan raccomanda a chi svolge una professione sedentaria di muoversi anche nell’ambito del lavoro, di fare delle pause per sgranchirsi le gambe e le braccia, di comunicare di persona con il collega alzandosi anziché telefonargli, di fare le scale senza prendere l’ascensore e di andare al lavoro in bicicletta o a piedi.

 

 
Fonte: 29 marzo 2010, paginemediche.it

Potrebbero interessarti

  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018
  • 20 giugno 2018Le vacanze in montagna per chi ha problemi di pressioneLe vacanze di avvicinano e chi ama la montagna non vede l’ora di partire per cimentarsi in passeggiate, escursioni, gite in bicicletta e per godere di panorami mozzafiato tra le vette più alte. Ma è una vacanza adatta a tutti, anche a chi, per esempio è iperteso, con diabete od obesità? Sì, se si mette in pratica il buonsenso e proprio su questo hanno puntato gli Esperti dell’ALT- […] Posted in Movimento
  • 27 marzo 2018Il piede diabetico: perché è importante giocare d’anticipoIl diabete, soprattutto se mal controllato, può danneggiare i nervi e i vasi del piede, con conseguente riduzione della sensibilità e aumento del rischio di lesioni e ulcere che portano al piede diabetico, una delle possibili complicanze del diabete. Posted in Piede diabetico