Un nuovo approccio terapeutico contro il piede del diabetico

Orione-T è un progetto frutto della sinergia fra privato (Molteni Therapeutics) e pubblico (Regione Toscana), con la supervisione dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze; è stato elaborato per prevenire e curare una delle complicanze principali e più dannose del diabete: le infezioni al piede che spesso portano all’amputazione (nel mondo se ne registra una ogni 30 secondi). Nell’aula magna dell’AOU Careggi è stata presentata l’innovativa molecola che è in grado di ridurre le infezioni localizzate ed è basata sulla Terapia Fotodinamica che sfrutta le sostanze fotosensibili per la loro attività antimicrobica. Entro l’anno prossimo sarà conclusa la fase sperimentale della ricerca, condotta dalla Molteni Therapeutics, ed entro l’anno successivo potrebbe essere messo in commercio il farmaco destinato alla cura delle ulcere.

 

 

Fonte 4 luglio 2011, unita.it

Potrebbero interessarti

  • 11 ottobre 2017Carenza di vitamina D: sorvegliata speciale per osteoporosi, artrosi e sarcopeniaDal 5 al 7 ottobre 2017, si è tenuto a Napoli il VI Congresso di ASON, l’Associazione rappresentativa di specialisti ortopedici, fisiatri e reumatologi operanti sul territorio. Quest’anno, focus sulla mancanza ormai epidemica di vitamina D che, oltre alle patologie osteoarticolari, si associa sempre più spesso anche a diabete di tipo 2, sclerosi multipla e demenza senile. Posted in Diabete e osteoporosi
  • 11 ottobre 2017Salute: al Forum della Leopolda si è sfidato il futuroA Firenze, il 29-30 settembre 2017, oltre 2.000 visitatori e 600 relatori in rappresentanza del settore sanitario, Istituzioni pubbliche, Associazioni di pazienti e Società Scientifiche, economisti e futuristi hanno animato la Stazione Leopolda, in occasione della seconda edizione del “Forum della sostenibilità e opportunità nel settore della salute”. Posted in EVENTI - 2017
  • 11 agosto 2017Incidenza di diabete e comorbiditàIl rischio di complicanze del diabete è direttamente correlato al buon controllo del diabete stesso. Numerosi studi hanno documentato che migliore è il compenso metabolico del glucosio nel sangue (glicemia) e minore è il rischio di complicanze future. Posted in Italia