Una nuova unità di misura per l’emoglobina glicata

L’International Federation of Clinical Chemistry and Laboratory Medicine (IFCC), in linea con le principali società scientifiche di diabetologia, ha stabilito che dalla fine di gennaio i referti dell’emoglobina glicata, conosciuta anche come HbA1c, dovranno utilizzare due unità di misura: le percentuali, ovvero le “vecchie” unità utilizzate fino ad oggi, e le millimole di emoglobina glicata per mole di emoglobina (mmol/mol).
L’introduzione di questa nuova unità di misura consentirà di confrontare gli esiti degli esami effettuati nei laboratori in Italia e nel mondo, oltre a fornire un metodo di misurazione più accurato e preciso.
La doppia modalità di misurazione verrà mantenuta fino al 2012 per poi lasciare il posto esclusivamente all’unità di misura nuova (mmol/mol). A fare i conti con questo cambiamento non saranno solo i professionisti della sanità ma anche i pazienti diabetici, per i quali sarà utile prendere confidenza con i nuovi valori e con dati numericamente più elevati ma perfettamente sovrapponibili con quelli precedentemente espressi in percentuali.

 

 
Fonte: 22 gennaio 2010, agi.it

Potrebbero interessarti

  • 29 novembre 2017L’alimentazione della donna diabeticaLe donne con diabete, rispetto agli uomini, presentano una maggiore mortalità, dovuta alle complicanze della malattia. Il rischio di alcune complicanze diabetiche e la gravità delle stesse risulta essere maggiore nella donna. Posted in Nutrizione
  • 19 febbraio 2018OneTouch24: la teleassistenza oltre il controllo della glicemiaOneTouch24 è l’innovativo servizio di teleassistenza, attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, disponibile come App su Apple Store e Google Play per le persone con diabete. OneTouch24 è integrato con la piattaforma OneTouch Reveal®, i glucometri OneTouch® dotati di connettività Bluetooth ed è compatibile con la maggior parte degli smartphone e tablet iOS e Android. Posted in Telemedicina
  • 18 febbraio 2018Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioniLe persone che soffrono di diabete sono più a rischio di infezioni, comprese quelle di particolare gravità localizzate alle articolazioni e alle ossa, oltre alle endocarditi (infezioni dell'endocardio, il tessuto che riveste le cavità interne e le valvole del cuore), alle infezioni cutanee, al piede, alle basse vie respiratorie, alle vie urinarie e alle sepsi. Posted in Infezioni