Utilizzo di messaggi elettronici al medico migliora controllo glicemico

Secondo una ricerca condotta nel periodo tra gennaio del 2004 e marzo del 2005 a Seattle, negli USA, i pazienti diabetici che utilizzano il servizio di messaggi elettronici per comunicare il proprio stato di salute al medico curante hanno un miglior controllo della glicemia.
Su un totale di 15,427 pazienti diabetici che hanno avuto accesso all’ampio programma di distribuzione di cure sanitarie presso la University of Washington School of Public Health and Community Medicine, il 34% (5274 persone) ha effettuato la registrazione per accedere ai servizi in Internet, mentre il 29% (2924 pazienti) ha utilizzato il servizio di messaggi sicuri per comunicare con il proprio medico.
I ricercatori hanno rilevato, nei soggetti che usavano regolarmente i messaggi, un miglior controllo dei livelli di glicemia e una maggior propensione a effettuare visite ambulatoriali specialistiche.
L’ipotesi avanzata dagli esperti per spiegare questi dati è stata la maggior proattività dei pazienti che usufruivano dei messaggi come un mezzo complementare alle cure tradizionali.
Saranno tuttavia necessarie ulteriori ricerche per  valutare se l’utilizzo di messaggi elettronici possa effettivamente migliorare la qualità e l’utilizzo delle cure mediche.

 
FonteDiabetes Care 2009; 32: 1182–1187

Potrebbero interessarti

  • 7 dicembre 2017In Italia, il diabete è tra i temi di salute più ricercati sul webSecondo la 4° edizione del Diabetes Web Observatory, 2017 si ricerca in rete più al Sud, in particolare in Calabria, Puglia, Basilicata. Il 75 per cento delle persone utilizza le app per raccogliere e condividere informazioni sul mondo del diabete, in base all’osservatorio Diabetes Monitor, 6° Ed, 2017. Le persone con diabete sentono di più il bisogno di discutere con il proprio medico […] Posted in Italia
  • 18 settembre 2017Da Cortina a Dobbiaco, in bici con il diabete di tipo 1Con il DT1 si può, anche pedalare insieme. Era questo l’obiettivo della pedalata per persone con diabete di tipo 1, non a scopo competitivo ma per far comprendere come i pazienti insulino-dipendenti possano condurre una vita normale e affrontare qualsiasi sfida, anche in ambito sportivo. Posted in NEWS - 2017
  • 11 dicembre 2017Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutatoLe persone con diabete di tipo 2 (DT2) non sono consapevoli del rischio cardiovascolare correlato alla malattia. È uno dei risultati preliminari dell’indagine “Taking Diabetes to Heart” presentati all’ultimo congresso dell’International Diabetes Federation (IDF) 2017. Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa