Podologo: l’esperto per la cura dei piedi

A cura del dr. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma)

Un team per la prevenzione e la cura del piede diabetico dovrebbe includere sempre un podologo, l’esperto della salute e del benessere dei piedi. Grazie allo sviluppo e all’importanza che tale figura ha svolto nel corso degli anni, oggi con il termine di podologo si definisce, sul piano scientifico e culturale europeo, il laureato universitario, inserito nell’area delle lauree della riabilitazione LSNT/2, che svolge atti sanitari, preventivi, riabilitativi e terapeutici, nei confronti delle patologie del piede e/o a questi correlate in età pediatrica, adulta e geriatrica.
Opera in regime di dipendenza o come libero professionista con titolarietà e autonomia professionale, con strumenti e metodiche non cruenti, masso- fisioterapia e ortesi per la risoluzione del dolore podalico.

 

Le competenze del podologo

Nelle competenze del podologo rientrano le asportazioni di tessuti cheratinici ipertrofici, la cura delle patologie delle unghie [onicocriptosi (unghia incarnita), onicogrifosi, onicomicosi], la riabilitazione del passo con tecniche appropriate e con l’utilizzo di presidi ortesici.

Il podologo è una figura che può agire preventivamente sul piede nei casi di malattie dismetaboliche – per esempio il diabete – e che trova campo di applicazione delle proprie conoscenze anche in posturologia in quanto il piede è un importante recettore del Sistema Tonico Posturale (STP) ovvero del sistema che controlla l’equilibrio e la postura del nostro corpo.

Un assetto sbagliato del piede, spesso derivante da ipertono-ipotono di catene muscolari, crea uno squilibrio del Sistema Tonico Posturale che può causare dolori recidivanti o cronici.

 

Il podologo è l’unica figura professionale in grado di trattare, sia direttamente che su prescrizione medica le seguenti patologie dermatologiche dei piedi:

  • ipercheratosi cutanee e lesioni conseguenti
  • onicocriptosi, lamine ungueali ipertrofiche, micotiche, deformate e lesioni micotiche, deformate e lesioni periungueali, verruche.

Il podologo è in grado di collaborare con il medico specialista, sul piano della prevenzione, cura e riabilitazione in numerose situazioni:

  • Alterazioni biomeccaniche, strutturali e funzionali del piede
  • Trattamenti pre e post operatori
  • Ulcerazione trofiche.

Più in particolare il podologo è la figura professionale che collabora con il Medico nella prevenzione e la cura delle patologie dei piedi in special modo di pazienti con:

  • Diabete
  • Patologie reumatiche ed ortopediche
  • Arteropatie
  • Neuropatie
  • Dermatopatie

 

Il podologo, infine, cura le diverse patologie del piede, realizzando ortesi e trattamenti finalizzati a favorire la corretta deambulazione, oltre che per la prevenzione di complicanze localizzate per le persone con diabete e/o altre patologie a rischio e/o di alterazioni strutturali e funzionali dei piedi.

 

LEGISLAZIONE

Nel 1988 con il DM n° 30 del 26 gennaio del Ministro della Sanità Donat-Cattin emise un Decreto Ministeriale in cui si riconosceva la figura professionale del podologo:

 

D.M. n 30 26 gennaio 1988 – anpec.it/Leggi_Decreti/26-01-1988.pdf

D.I.G.S. N 502 30 dicembre 1992 – trovanorme.salute.gov.it/dettaglioAtto

D.M. n° 666 14 settembre 1994 – bo.camcom.gov.it/Dm-666-94-podologo.pdf

LEGGE n° 42 26 febbraio 1999 – medicoeleggi.com

LEGGE n° 251 10 agosto 2000 – camera.it/parlam/leggi/00251l.htm

 

 

Bibliografia

Daniele Palla, Elena Oliveri – La formazione in podologia. Dal percorso universitario all’aggiornamento professionale Copertina flessibile. Timeo Editore, Bologna, 2005

 

Potrebbero interessarti

  • 25 febbraio 2019Piede diabetico: quando è necessario rivolgersi a un centro specialistico?A cura del dr. Matteo Monami, Direttore Unità Piede Diabetico, Ospedale Careggi, Firenze. Tutte le volte che si nota una lesione sospetta al piede, un’abrasione, una piccola ferita che perdura, la prima cosa da fare, senza indugiare troppo è rivolgersi al medico di famiglia o al diabetologo del proprio centro di cura se è possibile in tempi rapidi; se non è possibile va bene anche […] Posted in Piede diabetico
  • 9 aprile 2019La legislazione regionale sul diabeteSecondo quanto emerso dall’indagine della Società Italiana di Diabetologia (SID) condotta a cavallo tra il 2018 e il 2019, anche sotto il profilo degli aspetti legislativi riguardanti la gestione del diabete, esistono profonde differenze tra le singole Regioni Italiane. Questo è vero relativamente a Leggi, Delibere di Giunta Regionale (DGR), Delibere Consiglio Regionale (DCR) e […] Posted in Assistenza e diabete
  • 10 aprile 2019Piede diabetico: numeri in discesa ma ancora troppo altiL’Italia è tra le nazioni con il minor numero di amputazioni al mondo. Gli indicatori di salute e gli esiti del piede diabetico sono migliorati negli ultimi vent’anni: le amputazioni sono calate di circa il 40 per cento, grazie a una maggiore consapevolezza sia da parte degli operatori sanitari che dei pazienti ma anche grazie a delle modifiche a livello legislativo e organizzativo, […] Posted in Piede diabetico