Ipoglicemia: cause e fattori di rischio

Ipoglicemia: cause e fattori di rischio - Diabete.com

Con la consulenza del prof. Andrea Giaccari**, Diabetologo, Direttore Team Diabete, Fondazione Policlinico A. Gemelli, Roma

Le cause e i fattori di rischio di una crisi ipoglicemica per una persona con diabete sono molteplici e possono variare da soggetto a soggetto e nelle diverse condizioni cliniche. Dipendono dal comportamento a tavola e dallo stile di vita, dalla terapia, dalla sua condizione clinica ma possono anche essere psicologici.
È importante conoscerli per poter evitare o ridurre quanto più possibile l’eventualità di una crisi ipoglicemica. Quest’ultima è sempre il risultato di uno squilibrio tra la quantità di insulina e di glucosio presenti nel sangue. Una volta corretto lo squilibrio, ogni crisi di ipoglicemia va analizzata per scoprirne la causa e prevenire la sua ricomparsa.

  • Storia di precedenti ipoglicemie
    Uno dei fattori predittivi più forti di una futura ipoglicemia è la storia di una crisi pregressa, sia grave che non.
  • Determinanti sociali della salute
    Possono contribuire al rischio di ipoglicemia, la difficoltà a procurarsi il cibo, la deprivazione socioeconomica e la scarsa alfabetizzazione sanitaria
  • Alimentazione/dosaggio di insulina
    – Saltare i pasti o cambiare drasticamente la dieta abituale
    – Consumare il pasto in ritardo rispetto all’iniezione di insulina
    – Eccessiva dose preprandiale di insulina rispetto ai carboidrati effettivamente assunti
    – Riduzione dei carboidrati assunti (ad esempio per mancanza di appetito)
    – Crisi di vomito subito dopo il pasto
  • Consumo eccessivo di alcolici o assunzione di farmaci
    Possono potenziare l’effetto dell’insulina o ridurre la sensibilità del paziente con diabete alle ipoglicemie. Per esempio, i pazienti che assumono betabloccanti per l’insufficienza cardiaca possono non percepire i sintomi precoci di ipoglicemia con conseguente ritardo nel riconoscimento e trattamento della crisi.
  • Attività fisica e sportiva
    – Aumento dell’esercizio fisico non previsto o non considerato al momento di fare l’insulina o di mangiare
    – Modifica del momento in cui si svolge l’attività fisica abituale
    – Allenamento prolungato ed estenuante
    – Attività fisica in una persona non allenata
  • Correzione eccessiva o ravvicinata di una iperglicemia
  • Siti e modalità di iniezione
    – Effetto ritardato di una precedente dose di insulina iniettata in una lipodistrofia
    – Insulina iniettata nei capillari
  • Variazioni della terapia abituale
    – Eccessiva quantità di insulina (o vecchi ipoglicemizzanti orali come sulfoniluree o repaglinide)
    – Politerapia (associazione di insulina/ipoglicemizzanti orali) nella persona anziana
  • Scambio tra le insuline o errore nella assunzione dei farmaci
  • Situazioni di stress ossidativo
    – La variabilità della glicemia (glicemie alte e basse, pur con una glicata a target) è stata associata anche allo stress ossidativo provocato dall’azione dei radicali liberi. Recenti evidenze suggeriscono che anche l’ipoglicemia possa svolgere un ruolo importante nel favorire le complicanze vascolari diabetiche attraverso diversi meccanismi: stress ossidativo, infiammazione, eventi protrombotici e disfunzione dell’endotelio (parete vasale).
  • Età avanzata
    – L’ipoglicemia nella popolazione anziana, a maggior ragione se con diabete, è un problema clinico rilevante che determina un aumento delle ospedalizzazioni, dei costi sanitari e una riduzione della qualità della vita.
    – I pazienti più anziani sono più fragili, meno attenti alla propria gestione e più sensibili all’ipoglicemia, per il diabete di lunga durata, per il maggior numero di comorbidità che richiedono politerapie, modifiche metaboliche correlate all’età e il progressivo declino dovuto all’invecchiamento.
    – I pazienti più anziani hanno meno probabilità di presentare sintomi di ipoglicemia e i sintomi possono spesso comparire a una soglia inferiore di glucosio nel sangue rispetto ai pazienti più giovani. Se gestito male, l‘impatto dell’ipoglicemia in questi pazienti può portare a esiti negativi acuti e cronici. L’insulina, le sulfoniluree devono essere attentamente monitorate.
  • Insufficienza renale e/o epatica e altre comorbidità
    – I pazienti con diabete ed altre malattie, soprattutto insufficienza renale, disfunzione epatica, deficit cognitivi, malattie cardiovascolari, tumori gravi ecc., sono più vulnerabili all’ipoglicemia.
    – L’insufficienza renale per esempio ritarda la clearance di molte sulfoniluree, determinando un potenziale eccesso dei livelli nel sangue e quindi un maggior rischio di ipoglicemia.
  • Chirurgia bariatrica e metabolica
    – Recenti studi hanno documentato la frequente insorgenza di sintomi ipoglicemici dopo chirurgia dell’obesità (chirurgia bariatrica) o metabolica che compaiono in più di un terzo dei casi sottoposti a tale terapia chirurgica.

LEGGI ANCHE

Ipoglicemia: tutto ciò che c’è da sapere »

Ipoglicemia: 10 Consigli per prevenirla »


References

– AMD – SID, Standard italiani per la cura del diabete mellito 2018

– American Diabetes Association. Standards of Medical Care in Diabetes. Diabetes Care, April 2021, Volume 44, Issue 4

– Muneer M  – Hypoglycaemia. Adv Exp Med Biol 2021;1307:43-69

– Nguyen JV, Roseberry S, et al – Hypoglycemia in Older People With Type 2 Diabetes: Prevention and Treatment Strategies for Outpatient and Long-Term Care Facility Settings. Sr Care Pharm 2021 Feb 1;36(2):112-121

– ALEissa MS, AlGhofaili IA, et al – Incidence and risk factors associated with hypoglycemia among patients with chronic kidney disease: A systematic review. J Family Community Med 2020 Sep-Dec;27(3):157-162

– Heller SR, Peyrot M, Oates SK, Taylor AD – Hypoglycemia in patient with type 2 diabetes treated with insulin: it can happen. BMJ Open Diabetes Res Care 2020 Jun;8(1):e001194

– Hoogwerf BJ – Hypoglycemia in Older Patients. Clin Geriatr Med 2020 Aug;36(3):395-406

– Lin YK, Fisher SJ, Pop-Busui R – Hypoglycemia unawareness and autonomic dysfunction in diabetes: Lessons learned and roles of diabetes technologies. J Diabetes Investig 2020 Nov;11(6):1388-1402       

– Papachristoforou E, Lambadiari V, et al – Association of Glycemic Indices (Hyperglycemia, Glucose Variability, and Hypoglycemia) with Oxidative Stress and Diabetic ComplicationsJ Diabetes Res 2020 Oct 12;2020:7489795

– Urakami T – Severe Hypoglycemia: Is It Still a Threat for Children and Adolescents With Type 1 Diabetes? Front Endocrinol (Lausanne) 2020 Sep 15;11:609

– Weinstock RS, Aleppo G, et al –  The Role of Blood Glucose Monitoring in Diabetes Management. Arlington (VA): American Diabetes Association; 2020 Oct. PMID: 33411424 Free Books & Documents. Review.

– Zhang Y, Li S, Zou Y, et al – Fear of hypoglycemia in patients with type 1 and 2 diabetes: a systematic review. J Clin Nurs 2020 Oct 22

– Johnson-Rabbett B, Seaquist ER – Hypoglycemia in diabetes: The dark side of diabetes treatment. A patient-centered review. J Diabetes 2019 Sep;11(9):711-718

– Rossi MC, Nicolucci A, Ozzello A, Gentile S, Aglialoro A, Chiambretti A, Baccetti F, Gentile FM, Romeo F, Lucisano G, Giorda CB; HYPOS-1 Study Group of AMD – Impact of severe and symptomatic hypoglycemia on quality of life and fear of hypoglycemia in type 1 and type 2 diabetes. Results of the Hypos-1 observational study. Nutr Metab Cardiovasc Dis 2019 Jul;29(7):736-743

– Silbert R, Salcido-Montenegro A, et al – Hypoglycemia Among Patients with Type 2 Diabetes: Epidemiology, Risk Factors, and Prevention Strategies. Curr Diab Rep 2018 Jun 21;18(8):53

– Tourkmani AM, Alharbi TJ, et al – Hypoglycemia in Type 2 Diabetes Mellitus patients: A review article. Diabetes Metab Syndr 2018 Sep;12(5):791-794

– Freeland B – Hypoglycemia in Diabetes Mellitus. Home Healthc Now 2017 Sep;35(8):414-419

– Freeman J – Management of hypoglycemia in older adults with type 2 diabetes. Postgrad Med 2019 May;131(4):241-250

** Prof. Andrea Giaccari
Direttore Centro per le Malattie Endocrine e Metaboliche
Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS, Roma
Laureato all’Università Sapienza e formato presso i laboratori di Ralph A. DeFronzo a San Antonio Texas e presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York. Dal 1995, lavora presso il Policlinico Gemelli di Roma dell’Università Cattolica del Sacro Cuore diventando nel 2005 Professore Associato di Endocrinologia e responsabile, dal 2014, del Centro per le Malattie Endocrine e Metaboliche. È stato CoEditor (2008-14) poi Editor-in-Chief (2015-18) di Nutrition Metabolism and Cardiovascular Diseases, (Impact Factor 3.6). Già membro del Consiglio Direttivo della Società Italiana di Diabetologia (SID) e Coordinatore Scientifico della Fondazione Diabete Ricerca, serve come grant reviewer per molti enti di ricerca, fra i quali la European Foundation for the Study of Diabetes e la European Commission (Innovative Medicine Initiative – JU). Ha collaborato con la European Medicine Agency come consulente esterno. Ha svolto molte attività anche sociali per la diabetologia italiana, creando la Giornata Mondiale del Diabete in Italia, collaborando alla fondazione di Diabete Italia e organizzando numerosi eventi sociali e politici sul diabete.

Potrebbero interessarti