La terapia a gradini del diabete di tipo 2 (DT2)

montesiCon la consulenza del dr. Luca Montesi, Responsabile dell’Ambulatorio di Diabetologia presso la SSD Malattie del Metabolismo e Dietetica Clinica dell’Ospedale S.Orsola Malpighi di Bologna.

 

 

Quando si scopre di avere il diabete di tipo 2, la cosa più importante da fare è informarsi in modo adeguato su questa malattia e stabilire con il proprio specialista la più appropriata strategia terapeutica.

In genere, si parte con modifiche sostanziali allo stile di vita (alimentazione e attività fisica) e se queste non sono sufficienti si associa una terapia con farmaci per bocca (farmaci orali) e/o per via sottocutanea (iniettivi non insulinici).

Il farmaco di prima scelta è la metformina ma oggi esiste una vasta gamma di molecole, sia in monoterapia che in associazione con la metformina, in grado di rispondere alle diverse esigenze e caratteristiche cliniche e pertanto di personalizzare al massimo la terapia.

Se con il passare del tempo, la terapia con questi farmaci diventa insufficiente, occorrerà inserire anche l’insulina, in combinazione con la terapia usuale o da sola. Una piccola percentuale di pazienti con diabete di tipo 2 in scompenso glicemico sin dalla diagnosi o con condizioni che controindichino l’utilizzo di parte degli altri farmaci disponibili, viene curata da subito con l’insulina, associata o meno con metformina.

La terapia a gradini del diabete di tipo 2 (DT2)

 

① – Il primo approccio: dieta ed esercizio fisico
La maggior parte delle persone a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 almeno all’inizio risponde bene a variazioni dello stile di vita e in particolare alimentazione corretta associata a un programma di attività fisica moderata e costante, entrambe personalizzate sulla situazione individuale. E’ possibile che le sole modifiche allo stile di vita (dieta + esercizio fisico) abbiano già un effetto rilevante sulle condizioni fisiche, soprattutto nel caso di persone in sovrappeso che riescono a dimagrire.

② – La terapia con i farmaci orali o sottocutanei

Se modificare le abitudini errate e lo stile di vita non è sufficiente a tenere sotto controllo il diabete di tipo 2, si deve associare uno o più farmaci per bocca e/o per via sottocutanea.

 

I FARMACI PER VIA ORALE

I farmaci somministrati per bocca (farmaci orali) possono agire in modi diversi:

  • i farmaci insulino-sensibilizzanti, come la metformina e il pioglitazone, servono a sensibilizzare l’organismo a rispondere in maniera più efficace all’insulina;
  • sulfoniluree e glinidi stimolano direttamente la secrezione di insulina da parte del pancreas;
  • gli inibitori del DDP-4 o gliptine stimolano tale secrezione in modo indiretto, inibendo la degradazione enzimatica del GLP-1, un ormone prodotto dalle cellule dell’intestino in grado di stimolare la produzione insulinica;
  • gli inibitori del SGLT-2 o gliflozine non stimolano la secrezione insulinica, ma riducono i livelli di glicemia, stimolando la perdita di glucosio attraverso le urine;
  • gli inibitori delle alfa-glucosidasi (acarbosio) ritardano l’assorbimento degli zuccheri e rallentano la digestione.

Il farmaco di prima scelta e più utilizzato a livello mondiale da molti anni è la metformina, disponibile oggi anche come metformina in formulazione a lento rilascio; quest’ultima è indicata per i soggetti che sono intolleranti alla formulazione a rilascio normale e da giugno 2016 è prescrivibile in classe A e quindi a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Oltre alla metformina esistono oggi molti altri farmaci che possono essere somministrati in monoterapia o in associazione con metformina o altre molecole. Sarà il medico a prescrivere la cura più indicata a ciascun paziente: ogni terapia è strettamente personale, ciò che va bene ad una persona può non andare bene a un’altra.

 

I FARMACI PER VIA SOTTOCUTANEA

I farmaci somministrati per via sottocutanea (non insulinici) appartengono alla classe degli analoghi del GLP-1 (liraglutide, exenatide, dulaglutide, lixisenatide): mimano l’azione dell’ormone GLP-1 e pertanto stimolano indirettamente la produzione di insulina come accade per le gliptine. Alcuni di essi necessitano di 1 o 2 iniezioni giornaliere, mentre le molecole più recenti presentano una lunga durata d’azione che ne consente 1 iniezione a settimana.

 

③ – La terapia con insulina

Se dopo un certo periodo (anche anni), la terapia farmacologia indicata non fosse più sufficiente, si dovrà introdurre la terapia con insulina, in associazione agli stessi farmaci o come unica terapia. Per una piccola percentuale di pazienti con diabete di tipo 2 che presentano già gravi problemi di salute al momento della diagnosi o con diabete in fase di scompenso, l’insulina è necessaria da subito, così come avviene nei pazienti con diabete di tipo 1. L’ insulina viene utilizzata per via sottocutanea, quando il pancreas non produce più insulina o quando la sua produzione diventa insufficiente o per un rapido ripristino di valori glicemici soddisfacenti. Esistono cinque differenti tipologie di insulina – classificate in base alla durata d’azione: ultrarapida, rapida, intermedia, miscelata, lenta, per coprire tutte le esigenze possibili.

 

Fonti

– AMD/SID (Associazione Medici Diabetologi/Società Italiana di Diabetologia. Standard italiani per la cura del diabete mellito, giugno 2016

– Way KL, Hackett DA, Baker MK, Johnson NA. The Effect of Regular Exercise on Insulin Sensitivity in Type 2 Diabetes Mellitus: A Systematic Review and Meta-Analysis. Diabetes Metab J. 2016 Aug;40(4):253-71 Review

 

 

Potrebbero interessarti

  • 14 luglio 2018Gli aghi da penna non sono tutti ugualiLa scelta dell’ago giusto per l’iniezione dell’insulina ha grande importanza non solo per la corretta somministrazione dell’insulina ma anche per la sicurezza del paziente e dell’operatore sanitario. Troppe volte le scelte degli aghi per penna sono basate unicamente sul prezzo più basso non tenendo nella giusta considerazione una serie di caratteristiche che hanno un impatto sulla […] Posted in Insulina
  • 29 giugno 2018Diabete tipo 2: AMD promuove nuovo progetto formativo itineranteL’Associazione Medici Diabetologi (AMD) incontra i colleghi Medici della Medicina Generale (MMG) per confrontarsi sulle più recenti opzioni terapeutiche antidiabete e su come migliorare la comunicazione e l’engagement con i pazienti. Al momento sono previsti 7 incontri con l’obiettivo di rinsaldare il gioco di squadra tra specialisti e medici di famiglia. Posted in NEWS - 2018
  • 25 maggio 2018Presentata la revisione 2018 delle Linee Guida italiane sul diabeteSi chiamano Standard Italiani per la Cura del Diabete Mellito e sono le linee guida sul diabete, uno strumento di riferimento per tutti i medici impegnati nella diagnosi e nel trattamento del diabete, patologia che nelle sue varie forme, interessa almeno 4 milioni di italiani. L'edizione 2018 degli Standard italiani per la cura del diabete, elaborati congiuntamente dalla Società […] Posted in Linee guida