Il laser a femtosecondi per il trattamento della cataratta

Il laser a femtosecondi per il trattamento della cataratta

È un laser che opera in biliardesimi di secondo la nuova tecnologia mininvasiva di cui si è recentemente dotata la Clinica Oculistica Universitaria dell’Ospedale San Giuseppe di Milano per il trattamento della cataratta, patologia che dopo i 70 anni colpisce 1 persona su 4 e che, secondo la Società Oftalmologica Italiana (SOI), assorbe circa l’80% del lavoro di un reparto di Oculistica. Il nuovo laser riduce al massimo i tempi di intervento e assicura meno traumi, più precisione e un migliore recupero visivo del paziente.

 

Che cos’è la cataratta

La cataratta è una patologia che causa la perdita di trasparenza del cristallino [→ com’è fatto il nostro occhio], ovvero della lente naturale all’interno del nostro occhio, fino a comprometterne seriamente la capacità visiva. Solitamente è un fenomeno fisiologico legato all’invecchiamento che colpisce 1 persona su 4 dopo i 70 anni. Può colpire uno o entrambi gli occhi e, ancora oggi, è tra le prime cause di perdita della vista nel mondo. Una cecità, però, il più delle volte reversibile grazie alla chirurgia. In Italia sono circa 557.000 gli interventi di rimozione della cataratta effettuati ogni anno, tanto da rappresentare più dell’80% del lavoro di un reparto di Oculistica (Fonte: SOI). L’operazione prevede la frantumazione del cristallino con cataratta, in genere attraverso un apparecchio a ultrasuoni, e l’aspirazione della cataratta attraverso una piccola sonda. Successivamente, al posto del cristallino opaco, viene inserita una minuscola lente pieghevole, il cui valore è stato calcolato e settato in precedenza sulle caratteristiche del singolo paziente.

 

Il Femtolaser, ultima frontiera nella chirurgia della cataratta

È appena arrivato alla Clinica Oculistica Universitaria dell’Ospedale San Giuseppe di MilanoGruppo MultiMedicaMinor trauma dei tessuti oculaririduzione delle complicanze, possibilità di impiantare lenti intra-oculari a elevata tecnologia e una precisione prima d’ora impensabile: questi sono alcuni dei vantaggi della FLAC (Femtosecond Laser Assisted Surgery), grazie alla quale è possibile programmare le fasi dell’intervento attraverso un computer, per poi eseguirle con il laser in pochi secondi, senza l’impiego di bisturi e pinze.

 

“Tra gli aspetti più innovativi del Femtolaser – illustra Paolo Nucci, Direttore della Clinica Oculistica Universitaria dell’Ospedale San Giuseppe di Milano – vi è quello di ridurre la quantità di passaggi chirurgo-dipendenti, consolidando e standardizzando alcune fasi dell’operazione, e dunque rendendo ancor più rapido e meno traumatico l’intervento di cataratta. I tagli corneali, l’apertura della capsula che avvolge il cristallino e la frantumazione della cataratta, infatti, non vengono eseguiti dalla mano umana, ma da un computer, sulle caratteristiche del paziente. Inoltre, mentre gli strumenti tradizionali rilasciano impulsi in nanosecondi, ovvero ‘solo’ in miliardesimi di secondo, questo tipo di laser emette spots della durata di un femtosecondo (vale a dire un milionesimo di miliardesimo di secondo) sulle strutture oculari verso cui viene indirizzato. Questo permette di aprire con estrema cura e precisione la capsula anteriore del cristallino, dando modo alla lente artificiale di trovare la migliore allocazione e quindi di garantire un risultato superiore da un punto di vista refrattivo. Il femtolaser è quindi particolarmente indicato per l’utilizzo di lenti intraoculari di ultimissima generazione, come le lenti toriche per la correzione dell’astigmatismo e le lenti afocali che consentono di correggere difetti visivi come la presbiopia”.

 

Come sapere se si è affetti da una cataratta significativa? Quali i segnali d’allarme?

L’unico modo per capirlo è quello di sottoporsi a una visita specialistica in ambulatorio”, spiega il Professor Nucci. “Sono diversi i segnali d’allarme: il paziente percepisce di vedere meno nitidamente, riferisce episodi di abbagliamento, difficoltà nella visione notturna o anche un’alterazione dei colori. Tutti problemi che possono condurre a serie limitazioni delle attività quotidiane. È a questo punto che conviene intervenire chirurgicamente”.

 

La chirurgia della cataratta: una delle più delicate in campo medico.

“Nel corso degli anni – prosegue Nucci – la chirurgia oculare si è aggiornata notevolmente, con l’affermarsi di tecniche sempre più avanzate, standardizzate e sicure. Tuttavia, in Italia, dove pure il livello delle cure per questa patologia è elevato, sono ancora poche le strutture in cui è possibile sottoporsi a un intervento di cataratta assistito da laser a femtosecondi. Va chiarito che non tutti gli occhi sono adatti all’impiego di questa tecnica: è una valutazione che spetta all’oculista attraverso esami specifici, che coadiuvano la scelta della metodica operatoria più adatta”.

 

Nei bambini, la cataratta può essere congenita
In età pediatrica, può derivare da una condizione malformativa o di incompleta maturazione del cristallino. La patologia colpisce un neonato su 2.500 e costituisce una delle cause più frequenti di cecità nell’infanzia. Pertanto, gli screening neonatali, con la valutazione del riflesso rosso, giocano un ruolo fondamentale. La Clinica Oculistica dell’Ospedale San Giuseppe a Milano rappresenta in questo campo un’eccellenza, essendo uno dei centri in Italia dove si eseguono più interventi per cataratta pediatrica. “Quando la patologia è congenita – conclude il Professor Nucci – la chirurgia deve essere programmata presto, intorno al quarantesimo giorno di vita, e comporta un intervento molto delicato, eseguito in anestesia generale. La complessità dell’operazione impone che venga eseguito preferibilmente in un centro altamente specializzato”.

 

 

Fonte

Comunicato stampa Multimedica/Value Relations, 13 febbraio 2018

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 27 luglio 2018Ipertrofia prostatica benigna e diabete: quale correlazione?L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una condizione fisiologica dell’età: consiste in un progressivo ingrandimento della porzione centrale della ghiandola prostatica, dove – medialmente, sul collo della vescica viene a formarsi una porzione in più, chiamata adenoma prostatico. Posted in Nefropatia e vie urinarie
  • 29 giugno 2018Diabete tipo 2: AMD promuove nuovo progetto formativo itineranteL’Associazione Medici Diabetologi (AMD) incontra i colleghi Medici della Medicina Generale (MMG) per confrontarsi sulle più recenti opzioni terapeutiche antidiabete e su come migliorare la comunicazione e l’engagement con i pazienti. Al momento sono previsti 7 incontri con l’obiettivo di rinsaldare il gioco di squadra tra specialisti e medici di famiglia. Posted in NEWS - 2018
  • 9 giugno 2018Diabete tipo 1: emergenza chetoacidosi. È allarme!Stupisce come in Italia ancora manchi una cultura adeguata che permetta una diagnosi precoce del diabete di tipo 1. Nonostante appelli e campagne educazionali, si fatica ancora a riconoscere immediatamente i segnali premonitori del diabete di tipo 1, peraltro semplici da notare: tanta sete e tanta pipì. Basterebbe di prassi un controllo della glicemia. “È indispensabile creare una […] Posted in Diabete di tipo 1