Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioni

Il diabete mellito aumenta il rischio di infezioni

Le persone che soffrono di diabete sono più a rischio di infezioni, comprese quelle di particolare gravità localizzate alle articolazioni e alle ossa, oltre alle endocarditi (infezioni dell’endocardio, il tessuto che riveste le cavità interne e le valvole del cuore), alle infezioni cutanee, al piede, alle basse vie respiratorie, alle vie urinarie e alle sepsi.
Secondo uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Diabetes Care nel gennaio 2018, chi ha diabete di tipo 1 (DT1) ha il quadruplo di probabilità di ricoveri ospedalieri per infezioni e chi il diabete di tipo 2 (DT2) ne ha il doppio rispetto ai soggetti senza diabete.

 

Maggior rischio di infezioni: perché?

La maggiore frequenza di infezioni nei soggetti con diabete è dovuta allo stato di iperglicemia diffusa che infarcisce di zucchero i tessuti dell’organismo, soprattutto quanto non c’è un buon controllo della glicemia; questo stato favorisce la disfunzione del sistema immunitario [per es. provoca un danno alla funzione dei neutrofili (i globuli bianchi più numerosi che sono in prima linea nella difesa contro le infezioni), agevola l’ inibizione dei meccanismi antiossidanti (che combattono costantemente i radicali liberi e le tossine] e contrasta l’immunità umorale, cioè l’immunità mediata dagli anticorpi, proteine sieriche circolanti che sono responsabili del riconoscimento specifico e dell’eliminazione dell’antigene. Alcuni studi hanno evidenziato che in caso di infezione, gli anticorpi subiscono una glicazione la cui entità è direttamente proporzionale all’aumento dell’emoglobina glicata.

La maggiore frequenza di infezioni della persona con diabete favorisce anche le micro- e macroangiopatie (danni ai grossi vasi e ai piccoli vasi periferici), e la neuropatia (danni alle nervi periferici), riduce la naturale attività antibatterica svolta dalle urine, altera la motilità gastrointestinale e urinaria.
Le infezioni possono colpire qualsiasi organo o sistema del nostro organismo [infezioni del piede (piede diabetico)], delle alte e basse vie respiratorie, infezioni cutanee, infezioni urinarie, infezioni delle ossa, infezioni dei tessuti e delle valvole del cuore etc), in base alla predisposizione individuale e sono causa di un aumento notevole del numero di visite mediche in questi pazienti. Alcune infezioni sono peculiari del diabete, un esempio è il piede diabetico, complicanza diabetica tra le più temute.

Uno studio inglese retrospettivo su oltre 100.000 pazienti adulti

Il maggior rischio di infezioni delle persone con diabete è stato confermato di recente da un ampio studio retrospettivo condotto incrociando i dati delle cartelle dei medici di medicina generale con quelli delle cartelle cliniche ospedaliere di 102.493 adulti britannici tra 40 e 89 anni con diagnosi di diabete dal 2008 (n = 5.863 DT1 and n = 96.630 DT2).
Dai risultati è emerso che circa il 6% dei ricoveri ospedalieri è correlato alla presenza di patologie infettive, e il 12% dei decessi per infezione potrebbero essere attribuiti al diabete.

 

Reagire subito ai primi segnali di infezione è fondamentale

Nonostante sia nota da tempo la maggior predisposizione alle infezioni delle persone con diabete, confermata dagli studi più recenti, le attuali Linee Guida inglesi ma anche quelle italiane non forniscono raccomandazioni specifiche per ridurre la prevalenza di infezioni nei soggetti con diabete. Che cosa possono fare pazienti e familiari? Sicuramente tenere sotto stretto controllo il diabete (un buon controllo e una buona aderenza alla terapia riducono il rischio di infezioni, rallentano l’evolversi delle complicanze diabetiche e migliorano lo stato di salute generale e la qualità di vita); inoltre reagire in modo tempestivo al primo accenno di un’infezione, di qualsiasi tipo, non trascurarla o considerarla banale, chiedendo subito consiglio al proprio medico, senza aspettare e senza “pasticciare” con automedicazioni suggerite magari da un amico o da un parente.

 

 

References

– Carey IM et al – Risk of Infection in Type 1 and Type 2 Diabetes Compared With the General Population: A Matched Cohort StudyDiabetes Care 2018 Jan 12

– Juliana Casqueiro et al – Infections in patients with diabetes mellitus: A review of pathogenesisIndian J Endocrinol Metab 2012 Mar; 16(Suppl1): S27–S36

– Papanas N, Zissimopoulos A, Maltezos E – The role of nuclear medicine in the diagnosis of common and specific diabetic infectionsHell J Nucl Med 2010 May-Aug;13(2):150-7

– Muller LM, Gorter KJ et al – Increased risk of infection in patients with diabetes mellitus type 1 or 2Ned Tijdschr Geneeskd 2006 Mar 11;150(10):549-53

– Muller LM, Gorter KJ et al – Increased risk of common infections in patients with type 1 and type 2 diabetes mellitusClin Infect Dis 2005 Aug 1;41(3):281-8

– Garrison MW, Campbell RK – Identifying and treating common and uncommon infections in the patient with diabetesDiabetes Educ 1993 Nov-Dec;19(6):522-9; quiz 530-1

– Wheat LJ – Infection and diabetes mellitusDiabetes Care 1980 Jan-Feb;3(1):187-97

 

Potrebbero interessarti