Le fonti nascoste di sale

Lo sapevi che il pane è la principale fonte di sale?

  • Sembra strano ma è proprio così, tra i prodotti trasformati rappresenta principale fonte di sale della nostra alimentazione, insieme ai vari prodotti da forno (biscotti, crackers, grissini ma anche merendine, cornetti e cereali da prima colazione). Infatti, i derivati dei cereali sono una fonte importante di sale, perché li consumiamo tutti i giorni e in quantità più elevate rispetto, per esempio agli insaccati, ai formaggi, al pesce in scatole e perfino alle patatine fritte che in assoluto contengono maggiori quantità di sale ma che non sono consumati tutti i giorni.
  • Anche alcuni condimenti, utilizzati in sostituzione o in aggiunta al sale sono ricchi di sodio. E’ il caso per esempio del dado da brodo (anche come granulato), del ketchup e della salsa di soia. E’ quindi consigliabile moderare l’uso di questi condimenti.
  • Tenuto conto delle correlazioni esistenti tra il consumo di sale e l’insorgenza di ipertensione, consumo di grassi e malattie cardiovascolari, è consigliabile aumentare sulla tavola l’utilizzo delle erbe aromatiche.
  • Occorre invece maggiore prudenza per l’uso delle spezie che per alcuni possono essere più irritanti: pepe nero, semi di senape, noce moscata, paprika, cannella, chiodi garofano, curcuma, zafferano, zenzero.

 

Tabella 1 – LE FONTI “NASCOSTE” DI SALE
Alimenti Peso dell’unità di misura
Contenuto per unità di misura
Sodio Sale
 g g g
Pane

Pane sciapo

50 (1 fetta media)

50 (1 fetta media)

0,15

tracce*

0,4

tracce

Biscotti dolci 20 (2-4 biscotti) 0,04 0,1
Cornetto semplice 40 (1 unità) 0,16* 0,4
Merendina tipo pan di Spagna 35 (1 unità) 0,12* 0,3
Cereali da prima colazione 30 (4 cucchiai da tavola) 0,33* 0,8

 Fonte: Linee Guida per Una Sana Alimentazione, INRAN 2003, www.inran.it

 

Tabella 2 – ALIMENTI CONSERVATI E TRASFORMATI RICCHI DI SALE
Alimenti Peso dell’unità di misura
Contenuto per unità di misura
Sodio Sale
 g g g
Olive da tavola conservate 35 (5 olive) 0,46* 1,1
Verdure sott’aceto 60 (3 cucchiai da tavola) 0,48* 1,2
Prosciutto crudo (dolce) 50 (3-4 fette medie) 1,29 3,2
Prosciutto cotto 50 (3-4 fette medie) 0,36 0,9
Salame Milano 50 (8-10 fette medie) 0,75 1,9
Mozzarella di mucca 100 (porzione) 0,20 0,5
Provolone 50 (porzione) 0,34 0,9
Formaggino 22 (1 unità) 0,22* 0,6
Parmigiano grattugiato 10 (1 cucchiaio da tavola) 0,06 0,2
Tonno sott’olio (sgocciolato)

Tonno sott’olio a bassa percentuale di sale (sgocciolato)

52 (1 scatoletta)

52 (1 scatoletta)

0,16

0,05*

0,4

0,1

Patatine in sacchetto

Patatine in sacchetto a tenore ridotto di sale

25 (1 confezione)

25 (1 confezione)

0,27

0,09*

0,7

0,2

Potrebbero interessarti

  • 30 maggio 2018Gli “Orti della Salute” nelle città, per prevenire obesità e diabete“Il progetto didattico punta a coinvolgere i cittadini, a partire dai più giovani e dalle famiglie, nelle scelte salutari, promuovendo formazione e informazione che mirino a modificare comportamenti inadeguati. L’obiettivo è dare un contributo per prevenire l’insorgere di malattie di grande rilevanza socio-sanitaria come obesità e diabete tipo 2 che pesano sul sistema sanitario e […] Posted in NEWS - 2018
  • 4 aprile 2018Nefropatia diabetica: quale aiuto dall’alimentazione?La nefropatia che può manifestarsi nelle persone con diabete ma anche in chi soffre di ipertensione arteriosa è una condizione di insufficienza renale cronica. Una corretta alimentazione, con un particolare controllo sull’assunzione delle proteine (il cui metabolismo viene alterato in caso di nefropatia diabetica) può aiutare a proteggere i reni nei soggetti predisposti. Posted in Nefropatia, Nutrizione
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018