Malattie cardiovascolari: il rischio si valuta più accuratamente con l’HbA1c

L’emoglobina glicata (HbA1c) è un indicatore più accurato nel predire le malattie cardiovascolari rispetto al valore della glicemia a digiuno (FPG): lo sostengono i ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, USA, dopo aver paragonato i due metodi misurando sia l’HbA1c che la glicemia a digiuno su 11.092 campioni di sangue provenienti da individui adulti che avevano partecipato allo studio Atherosclerosis Risk in Communities (ARIC) condotto tra il 1990 e il 1992.
I pazienti sono stati seguiti per un periodo di 14 anni, valutando l’incidenza nel gruppo di diabete, patologie cardiovascolari (infarto e malattia coronarica) e decessi.
I ricercatori hanno notato che livelli di HbA1c pari a 5.5–6.0%, 6.0–6.5%, e 6.5% o più aumentavano rispettivamente di 1.86, 4.48, e 16.47volte il rischio di diabete di tipo 2 e questi valori venivano confermati dalla previsione fatta utilizzando il valore del FPG.
Per quanto riguarda il le patologie cardiovascolare invece gli stessi valori di HbA1c predicevano un rischio diverso rispetto a rispetto all’utilizzo del FPG.
In particolare secondo i ricercatori l’emoglobina glicata è risultata un indicatore  migliore nello stabilire del rischio di incorrere in disturbi all’apparato cardiovascolare a lungo termine, in particolare per valori superiori al 6%.

 

 
Fonte: 4 marzo 2010, New England Journal of Medicine; 362: 800–811

Potrebbero interessarti

  • 7 maggio 2018RADAR, la nuova app di AMD per contrastare l’inerzia terapeuticaRiservata ai Soci AMD, RADAR analizza le cartelle cliniche informatizzate di ciascun diabetologo e rileva i pazienti con diabete tipo 2 (DT2) che non sono “in regola” su 3 parametri fondamentali: emoglobina glicata (Hb1c superiore al 7%, Indice di Massa Corporeo superiore ai 27 kg/m2 (che esprime una condizione di sovrappeso o obesità) e pressione arteriosa sistolica di 140 mmg/Hg. Posted in Application
  • 20 maggio 2018Nuove terapie anti-colesterolo: gli inibitori della PCSK9Tra le novità degli Standard di Cura per il diabete, Revisione 2018 (le linee guida italiane redatte in maniera congiunta dalle due società scientifiche SID e AMD) ci sono anche gli inibitori della PCSK9, anticorpi monoclonali capaci di inibire la funzione della PCSK9, una proteina che impedisce ai recettori del colesterolo LDL (C-LDL, colesterolo cattivo) di tornare in superficie per […] Posted in Terapia
  • 10 maggio 2018Il Decalogo AIOP per il paziente con diabeteL’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP), per favorire una maggiore consapevolezza sull’igiene di denti e gengive, e aiutare le persone con diabete a prendersi cura della propria salute orale e migliorarne la relazione con il dentista di fiducia ha stilato uno specifico decalogo di riferimento. Posted in Denti e gengive