Nasce Obecity, un progetto di sensibilizzazione sull’obesità

Nasce Obecity, un progetto di sensibilizzazione sull’obesità

L’obesità è una malattia complessa, multifattoriale, spesso associata al diabete, soprattutto il diabete di tipo 2. Per obesità muoiono in Italia 57.000 persone ogni anno, 1.000 a settimana, 150 al giorno, 1 ogni 10 minuti. È da questi dati allarmanti che nasce l’idea di ObeCity, un progetto per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’obesità e promuovere la prevenzione e l’adozione di corretti stili di vita.
Un Roadshow e una Guida tra le attività volte a far conoscere l’obesità e promuovere sani stili di vita per combattere questa malattia.

 

L’obiettivo del progetto ObeCity

Il termine ObeCity – è la fusione delle parole obesità e city, l’incontro tra una patologia e un luogo, la speranza che in un luogo sicuro come la propria città si possa aiutare le persone a diventare più consapevoli verso la propria malattia, diffondendo informazioni e strumenti corretti e  favorendo stili di vita sani che possano prevenire l’eccesso di peso.

Obiettivo del Progetto è quello di avviare un vera e propria svolta culturale riguardo al tema dell’obesità per sensibilizzare la popolazione sulla complessità di questa patologia e sui tanti e gravi rischi che ad essa si associano, promuovendo l’adozione di stili di vita corretti (movimento fisico e alimentazione sana) e divulgando informazioni utili sulla malattia e su come affrontare i pregiudizi e lo stigma che spesso pesano sulle persone con obesità.

“Con ObeCity vogliamo contribuire attivamente alla lotta contro l’obesità portando l’attenzione su una malattia che necessita di maggior eco mediatica e più consapevolezza da parte della cittadinanza – afferma Davide VerdescaChairman & CEO di SG Company** –  Attraverso il format ObeCity si manifesta il nostro costante impegno nella creazione di valore, un obiettivo che rinnoviamo ogni giorno e che ci permette di riunire i più autorevoli esperti di ogni settore specifico, portando il loro know how all’intera comunità”.

 

Com’è strutturato il progetto Obecity

Tutto questo sarà reso possibile attraverso le iniziative che caratterizzano il Progetto. In particolare, l’organizzazione di Roadshow nelle principali piazze italiane e la redazione e condivisione di una “Guida per conoscere, prevenire e combattere l’obesità” che sarà realizzata da un Advisory Board, composto da 10 esperti del mondo scientifico, della nutrizione e della comunicazione, presieduto dal Prof. Michele Carruba, Presidente Centro Studi e Ricerche sull’Obesità dell’Università degli Studi di Milano.

“I dati dell’obesità devono far riflettere – spiega il Presidente dell’Advisory Board, il Prof. Michele Carruba – Sono 25 milioni gli italiani in sovrappeso, 6 milioni gli obesi (+10% rispetto al 2001). 1 bambino su 4 è in sovrappeso, 1 su 8 è obeso. Molte persone, inoltre, non hanno la giusta percezione del proprio peso. L’obesità è una malattia complessa che si può e si deve combattere, ma va adeguatamente comunicata. È con questo intento che l’Advisory Board stilerà una guida per creare una migliore/maggiore percezione del problema e finalizzata a sensibilizzare la popolazione su corretti stili di vita, sana alimentazione, importanza dell’attività fisica e giuste attenzioni da adottare ogni giorno. Sarà un lavoro sinergico che consentirà a ognuno dei componenti di portare un valore aggiunto grazie alla propria esperienza clinica, scientifica e professionale di gestione della malattia”.

L’Advisory Board è già attivo sui lavori di stesura della guida, che sarà presentata l’11 ottobre in occasione della giornata Mondiale dell’obesità (World Obesity Day, 2019).

Anche l’ Obecity Roadshow è già stato inaugurato il 18 maggio in occasione della giornata Europea dell’Obesità (European Obesity Day, 2019), con una prima tappaCatania – una delle città più “obese” secondo gli Studi. Per l’occasione è stato allestito un villaggio (Obesity Village), in Piazza Università, dove tutta la popolazione ha potuto praticare sport, ricevere materiale informativo sulla patologia e sui sani stili di vita da seguire, effettuare una visita gratuita per misurare il BMI (Body Mass Index) o Indice di Massa Corporea, testare la glicemia, provare la pressione arteriosa ed effettuare un elettrocardiogramma (ECG), grazie alla presenza di medici presso il Village.

 

Alcuni numeri dell’obesità in Italia

  • 25 milioni di Italiani sono in sovrappeso
  • 6 milioni sono obesi
  • 500.000 sono grandi obesi
  • 1 bambino su 4 è in sovrappeso
  • 1 bambino su 8 è obeso

 

La percezione alterata del proprio peso corporeo

  • PERCEZIONE DEL PROPRIO PESO – Da un’indagine realizzata da EASO (European Association for the Study of Obesity) e C3 Collaborating for Health, sulla “percezione” del peso nella popolazione, in Italia la metà degli intervistati ritiene che il proprio peso sia normale, mentre il 42% pensa di essere sovrappeso. In realtà, circa il 10% di coloro che si descrivono “in salute” è sovrappeso e il 18% di chi si descrive in “sovrappeso” risulta obeso.
    Sempre da questo studio è emerso che, rispetto agli altri Paesi europei, gli Italiani sono più propensi a considerare l’obesità una malattia: ne è consapevole il 62%, contro una media europea del 46%. La consapevolezza è maggiore tra le donne (69%), che tra gli uomini (53%).

 

I dati del 1° Italian Barometer Obesity Report

  • DIFFERENZE DI GENERE – Le donne mostrano un tasso di obesità inferiore (9,4%) rispetto agli uomini (11,8%). Ancora più marcata è la differenza di genere tra i bambini e gli adolescenti, di cui il 20,8% delle femmine è in eccesso di peso rispetto al 27,3% dei maschi.
  • DIFFUSIONE NEL TERRITORIO – L’eccesso di peso è un problema molto diffuso soprattutto al Sud e nelle Isole; in particolare tra i bambini e gli adolescenti, (rispettivamente il 31,9 e il 26,1% rispetto al 18,9% dei residenti del Nord-Ovest, il 22,1% del Nord-Est e il 22% del Centro. Tra gli adulti, le diseguaglianze territoriali sono meno marcate.
  • LIVELLO DI ISTRUZIONE – Ha un ruolo importante. Un elevato titolo di studio rappresenta, in genere, un fattore protettivo per l’obesità, soprattutto per quanto riguarda la prevenzione a vari livelli e ancor più per quella primaria. Nel 2017, l’obesità ha interessato solo il 6,6 % dei laureati, mentre sale al 14,2 % tra coloro che hanno conseguito al più la licenza media.
  • ISTRUZIONE E CONTESTO FAMILIARE – Si osservano prevalenze più elevate tra i bambini e ragazzi che vivono in famiglie in cui il livello di istruzione dei genitori è più basso, passando dal 18,5% di quelli con genitori che hanno conseguito un alto titolo di studio, al 29,5% di quelli i cui genitori hanno un titolo di studio basso;
  • DIABETE E ALTRE PATOLOGIE ASSOCIATESovrappeso e obesità sono responsabili di circa l’80% di casi di diabete, del 55% di quelli di ipertensione arteriosa, del 35% di cardiopatia ischemica e del 35% di tumori.
  • MORTALITÁ – I decessi per obesità sono 000 all’anno, 1.000 alla settimana, 150 al giorno, 1 ogni 10 minuti. Negli Stati Uniti l’obesità provocherebbe una perdita di aspettativa di vita del 47%, superiore a quella indotta dal fumo.
  • CORRELAZIONE CON LO STILE DI VITA – L’obesità è al 1° posto tra le principali patologie croniche non trasmissibili legate a una cattiva alimentazione e a scorretti stili di vita, prima delle malattie cardiovascolari ed ischemiche, del diabete e dei tumori.
  • COSTI SOCIO-SANITARI – Per quanto riguarda i costi diretti dell’obesità in Italia, secondo lo “Studio Spesa” del C.S.R.O. (Centro Studi Ricerca Obesità), si aggirano sui 28 miliardi di euro l’anno: 64% ospedalizzazioni, 12% diagnostica, 7% farmaci, 6% visite cliniche e 11% ”altre voci”

 

 

 

**SG Company S.p.A è oggi uno dei principali player in Italia nella comunicazione integrata Live & Digital. SG Company è la capogruppo delle società controllate Sinergie Srl, Special Srl, CEV Holding Srl (articolata in Centoeventi, Twico e Lievita) e Brainwaves Srl, tutte società attive nei mercati B2B (Business to Business), B2C (Business to Consumer) e BTL (Below The Line), Core Srl – dedicata alle corporate relations – e Bellanova Design Srl. SG Company si pone come “hub” per la comunicazione integrata e, nella sua funzione di capogruppo operativa, svolge principalmente servizi commerciali, amministrativi, gestione del personale e informatici a favore delle società controllate. Nata nel 2000, nel corso degli anni ha collezionato numerosi e importanti successi, riconosciuti e premiati da un mercato che ha visto in SG Company S.p.A. una delle realtà più autorevoli del settore.

 

 

 

References

– Comunicato stampa, Sinergico Srl, maggio 2019
European Obesity Day – Tackling Obesity Together

World Obesity Day, 2019

1st Italian Obesity Summit »
Roma, 9 aprile 2019 – Residenza di Ripetta, Bernini Meeting Hall

1st Italian Obesity Barometer Report »
Obesity Monitor, Anno 1, n. 1, 2019

EASO, European Association for the Study of Obesity

C3 Collaborating for Health »

 

 

Potrebbero interessarti

  • 10 Giugno 2021Retina, macula e maculopatieLe maculopatie sono le malattie della macula, la parte più importante della retina. Nella macula è concentrato il maggior numero dei fotorecettori, le cellule deputate alla visione, a ricevere gli impulsi luminosi e a trasformarli i segnali elettrici inviati al cervello. Posted in Complicanze oculari - Retinopatia
  • 29 Marzo 2021Diabete urbano: anche Torino entra nel programma Cities Changing Diabetes®Cities Changing Diabetes®, l’ambizioso programma volto a far fronte alla sfida che il diabete pone nei grandi centri abitati è partito da Città del Messico e si propone di evidenziare il rapporto tra urbanizzazione e diabete 2. Posted in Regioni
  • 17 Maggio 2021Ipoglicemia: 10 Consigli per prevenirlaÈ importante imparare a riconoscere i sintomi di ipoglicemia in modo da evitare un episodio ipoglicemico, sempre possibile quando si è in terapia con insulina o con vecchi farmaci come sulfoniluree o repaglinide. Posted in Ipoglicemia