Nutraceutici: sono davvero utili? Quando?

Nutraceutici: sono davvero utili? Quando?

A cura della Società Italiana di Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC)**

 

La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) ha di recente redatto e pubblicato un documento sullo stato dell’arte dell’impiego dei nutraceutici in vari ambiti di prevenzione e trattamento, attingendo alle evidenze della letteratura scientifica più autorevole. Di seguito alcune considerazioni degli Esperti SIPREC.

 

Che cosa si intende per “nutraceutico”?

Per ‘nutraceutici’ (termine coniato nel 1989  da Stephen De Felice, fondatore della FIMThe Foundation for Innovation in Medicine) si intendono “alimenti o parti di essi con proprietà farmaceutiche,  in grado di esercitare effetti benefici sulla salute, che possono essere utilizzati a fini preventivi e/o curativi”.

 

Quali sono le indicazioni dei nutraceutici?

I nutraceutici non vanno confusi con: integratori dietetici, alimenti funzionali, prebiotici, probiotici, prodotti botanici. Attualmente le principali indicazioni dei nutraceutici sono la ·prevenzione di malattie croniche in individui sani ma ad alto rischio, in associazione ad un corretto stile di vita.
In Italia, i nutraceutici non sono considerati farmaci ma sono registrati nell’elenco del Ministero della Salute alla voce ‘Altri nutrienti e altre sostanze ad effetto nutritivo o fisiologico’. Non essendo ‘farmaci’, non sono dunque soggetti neppure a denuncia agli organi competenti in caso di reazioni avverse. Vista la loro crescente diffusione tuttavia il profilo di safety non è un aspetto da trascurare.
A differenza dei farmaci, i nutraceutici vengono talora utilizzati in terapia anche in assenza di validi studi clinici che ne possano comprovare l’efficacia, e spesso le proprietà salutistiche vengono dedotte da studi di piccola entità o non controllati.

 

La crescente diffusione del consumo di nutraceutici

La diffusione dei prodotti cosiddetti ‘nutraceutici’ ha ormai raggiunto proporzioni molto ampie anche in Italia e determina costi significativi per chi li utilizza. D’altra parte, spesso le evidenze a supporto delle indicazioni per cui vengono consigliati o prescritti i nutraceutici non sono sufficientemente solide dal punto di vista scientifico e non sempre appaiono univoche.
“È per questo motivo che la SIPREC – spiega il prof. Massimo Volpe, presidente della SIPREC e ordinario di Cardiologia, università di Roma ‘La Sapienza’- Ospedale Sant’Andrea – anche alla luce del fatto che le indicazioni più frequenti ricadono nell’ambito della prevenzione cardiovascolare, ha deciso di produrre un documento che riassuma lo stato dell’arte sull’impiego dei nutraceutici in vari ambiti di prevenzione e trattamento, attingendo alle evidenze scientifiche disponibili”.

Dal documento emerge un quadro  aggiornato ed esaustivo delle varie tipologie di nutraceutici ad oggi disponibili e del loro ruolo come coadiuvanti di un corretto stile di vita nell’ambito della prevenzione o di un trattamento con farmaci tradizionali. Il documento, frutto di un importante sforzo collettivo e del contributo di esperti italiani, analizza la effettiva utilità dei nutraceutici ed è stato presentato a Napoli, in occasione del 17° Congresso Nazionale della SIPREC interamente dedicato alla prevenzione.

 

 

**La Società Italiana di Prevenzione Cardiovascolare (Siprec) è una società scientifica multidisciplinare che annovera  tra i suoi membri molteplici esperti di varie discipline (per es cardiologi, diabetologi, medici internisti, medici di medicina generale, pediatri, medici dello sport, nutrizionisti e farmacisti).
Grazie a questa multidisciplinarietà, Siprec assicura le competenze necessarie allo studio, alla diagnosi e alla terapia della prevenzione cardiovascolare.

Siprec interagisce attivamente con le Istituzioni, i medici e la popolazione su tematiche che riguardano la prevenzione di tutte le malattie correlate all’aterosclerosi come diabete, obesità, infarto, obesità, ictus, insufficienza renale.

 

VEDI GLI ALTRI ARTICOLI DELLO SPECIALE “NUTRACEUTICI” »

 

 

References

– I nutraceutici. Documento di consenso SIPREC, 2019

– Pirillo A, Catapano AL – Nutraceuticals: definitions, European regulations and clinical applications. Giornale Italiano di Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione 2014; 6 (4): 23-30

 

 

 

Potrebbero interessarti

  • 21 maggio 2019Nutraceutici e dislipidemieLe linee guida congiunte della Società Europea di Cardiologia (SEC) e della Società Europea di Aterosclerosi (ESC/EAS) consigliano l’uso dei fitosteroli nella gestione clinica delle dislipidemie, tra gli interventi pre-farmacologici, nei soggetti a rischio cardiovascolare basso-moderato. Anche i soggetti che sviluppano effetti collaterali con i farmaci tradizionali (statine) possono […] Posted in Nutraceutici
  • 5 maggio 2019Ipertensione arteriosa: le nuove strategie per sconfiggerlaAl congresso della SIPREC, che si è svolto a Napoli il 21-23 marzo 2019, sono state presentate numerose relazioni dedicate alle più recenti strategie terapeutiche per combattere l’ipertensione arteriosa, oggi considerata uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolari. Un’emergenza mondiale, che colpisce anche l’Italia, sia per l’elevata prevalenza (1 italiano su 4 è […] Posted in Pressione - Ipertensione arteriosa
  • 9 maggio 2019Nutraceutici e diabete mellitoUno dei problemi che caratterizza l’utilizzo della dieta come strategia iniziale per ottenere un miglioramento del controllo della glicemia - oltre che dei fattori di rischio cardiovascolare - nei soggetti con pre-diabete o diabete conclamato, è la compliance ovvero l’aderenza del paziente alla dieta, che risulta troppo spesso insoddisfacente, soprattutto nel medio-lungo termine. […] Posted in Nutraceutici