Quali sono i principali tipi di neuropatia?

Esistono diverse classificazioni della neuropatia diabetica in base alla fonte di riferimento. Le due forme primarie più importanti sono la neuropatia sensitivo-motoria e la vegetativa.
In ciascuna persona diabetica può essere presente un solo tipo di neuropatia o possono svilupparsi combinazioni di differenti forme.

 

  1. Neuropatia sensitivo-motoria periferica, che colpisce i nervi periferici, sensitivi e motori. I nervi sensitivi inviano al cervello i messaggi di sensibilità: dolorosi, tattili, di calore, percezione del proprio corpo nello spazio e delle altre sensazioni. I nervi motori conducono gli impulsi dal cervello ai muscoli, stimolandone la contrazione. Questo tipo di neuropatia coinvolge soprattutto la mobilità e la sensibilità degli arti, in particolare quelli inferiori e i piedi, e si presenta spesso in modo simmetrico (polineuropatia simmetrica distale o DPN). Il danno progredisce lentamente e in modo subdolo, nell’arco di mesi se non di anni. Per questo motivo è importante avere una particolare cura nell’esaminare i piedi ogni giorno. Mai come in questo caso, infatti, prevenire è meglio che curare.
    Tra le neuropatie sensitivo-motorie vengono incluse anche le cosiddette neuropatie focali o multifocali, in genere asimmetriche, che colpiscono uno o pochi nervi per esempio del polso, della coscia, del piede. Possono danneggiare anche i nervi della schiena o del torace e nervi cranici che innervano i muscoli degli occhi. Questo tipo di danno compare in genere in modo relativamente repentino, causando dolore e debolezza muscolare.
     
  2. Neuropatia autonomica o vegetativa, che danneggia i nervi autonomi che innervano gli organi e gli apparati interni all’organismo. Il sistema nervoso autonomo controlla tutte le funzioni fisiologiche “automatiche” dell’organismo come la respirazione, la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la sudorazione, l’acquolina in bocca, la peristalsi intestinale, la funzione sessuale, etc. Il sistema nervoso autonomo si differenzia dal sistema nervoso periferico volontario che consente a una persona di controllare i propri movimenti.
    Può svilupparsi in soggetti con entrambi i tipi di diabete. Sebbene possa manifestarsi in qualsiasi fase del diabete, in genere tende a manifestarsi in soggetti che hanno la malattia da diversi anni con uno scarso controllo glicemico.

 

Potrebbero interessarti

  • 3 aprile 2018Piede diabetico: a rischio tutte le forme di diabete?Entrambe le forme di diabete, sia diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2, quindi possono andare incontro ad ulcerazioni tipiche del piede diabetico, anche se con una genesi del danno diversa. Per questo l’esame dei piedi deve essere attento e scrupoloso in entrambe le forme di diabete. Posted in Piede diabetico
  • 27 marzo 2018Il piede diabetico: perché è importante giocare d’anticipoIl diabete, soprattutto se mal controllato, può danneggiare i nervi e i vasi del piede, con conseguente riduzione della sensibilità e aumento del rischio di lesioni e ulcere che portano al piede diabetico, una delle possibili complicanze del diabete. Posted in Piede diabetico
  • 30 aprile 2018L’impatto del diabete in Italia3,27 milioni di persone dichiarano di avere il diabete, ovvero 1 persona su 18 (5,4%) e 1 persona su 6 se consideriamo gli anziani di 65 anni e oltre; 1 milione sono le persone che non sanno di avere il diabete; 4 milioni sono le persone ad alto rischio di sviluppare il diabete; su 10 persone con diabete, il 40% ha più di 75 anni; 400.000 le persone con diabete che hanno avuto un […] Posted in Italia