Un antidepressivo per prevenire il diabete

NAVIGATOR (Nateglinide and Valsartan in Impaired Glucose Tolerance Outcomes Research) è uno studio che ha coinvolto oltre 9.000 pazienti e il primo a livello internazionale che ha evidenziato che l’antipertensivo valsartan è efficace nel ritardare l’insorgenza di nuovi casi di diabete di tipo 2 in pazienti con patologie cardiovascolari e in condizione pre-diabetica, cioè che presentano fattori di rischio e ridotta tolleranza al glucosio. I risultati dello studio sono stati presentati all’American College of Cardiology di Atlanta (Stati Uniti) e pubblicati sul ‘New England Journal of Medicine’.
Sono stati studiati i pazienti con patologie cardiovascolari e ridotta tolleranza al glucosio che per almeno cinque anni hanno aggiunto valsartan alla consueta terapia e hanno cambiato il loro stile di vita, basandolo su regolare esercizio fisico e dieta sana: fra questi pazienti si è registrata una riduzione del rischio d’incidenza del diabete del 14% rispetto a quelli che non avevano assunto valsartan. Il dottor Robert Califf cardiologo del Duke University Medical Center di Durham, in North Carolina (Stati Uniti) e direttore dell’Istituto di Medicina Traslazionale ha dichiarato: «Obesità e ipertensione sono problemi di salute globali; molti di questi pazienti hanno problemi di ridotta tolleranza al glucosio e vanno quindi incontro a maggiori rischi di sviluppare il diabete di tipo 2 e patologie cardiovascolari».
Valsartan è un farmaco indicato per l’ipertensione, contro lo scompenso cardiaco e per il trattamento post-infarto dei pazienti

 

 

 

 

Fonte: 14 marzo 2010, The New England Journal of Medicine

Potrebbero interessarti

  • 19 maggio 2018Terapia diabete tipo 2: le novità degli Standard di Cura, Revisione 2018Il nuovo algoritmo per il trattamento del diabete tipo 2, proposto negli Standard di cura 2018, vede ancora ben salda in pole position la metformina, farmaco di prima scelta nel trattamento del diabete di tipo 2 in tutti gli stadi e finché possibile. Qualora la monoterapia con metformina non fosse sufficiente a ottenere o mantenere un buon controllo metabolico, è necessario associare […] Posted in Terapia
  • 5 aprile 2018Diabete: un percorso lungo da affrontare che necessita assistenzaL’educazione terapeutica secondo il suo fondatore JP Assal è “l’arte di seguire il paziente cronico nel percorso che va dallo choc della diagnosi all’accettazione della terapia.” È un processo continuo, che deve essere adattato al corso della malattia, al paziente, e al suo modo di vivere; è parte dell’assistenza a lungo termine. Posted in Educazione terapeutica e diabete
  • 14 aprile 2018Prevenzione Diabete tipo 2: il nuovo account Twitter @AemmediDispensa “pillole” di prevenzione il nuovo account twitter dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD), cofirmataria insieme ad altre società scientifiche della Campagna lanciata dal Ministero della Salute per prevenire il diabete di tipo 2 (DT2); grazie a una dieta sana ed esercizio costante, i soggetti più a rischio possono ridurre del 50% la propria probabilità di diventare diabetici. Posted in NEWS - 2018