Valori di riferimento della glicemia

Valori di riferimento della glicemia

Con la consulenza del dr. Luca Montesi, Responsabile dell’Ambulatorio di Diabetologia presso il Centro Hercolani di Bologna.


La glicemia è la concentrazione di zucchero (glucosio) presente nel sangue e in condizioni fisiologiche è strettamente controllata entro range precisi. Vediamo quali sono i valori di riferimento sia in condizioni di normalità che in presenza di diabete.

 

Quando non si ha il diabete

Nei soggetti non affetti da diabete o altre alterazioni del metabolismo degli zuccheri la glicemia a digiuno, dopo cioè almeno 8 ore di digiuno, è generalmente compresa tra 60-99 mg/dl, mentre dopo un pasto, per quanto abbondante, la glicemia raramente supera i 140 mg/dl.
Esiste un altro parametro in grado di valutare l’andamento della glicemia e denominato emoglobina glicata (HbA1c) che permette di stimare in modo retrospettivo la media delle glicemie dei tre-quattro mesi precedenti il suo dosaggio: in tal caso, nei soggetti non affetti da diabete o altre alterazioni del metabolismo glucidico, il valore di normalità di HbA1c si colloca al di sotto di 42 mmol/mol (o inferiore al 6%).

 

I valori per fare diagnosi di diabete

Per quanto detto la diagnosi di diabete mellito può essere posta sulla base dei seguenti parametri:

– in presenza di sintomi tipici del diabete [eccessiva produzione/escrezione di urina (poliuria), sete intensa (polidipsia), calo di peso ingiustificato, spossatezza generale, e altri]: glicemia plasmatica ≥ 200 mg/dl in qualunque momento della giornata;

– in assenza di sintomi tipici del diabete, ciascuno dei seguenti valori, confermato in una seconda occasione:

  • glicemia a digiuno ≥126 mg/dl (digiuno=almeno 8 ore di astensione dal cibo);
  • glicemia ≥200 mg/dl 2 ore dopo carico orale di glucosio (OGTT);
  • HbA1c ≥48 mmol/mol (≥ 6.5%).

 

Quali valori definiscono un potenziale rischio di futuro diabete?

Esistono altre condizioni di alterato metabolismo glucidico (la cosiddetta disglicemia), che le linee guida americane definiscono ‘pre-diabete’, meritevoli di attenzione in quanto identificano soggetti a rischio di sviluppo futuro di diabete e malattie cardiovascolari:

  • alterata glicemia a digiuno: glicemia a digiuno compresa tra 100-125 mg/dl
  • ridotta tolleranza al glucosio: glicemia compresa tra 140-199 mg/dl a 2 ore dopo carico orale di glucosio
  • emoglobina glicata (HbA1c) compresa tra 42-48 mmol/mol (6,00-6,4%); le linee guida americane abbassano questo limite a 39-48 mmol/mol (5,7-6,4%)

 

Risulta, quindi, utile avviare programmi di screening/monitoraggio delle possibili alterazioni del metabolismo glucidico, attraverso l’esecuzione della glicemia plasmatica a digiuno o della curva da carico di glucosio e/o dell’emoglobina glicata (HbA1c), in particolare nei soggetti a più elevato rischio cioè che presentano una condizione di sovrappeso od obesità associate ad altre condizioni di rischio (vita sedentaria, familiarità per diabete, sindrome metabolica, ipertensione arteriosa, ipertrigliceridemia, pregresso diabete gestazionale, steatosi epatica non alcolica etc).

 

Nei soggetti con disglicemia (alterata glicemia a digiuno e/o ridotta tolleranza al glucosio e/o emoglobina glicata (HbA1c) compresa tra 39-48 mmol/mol o 5,7-6,4%) il monitoraggio del metabolismo glucidico dovrebbe essere effettuato almeno 1 volta all’anno e in presenza di alterata glicemia a digiuno l’iter diagnostico dovrebbe prevedere l’esecuzione della curva da carico di glucosio.
In tale contesto, un corretto stile di vita in termini alimentari e di attività fisica volto al calo ponderale, ove indicato, rappresenta il mezzo più idoneo per ridurre il rischio di insorgenza di diabete mellito tipo 2.

 

Valori di riferimento della glicemia plasmatica (mg/dl)¨

Ipoglicemia Glicemia < 60 mg/dl
Normalità Glicemia a digiuno: 60-99 mg/dl (3.3-5.5 mmol/L)°
Glicemia < 140 mg/dl dopo 2 ore da test da carico di glucosio (< 7.8 mmol/L)
Alterata glicemia a digiuno (IFG) Glicemia a digiuno: 100-125 mg/dl (≥ 5.5 – < 70 mmol/L)°
(Solo l’OMS indica ancora un range di 110-125 mg/dl)
Intolleranza al glucosio (IGT) Glicemia = 140-199 mg/dl dopo 2 ore da prova da carico (≥ 7.8 – < 11.1 mmol/L)
Diabete Glicemia a digiuno ≥ 126 mg/dl* (≥ 7 mmol/L)°
Glicemia ≥ 200 mg/dl dopo 2 ore dal test da carico (≥ 11.1 mmol/L)
Glicemia ≥ 200 mg/dl in qualsiasi momento della giornata (rilievo occasionale)
¨ mg/dl significa milligrammi di glucosio in 100 millilitri di sangue
° mmol/L significa millimoli di glucosio in 1 litro di sangue
*In almeno due diverse occasioni è sufficiente a fare diagnosi di diabete, secondo le linee guida dell’American Diabetes Association e le Linee Guida Italiane).

 

 

References

Standards of Medical Care in Diabetes—2020 Abridged for Primary Care Providers. American Diabetes Association. Clinical Diabetes 2020 Jan; 38(1): 10-38

Standard italiani per la cura del diabete mellito – Aggiornamento 2018

– ADA Standards of Medical Care in Diabetes, 2017

 

 

Potrebbero interessarti

  • 14 luglio 2020La cura di una lesione al piede durante il lockdown in un paziente diabeticoA cura del Dott. Claudio Fantauzzi, Podologo, Tivoli Terme (Roma). Quella che segue è la documentazione di quanto avvenuto durante il lockdown ad un mio paziente e amico in seguito a una delle subdole e pericolose conseguenze del diabete, quando non controllato. Per fortuna, grazie alla tecnologia abbiamo potuto dialogare ed evitare che la lesione al piede degenerasse in qualcosa di […] Posted in Piede diabetico
  • 5 luglio 2020Inulina e FOS: approfondimenti e consigliFOS e inulina, sono termini che troviamo sempre più spesso nelle etichette di prodotti alimentari e non, a cosa si riferiscono? L’acronimo FOS sta per Frutto-OligoSaccaridi mentre l’inulina è il rappresentate più conosciuto e studiato tra i FOS. Dal punto di vista nutrizionale i frutto-oligosaccaridi sono considerati “fibra alimentare solubile” e sono presenti in diversi tipi di […] Posted in Nutrizione
  • 18 giugno 2020Il glucagone: che cosa è importante sapere?Il glucagone è il principale ormone antagonista dell’insulina. Tra le varie funzioni, promuove a livello del fegato la produzione di glucosio a partire dal glicogeno (glicogenolisi).  Può essere iniettato in caso di grave crisi ipoglicemica causata da una somministrazione eccessiva o errata di insulina o di alcuni farmaci ipoglicemizzanti. Da oggi disponibile anche in Italia il […] Posted in Sintesi e ruolo dell'insulina