Adesione alla terapia

L’adesione alla terapia antidiabetica è uno dei principali fattori che concorrono al buon controllo del tuo diabete nel tempo e al minor rischio di complicanze.

Per adesione alla cura del diabetico si intende la sua capacità/volontà di mettere in atto in maniera corretta le prescrizioni, soprattutto per quanto riguarda la terapia, fornite dall’equipe di cura. Più tecnicamente l’adesione (la cosiddetta “compliance”) viene definita come il livello (o la percentuale) di coincidenza tra il comportamento della persona diabetica (variazione dello stile di vita e assunzione regolare di farmaci) e le indicazioni concordate con il proprio medico.

Purtroppo ancora troppe persone collaborano con il proprio medico nell’elaborare un piano di cura personalizzato ma poi non lo seguono adeguatamente in modo più o meno consapevole. Recenti studi evidenziano che nei soggetti con diabete di tipo 2:

  • L’adesione al trattamento orale è compresa tra i 36% e il 93% (in media solo ¾ dei diabetici di tipo 2 assume correttamente gli ipoglicemizzanti orali)
  • l’accuratezza nell’eseguire la terapia insulinica oscilla tra il 20 e l’80%
  • l’adesione alle raccomandazioni dietetiche è all’incirca del 65%
  • l’adesione all’autocontrollo della glicemia è di poco superiore al 50%
  • ancor più bassa (< 30%) è l’aderenza all’esercizio fisico consigliato.

L’adesione al trattamento dipende da numerosi fattori  tra cui – in primis – un’adeguata informazione sull’autogestione della malattia e la reale complessità del trattamento, inteso non solo come numero di farmaci da assumere ma anche come difficoltà a cambiare, spesso in maniera drastica, il proprio stile di vita (seguire una dieta, praticare regolarmente un’attività fisica, automonitorare la glicemia, imparare ad autogestire gli aggiustamenti terapeutici etc)
Nelle schede correlate vengono riportati i principali fattori che possono condizionare negativamente l’adesione alla terapia, alcune domande che dovresti porti per capire quanto aderisci al piano di cura che hai stabilito con il tuo team e infine alcuni consigli per aumentare l’adesione alla cura nel tempo.
Ricorda che mantenere una buona compliance favorisce un buon controllo del tuo diabete e riduce il rischio di progressione delle complicanze del diabete. Al contrario una scarsa adesione ha sempre ricadute negative sul controllo della malattia anche se possono non essere immediatamente visibili.

Potrebbero interessarti

  • 27 aprile 2017Il Diabete giovanile: se ne parlerà il 6 maggio a NovaraObiettivo dell’incontro del 6 maggio è quello di far conoscere, condividere esperienze e saperne di più sul ‘mondo del diabete giovanile’, un tema che interessa sempre più famiglie italiane e che è particolarmente critico sia per il periodo delicato di crescita dell’adolescenza sia per lo stile di vita troppo spesso non adeguato. Posted in Fabio Braga
  • 31 maggio 201731 maggio 2017: Giornata Mondiale senza Tabacco, i milanesi e il fumoÈ in crescita il numero di milanesi che dichiara di non avere intenzione di smettere di fumare. È questo uno dei dati che emerge dall’indagine che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - LILT di Milano ha commissionato alla Doxa in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, che si celebra ogni 31 maggio. Posted in Fumo
  • 21 giugno 2017Lupus e sole: i consigli per gestire la malattia in estateIl lupus eritematoso sistemico (LES) è una malattia autoimmune, dall’origine ancora incerta, che colpisce soprattutto le donne. Circa il 30% delle persone con LES sviluppano nel tempo una seconda, terza o quarta malattia autoimmune, tra cui è possibile anche il diabete di tipo 1, per quanto raramente (0.6%-1.2%). Posted in Diabete e prurito