Quanto aderisci al tuo programma di cura?

Spesso si ha una percezione di aderire al proprio programma di cura maggiore di quella che effettiva.
Stampa la scheda, provando a rispondere alle domande e osserva il profilo che ne deriva.

Se l’adesione al tuo piano di trattamento non è ottimale, parlane con il tuo medico. Una scarsa adesione ha sempre ricadute negative sul controllo del diabete e delle sue complicanze anche se è difficile accorgersene.

 

 matita  Adesione percepita
Metti una crocetta sulla percentuale che più corrisponde alla percezione della tua adesione.
scarsoOttimo

Quanto ti sembra di aderire nel complesso alla terapia concordata con il tuo medico?

percentualeAdesione

Quanto aderisci alla dieta concordata?”

percentualeAdesione

Quanto segui l’attività fisica consigliata?

percentualeAdesione

Quanto aderisci al trattamento orale con metformina?

percentualeAdesione

Con quanta accuratezza segui la terapia insulinica?

percentualeAdesione

Quanto aderisci alla politerapia?

percentualeAdesione

Qual è la tua aderenza all’auto-controllo della glicemia?

percentualeAdesione

Quanto rispetti le raccomandazioni sul controllo regolare dell’emoglobina glicata (HbA1c)?

percentualeAdesione

Quanto aderisci alla assunzione serale o notturna di farmaci?

percentualeAdesione

Quanto segui con regolarità appuntamenti e visite fissati con il tuo team di cura?

percentualeAdesione

 

Potrebbero interessarti

  • 10 luglio 2017Diabete in Italia: a parità di cure, risultati meno soddisfacenti nelle donnePresentata a Bruxelles, nell’ambito di un’audizione parlamentare sulle differenze di genere in medicina, un’analisi del Gruppo Donna AMD su un campione di oltre 470mila pazienti italiani, svolta da circa un terzo dei Centri diabetologici italiani. Posted in Diabete al femminile
  • 6 luglio 2017AGE e glicazione: che cosa sono?Il termine AGE si riferisce a una serie di composti chimici prodotti quando gli zuccheri si combinano con proteine o grassi (glicazione avanzata). Si trovano per esempio sulle superfici dorate o abbrustolite di cibi fritti o grigliati, oppure sul pane tostato. Posted in Carboidrati (zuccheri), Nutrizione
  • 27 giugno 2017Lo studio REMOVALIl trattamento a lungo termine con metformina potrebbe ridurre il rischio cardiovascolare negli adulti con diabete tipo 1: questi i risultati dello studio REMOVAL (REducing with MetfOrmin Vascular Adverse Lesions) presentati alle 77° Sessioni scientifiche dell’American Diabetes Association (ADA 2017).   Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali