ALGODIAPED – Al via lo studio all’Ospedale Microcitemico di Cagliari

Obiettivo dello studio ALGODIAPED è quello di studiare il modo migliore di somministrare l’insulina quando vengono consumati alimenti ricchi di grassi e proteine come pizza, pasta al forno, hamburger e patatine, etc indubbiamente molto amati da bambini e ragazzi con diabete di tipo 1.

 

Educare bambini e adolescenti a seguire un’alimentazione sana rappresenta un aspetto importante anche nel trattamento del diabete mellito di tipo 1 ma d’altra parte è impensabile oggigiorno escludere completamente dall’alimentazione di bambini e ragazzi alimenti molto graditi anche se ricchi di grassi e proteine. Genitori, bambini e ragazzi col diabete di tipo 1 sanno bene, per esperienza diretta, quanto sia difficile controllare le glicemie, soprattutto notturne, quando si mangia la pizza, le lasagne o le patatine fritte.

Proprio sulla base di queste riflessioni preliminari, è stato avviato lo studio ALGODIAPED, approvato dal Comitato Etico dell’Azienda Ospedaliero Universitaria e autorizzato dall’Azienda Ospedaliera Brotzu.

Ideatore e Responsabile Scientifico dello studio, spontaneo e non sponsorizzato, è il dott. Carlo Ripoli, responsabile dell’Unità Operativa di Diabetologia Pediatrica dell’Ospedale Microcitemico e Referente Regionale della Società Italiana Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (SIEDP). L’indagine sarà condotta anche

grazie alla concreta collaborazione dell’ Associazione Bambini Con Diabete (ABCD Onlus) e del suo presidente, Sig. Giuseppe Laisceddu, che da anni supporta con le sue iniziative il servizio di Diabetologia pediatrica dell’Ospedale Microcitemico.

 

Il modello dello studio

La finalità primaria dello studio è quella di identificare il modo migliore di somministrare l’insulina quando occasionalmente vengono assunti alimenti ad alto contenuto di questi cibi.

La casistica dello studio includerà una trentina di bambini, a ciascuno dei quali verrà offerto – sotto il controllo dell’equipe diabetologia pediatrica – due volte alla settimana in giorni differenti, un pasto standard accuratamente dosato nelle calorie e nei nutrienti (pizza con wurstel). I pasti saranno preceduti da due dosaggi diversi di insulina, somministrata con un particolare “bolo combinato” tramite il microinfusore. Le glicemie dopo il pasto saranno registrate utilizzando un sensore sottocutaneo del glucosio.

Lo studio è condotto nei locali della 1a Clinica Pediatrica dell’Ospedale Microcitemico, diretta dalla Prof.ssa Anna Maria Nurchi, di cui l’Unità Operativa di Diabetologia Pediatrica fa parte.

Fino ad oggi (inizio agosto 2016), sono già stati reclutati 14 bambini che hanno completato lo studio, consentendo di raccogliere informazioni iniziali ritenute interessanti. Dopo l’estate si continuerà con l’arruolamento di altri giovani pazienti.

Per eventuali informazioni, ci si può rivolgere direttamente alla 1° Clinica Pediatrica dell’Ospedale Microcitemico, che si trova al 6° Piano dell’Ospedale; il telefono è il seguente: tel. 070 6093450.

Potrebbero interessarti

  • 27 settembre 2017Diabete tipo 1: La ricerca va incontro ai bisogni dei ragazziMigliorare la qualità di vita delle persone con diabete di tipo 1 oggi si può: il futuro è sempre più vicino. Un board di diabetologi pediatri ha presentato un nuovo documento per raccomandare l’utilizzo del sensore per il monitoraggio della glicemia il 100% del tempo negli adolescenti con diabete di tipo 1. Posted in Nuove tecnologie
  • 25 settembre 2017Diabete tipo 1: la ricerca scientifica di Novara passa dal DRI di MiamiFirmato un importante accordo di collaborazione tra la Diabetologia dell’ Ospedale Maggiore della Carità di Novara e il Diabetes Research Institute (DRI), centro di eccellenza di Miami diretto dal professor Camillo Ricordi, che ha costruito e realizzato la tecnica e le strutture per il trapianto di insule pancreatiche nell'adulto con diabete. Posted in Fabio Braga
  • 19 settembre 2017DT2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalitàI nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 (European Association for the Study of Diabetes) di Lisbona e pubblicati in contemporanea sulla prestigiosa rivista scientifica Diabetologia. Posted in Metformina e ipoglicemizzanti orali