Alternare attività fisica a sedentarietà riduce il rischio diabete e malattie cardiache

Fare attività fisica potrebbe non essere l’unico consiglio utile per combattere i rischi legati alla sedentarietà. Secondo i ricercatori del Karolinska Institute (Svezia) l’inattività per periodi di tempo prolungati sarebbe collegata a una maggior probabilità di sviluppare diabete e malattie cardiache e il solo esercizio fisico, seppur svolto regolarmente, non è sufficiente a contrastare questi effetti negativi.
Per ovviare a questo problema e interrompere le ore di inattività sarebbero sufficienti pochi, semplici accorgimenti, come ad esempio fare le scale invece di prendere l’ascensore. Non sono ancora ben chiari i meccanismi che rendono così dannosa la sedentarietà, anche quando controbilanciata da alcune ore di esercizio fisico. Tuttavia la continua alternanza di attività e inattività potrebbero diventare il consiglio migliore da dare alle persone.

 

 
Fonte: 21 gennaio 2010, salute.agi.it

Potrebbero interessarti

  • 31 maggio 201731 maggio 2017: Giornata Mondiale senza Tabacco, i milanesi e il fumoÈ in crescita il numero di milanesi che dichiara di non avere intenzione di smettere di fumare. È questo uno dei dati che emerge dall’indagine che la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori - LILT di Milano ha commissionato alla Doxa in occasione della Giornata Mondiale senza Tabacco, che si celebra ogni 31 maggio. Posted in Fumo
  • 31 marzo 2017Promuovere il Patient Engagement nella gestione della cronicità: raccomandazioni per la praticaMercoledì 5 aprile 2017, all’Università Cattolica in largo Gemelli, Milano ricercatori, rappresentanti del mondo clinico, delle associazioni di pazienti e di volontariato e della politica si confronteranno nella Prima Conferenza di Consenso Italiana sul Patient Engagement (CCIPE) in ambito clinico-assistenziale per le malattie croniche, tra cui il diabete. Posted in Linee guida
  • 1 giugno 2017Roma: avviato il programma Cities Changing Diabetes®Come preannunciato nel dicembre 2016, Roma è stata scelta come metropoli del 2017 dal progetto internazionale Cities Changing Diabetes, volto a studiare il legame fra il diabete e la città e a promuovere iniziative per salvaguardare la salute e prevenire la malattia nella città capitolina. Posted in Mondo, Europa