Avere un cane fa bene alla salute

Secondo i dati pubblicati dal Ministero del Welfare, in Italia ci sono circa sette milioni di cani che vengono portati fuori ogni giorno, almeno tre volte, per 15/20 minuti. Sono molti i vantaggi per la salute che si ottengono portando a passeggio il proprio cane: aiuta infatti nella prevenzione dell’infarto, della depressione, dell’obesità, dell’ipertensione. Meglio dell’attività in palestra. Questo il risultato di uno studio realizzato dalla Michigan State University e pubblicata sull’International Journal of Behavioral Nutrition and Phisical Activity. I ricercatori americani hanno studiato le abitudini di quasi 6.000 persone delle quali oltre 2.100 possedevano un cane con il quale regolarmente passavano mezz’ora al giorno passeggiando; è stato rilevato che solo un terzo delle persone senza cane pratica altrettanto moto. Mathew Reeves, l’epidemiologo che ha coordinato la ricerca, spiega: «Abbiamo osservato che chi ha un cane fa più movimento e si dedica più volentieri ad attività sportive o al giardinaggio; avere un animale aiuta a vincere la pigrizia». Spartia Piccinno, presidente dell’Associazione italiana Pet-Therapy e autore di ‘Pet Therapy Psicomotoria’ (ed. Olimpia, 2010), ha dichiarato: «L’Italia è l’unico paese in Europa ad aver studiato i benefici dell’interazione uomo-animale a livello motorio e non solo socio-psicologico: la sola presenza di un cane è sufficiente ad abbassare il battito cardiaco e a rallentare la respirazione». Anche possedere un gatto fa bene, come sottolinea l’etologo Giorgio Celli «Accarezzarlo allevia lo stress e l’ipertensione. Il cane costringe a un esercizio fisico quotidiano, per questo è consigliato ai post-infartuati, agli anziani, agli ipertesi e anche a chi soffre di solitudine o è depresso perché portandolo a spasso si fanno nuove conoscenze»; conferma Enrico Alleva, presidente della Società italiana di Etologia: «Gli animali da compagnia sono un’ottima ginnastica mentale, soprattutto per le persone che vivono in città, e, curandone attentamente l’approccio, possono curare molti disturbi come l’autismo o le patologie dell’anziano». Questo non vuol dire che in caso di obesità o di patologie dell’apparato cardiocircolatorio un cane possa sostituire le terapie specifiche, come spiega il professor Mario Rolfo, specialista in Rieducazione funzionale dell’Istituto di Medicina dello Sport di Torino: «In questi casi l’attività di recupero deve rispettare un range di pulsazioni preciso: per esempio chi ha superato i sessant’anni e soffre di ipertensione, deve camminare in modo continuativo dai 20 ai 40 minuti ogni giorno, mantenendo le pulsazioni fra 90 e 110 al minuto. Accompagnando un cane, che si ferma in continuazione, si fa movimento aerobico ma non si rispetta il protocollo di recupero cardiaco».

 

 

Fonte 19 marzo 2011, repubblica.it

Potrebbero interessarti