Calcio e vitamina D insieme proteggono dal diabete di tipo 2

Un recente studio condotto dai ricercatori dell’International Medical Center of Japan di Tokyo in collaborazione con i colleghi del Japan Public Health Center-based Prospective Study Group sembra aver chiarito la relazione esistente tra l’assunzione di calcio e vitamina D e il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.
Alla ricerca hanno preso parte 59,796 individui, sia uomini che donne, di età compresa tra i 40 e i 69 anni, ai quali è stato richiesto di compilare un questionario sulle proprie abitudini alimentari sia all’inizio che alla fine dello studio.
Al termine del periodo di osservazione, durato 5 anni, 1,114 individui, di cui il 2.4% uomini e l’1.4% donne, avevano sviluppato il diabete di tipo 2.
I ricercatori hanno rilevato una correlazione inversa tra la quantità di calcio assunta abitualmente attraverso la dieta e il rischio di diventare diabetici; un’associazione che, tuttavia, si registrava nelle donne e non negli uomini.
Al contrario, non è stata rilevata alcuna relazione tra l’assunzione di vitamina D e la diminuzione del rischio di sviluppare il diabete in soggetti di entrambi i sessi. Tuttavia, in un’analisi stratificata per assunzione di vitamina D, la relazione inversa tra quantità di calcio e rischio per il diabete risultava più evidente in quei soggetti che assumevano una quantità di vitamina D sopra la media.
Questi risultati sarebbero perfettamente in linea con studi precedenti effettuati sull’argomento, e dimostrerebbero la veridicità dell’ipotesi secondo la quale calcio e vitamina D siano in grado di proteggere dal diabete di tipo 2 solo se assunti congiuntamente.

 

 
Fonte: 23 ottobre 2009, Diabetologia, 23 ottobre 2009; Advance online publication

Potrebbero interessarti