Articoli

degenerazione maculare senile - degenerazione maculare legata all'età (DMLE) - Diabete.com

La degenerazione maculare legata all’età (DMLE)

La degenerazione maculare senile è la principale causa di cecità legale negli over 65 anni nei Paesi industrializzati. In occasione della campagna di sensibilizzazione su retinopatia e maculopatia senili indotta da Camo approfondiamo quanto c’è da sapere su questa malattia degenerativa che colpisce la macula.

Continua a leggere

L’olio di palma: cos’è, dove si trova e potenziali rischi per il diabete di tipo 2 - Diabete.com
,

L'olio di palma: cos'è, dove si trova e potenziali rischi per il diabete di tipo 2

L'olio di palma è un olio vegetale ricavato dai frutti di alcuni tipi di palme da olio in seguito ad alcuni processi di estrazione e raffinazione. E' uno dei pochi oli vegetali ad alto contenuto di grassi saturi e si presenta semi-solido a temperatura ambiente.

Continua a leggere

Intolleranza al Lattosio, Celiachia e Diabete FAQ - Diabete.com

Intolleranza al lattosio e celiachia: risposte alle domande più frequenti

La celiachia è una condizione di allergia permanente al glutine che porta alla distruzione dei villi intestinali. L'enzima lattasi deputato alla digestione dello zucchero del latte, il lattosio, si trova proprio sulla sommità dei villi intestinali.

Continua a leggere

Diabete.com - Cheratocono: cause, sintomi, incidenza, diagnosi

Cheratocono: cause, incidenza, sintomi, diagnosi

Il cheratocono è una malattia progressiva della cornea che può provocare una riduzione anche molto grave della capacità visiva. Si stima che colpisca 1/400 – 1/2000 persone nel mondo. La corna si assottiglia e deforma e tende a sfiancarsi muovendosi in avanti, a volte in modo così evidente da assumere una forma a cono.

Continua a leggere

Diabete mellito tipo 2: chi è più a rischio di complicanze?

Diabete mellito tipo 2: chi è più a rischio di complicanze?

Un lavoro mostra come la valutazione di parametri glicemici e biomedici nelle persone a rischio di diabete tipo 2 permetta di identificare efficacemente a priori il rischio di progressione del diabete e delle sue complicanze, tramite classificazione in uno tra 6 sottogruppi distinti.

Continua a leggere

Intelligenza Artificiale. Chiariti alcuni meccanismi iniziali coinvolti nello sviluppo dell’Alzheimer

Intelligenza Artificiale. Chiariti alcuni meccanismi iniziali coinvolti nello sviluppo dell’Alzheimer

Negli ultimi anni si sono moltiplicati gli studi su un’eventuale correlazione tra l’Alzheimer e il diabete, in particolare il diabete di tipo 2. È noto che alterazioni metaboliche e dei segnali dell’insulina possono contribuire allo sviluppo di disturbi cerebrali. Crescenti evidenze dimostrano una stretta relazione tra il diabete tipo 2 e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Entrambe condividono molto caratteristiche patofisiologiche che includono alterazione della sensibilità insulina, accumulo di β-amiloide, mutazione della proteina tau, vasculopatie cerebrali, infiammazione e stress ossidativo.

Continua a leggere

Ipertrofia prostatica benigna e diabete: quale correlazione? - Diabete.com

Ipertrofia prostatica benigna e diabete: quale correlazione?

L’ipertrofia prostatica benigna (IPB) è una condizione fisiologica dell’età: consiste in un progressivo ingrandimento della porzione centrale della ghiandola prostatica. I pazienti con diabete hanno spesso valori di glicosuria più elevati rispetto ai valori normali. Questo determina il rischio di infezioni e di infiammazioni.

Continua a leggere

Cosa può bere un diabetico: Bevande zuccherate, light & Co
,

Bevande zuccherate, light & Co

Le bevande light sono bevande a cui vengono aggiunte sostanze artificiali che, pur avendo un alto potere dolcificante, non sono chimicamente degli zuccheri. Tali sostanze non sono altro che additivi chimici che non esistono in natura ma che possono sostituire lo zucchero per rendere dolce la bevanda.

Continua a leggere

Chetoacidosi diabetica: com’è cambiata la sua prevalenza alla diagnosi di DT1?

Chetoacidosi diabetica: com’è cambiata la sua prevalenza alla diagnosi di DT1 ?

La chetoacidosi diabetica (DKA) è una complicanza acuta del diabete tipo 1 particolarmente grave quando insorge nei bambini, più rara negli adulti: si associa ad alta morbilità, mortalità e aumenta la spesa sanitaria.

Continua a leggere

Allenamento Diabete tipo 2 – La 3° lezione con Matteo (Diabet Health 2)

Allenamento Diabete tipo 2 – La 3° lezione con Matteo (Diabet Health 2)

Ecco la terza proposta di allenamento da eseguire a casa pensato per le persone con diabete mellito tipo 2, pre-diabete o alterazioni del metabolismo glucidico, proposto dell’Health Tutor della palestra Stilnuovo**, Matteo Cammerata, specialista in scienze motorie. Anche questo allenamento segue i principi dell’allenamento funzionale. La sessione è composta da: • una fase a terra di allungamento e mobilità; • una fase a terra di attivazione dei muscoli stabilizzatori del tronco; • una fase aerobica in piedi, seguita da una parte a circuito a corpo libero; • una fase di defaticamento a terra che conclude l’allenamento.

Continua a leggere

?02/500 43 133 – RISPONDE L’ANDROLOGO TUTTI I GIORNI, 7 SU 7, ORE 17 - 18

02/500 43 133 – RISPONDE L’ANDROLOGO TUTTI I GIORNI, 7 SU 7, ORE 17 - 18

La Società Italiana di Andrologia (SIA) ha attivato un servizio telefonico gratuito. Contattando il centralino 02 500 43 133 si potrà parlare con uno specialista andrologo in grado di rispondere a tutte le domande in merito al proprio stato di salute andrologico. “L’isolamento a cui costringe la pandemia di Covid-19, se da una parte può condurre alla riscoperta del partner, dall’altra può creare dubbi e incertezze e aggravare la frustrazione derivante da problematiche andrologiche preesistenti - afferma il dr. Alessandro Palmieri, presidente SIA - in questi casi l’ansia da prestazione, la frustrazione e l’emotività di questo momento, possono determinare un calo del desiderio”.

Continua a leggere

L’obesità nell’area di Milano Città Metropolitana

Obesità nell’area di Milano Città Metropolitana

Oggi, il 66% delle persone con diabete vive nelle città e questa percentuale salirà al 75% nel 2045. È noto da tempo che l’aumento della prevalenza di diabete tipo 2 è correlata all’invecchiamento della popolazione e si associa all’incremento di sovrappeso e obesità.

Continua a leggere

Consigliata una visita dall’epatologo per 1 persona con diabete tipo 2 su 5

Consigliata una visita dall’epatologo per 1 persona con diabete tipo 2 su 5

Molte persone con diabete 2 soffrono anche del cosiddetto ‘fegato grasso’ (steatosi epatica non alcolica) che nelle forme più gravi può evolvere fino alla cirrosi epatica. Secondo i criteri indicati nelle nuove linee guida è possibile definire un profilo di ‘rischio-fegato’.

Continua a leggere

Cities Changing Diabetes: Roma passa all’azione

Cities Changing Diabetes: Roma passa all’azione

Il progetto internazionale Cities Changing Diabetes festeggia nel 2019 il suo quinto compleanno. Presentato il Report “Roma Cities Changing Diabetes - Diabete Tipo 2 e Obesità nell’area di Roma Città Metropolitana” con dati quantitativi demografici, clinico - epidemiologici e sulla percezione della salute raccolti nella capitale.

Continua a leggere

Nasce Obecity, un progetto di sensibilizzazione sull’obesità

Nasce Obecity, un progetto di sensibilizzazione sull’obesità

ObeCity è un un progetto per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’obesità e promuovere la prevenzione e l’adozione di corretti stili di vita. Un Roadshow e una Guida tra le attività volte a far conoscere l’obesità e promuovere sani stili di vita per combattere questa malattia.

Continua a leggere

Fibra alimentare: da Lancet, nuove conferme al suo ruolo benefico

Fibra alimentare: da Lancet, nuove conferme al suo ruolo benefico

La fibra alimentare è un potente alleato della nostra salute. Gli studi sono ormai tantissimi e tutti concordano nel correlare il consumo di fibra alimentare con un rischio più basso di ammalarsi di diabete di tipo 2, alcuni tumori e di patologie cardiovascolari fino ad abbassare il rischio di morte in generale. Recentemente la prestigiosa rivista scientifica Lancet ha pubblicato una poderosa review che conferma il ruolo più che benefico della fibra alimentare per la nostra salute. Parliamone con l'esperto, il dr. Danilo Cariolo, Biologo Nutrizionista, Milano.

Continua a leggere

Iperplasia prostatica benigna (IPB): quando è utile la chirurgia laser?

Iperplasia prostatica benigna (IPB): quando è utile la chirurgia laser?

L’iperplasia prostatica benigna è un problema per metà degli uomini over 50. La sua prevalenza è del 50% per la fascia 51-60 anni, e del 90% per quella 81-90. Diabete, obesità, ipertensione e altre patologie infiammatorie accelerano l’aumento di volume della prostata.

Continua a leggere

NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018

NEURODIAB 2018, Roma, 4-7 settembre 2018

NEURODIAB 2018, Congresso internazionale sulla neuropatia diabetica, una complicanza che colpisce 1 su 3 persone con diabete. Nel corso del congresso sono stati presentati i nuovi strumenti di diagnosi e si è fatto il punto sulle ultime terapie disponibili. NEURODIAB, il Gruppo di Studio sulla Neuropatia Diabetica della Società Europea per lo Studio del Diabete (EASD), è presieduto dalla d.ssa Simona Frontoni, professoressa di Endocrinologia presso l’Università Tor Vergata di Roma e Presidente della sezione Lazio della Società Italiana di Diabetologia (SID).

Continua a leggere

Milano candidata nella lotta al diabete urbano

Milano candidata nella lotta al diabete urbano

Dopo l’adesione di Roma al progetto internazionale Cities Changing Diabetes, nato per studiare la correlazione tra diabete e vita in città, presentata la candidatura di Milano. È nel nord Italia la città con il maggior numero di persone con diabete in termini assoluti: 144 mila persone, ovvero il 4,5% dei residenti della città e dell’area metropolitana.

Continua a leggere

La psoriasi nella persona diabetica

La psoriasi è una patologia infiammatoria cronica della cute, ricorrente, mai contagiosa, molto diffusa che colpisce prevalentemente la cute e suoi annessi, articolazioni e più raramente mucose (orale, genitale). La gravità della psoriasi è associata ad insorgenza di diabete, insulino-resistenza, abitudine al fumo e alto rischio cardiovascolare.

Continua a leggere

Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutato

Diabete tipo 2: il rischio cardiovascolare viene sottovalutato

Chi ha il diabete tipo 2 ha un rischio raddoppiato di morte e quadruplicato di infarto o ictus, rispetto a una persona sana ma non è consapevole di tale rischio o lo sottovaluta.

Continua a leggere

Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® Program

Torino: nuova tappa del Cities Changing Diabetes® Program

Nella Città metropolitana risiedono quasi 121 mila persone con diabete, il 5,3% della popolazione, un record negativo per il Nord Italia; dagli esperti un invito alle amministrazioni cittadine a farsi carico della promozione della salute e della prevenzione delle malattie croniche non trasmissibili, diabete tipo 2 e obesità.

Continua a leggere

Esiste una correlazione tra la violenza del partner e il rischio di obesitá o di diabete di tipo 2?

Esiste una correlazione tra la violenza del partner e il rischio di obesità o di diabete di tipo 2?

Il 25 novembre di ogni anno ricorre la Giornata contro la violenza sulle donne. In quest’occasione ci siamo chiesti se ci fosse qualche correlazione tra la violenza subita dalla donna e il maggior rischio o addirittura la maggiore incidenza di diabete di tipo 2 e/o di obesità.

Continua a leggere

Diabete tipo 2, Studio DEVOTE: meno ipoglicemie gravi, più basso rischio di mortalità

I nuovi risultati dello studio DEVOTE, primo studio sugli esiti cardiovascolari che confronta le due insuline basali degludec e glargine, in pazienti con diabete di tipo 2, sono stati presentati al recente 53° Congresso dell’#EASD2017 di Lisbona..

Continua a leggere

Peptide C: che cos’è e che cosa misura

Peptide C: che cos’è e che cosa misura

Il C-peptide viene considerato un indicatore di secrezione di insulina endogena da parte delle cellule beta del pancreas. I livelli di C-peptide si correlano sia al tipo di diabete che alla durata della malattia.

Continua a leggere

Diabete e osteoporosi: quale correlazione?

Un maggior rischio di fratture da osteoporosi è stato riscontrato sia in pazienti con diabete di tipo 1 che diabete di tipo 2 (DT2). Il meccanismo responsabile è particolarmente complesso e non ancora del tutto chiarito.

Continua a leggere

Depressione: sottovalutata da molte persone con diabete, tumori e malattie reumatiche

La depressione colpisce il 2% di chi ha il diabete, quasi un malato di tumore su 6 e 1 persona su 4 con malattie reumatiche; sottovalutata perché considerata dal 41% una semplice conseguenza della propria malattia.

Continua a leggere

AMD presenta il Core Competence Curriculum del Diabetologo

L’AMD presenta, in occasione del XXI Congresso Nazionale AMD, il Core Competence Curriculum del Diabetologo, strumento concreto in grado di favorire l’attuazione di un modello assistenziale integrato in ambito diabetologico in un’ottica di efficientamento delle prestazioni e di appropriatezza prescrittiva.

Continua a leggere

Diabete e obesità (diabesità): malattie sociali dal notevole impatto

Diabete e obesità (diabesità): malattie sociali dal notevole impatto

L’ Italian Barometer Diabetes Observatory (IBDO) Foundation, in collaborazione con Istat, ha presentato a Roma, la 10° Edizione dell’Italian Diabetes & Obesity Barometer Report.

Continua a leggere

Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®

Roma: metropoli scelta per il 2017 dal programma Cities Changing Diabetes®

Il progetto coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore, con l’obiettivo di evidenziare il legame fra il diabete, in particolare diabete di tipo 2, e le grandi città e promuovere iniziative per salvaguardare la salute dei cittadini e prevenire la malattia.

Continua a leggere

Sicurezza della metformina nell’insufficienza renale: quali novità?

Sicurezza della metformina nell’insufficienza renale: quali novità?

L’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha concluso la rivalutazione dei medicinali a base di metformina, iniziata a gennaio 2016 e ha emesso un parere positivo, confermato da AIFA il 21 ottobre 2016.

Continua a leggere

I più potenti fattori predittivi di malattia renale nelle persone con diabete tipo 2

La malattia renale cronica nei pazienti con diabete di tipo 2 è la prima causa al mondo di insufficienza renale terminale con necessità di dialisi o trapianto renale oltre che un fattore di rischio indipendente di malattia cardiovascolare (infarto o ictus).

Continua a leggere

Celiachia e diabete di tipo 1: la situazione attuale e i consigli nutrizionali

Recenti studi rilevano la presenza di celiachia nel 1,5% - 10% dei soggetti affetti da diabete di tipo 1fino a punte del 16.4%. La contemporanea presenza di entrambe le patologie nella popolazione generale va dal 4% al 6,5% con picchi anche più alti.

Continua a leggere

Cereali integrali vs cereali raffinati

Negli ultimi anni si è diffusa la consapevolezza che gli alimenti integrali possono contribuire in maniera rilevante a mantenere e migliorare il nostro stato di salute. Il chicco completo rispetto a quello raffinato offre vantaggi nutrizionali tali da garantire un migliore stato di benessere.

Continua a leggere

DMT2 e bassi livelli di testosterone: benefici dalla terapia ormonale

Diabete di tipo 2 e bassi livelli di testosterone: benefici dalla terapia ormonale

Il trattamento con terapia ormonale sostitutiva a base di testosterone degli uomini con diabete di tipo 2 che hanno bassi livelli di tale ormone per ipogonadismo può ridurre l’insulino-resistenza e offrire evidenti benefici sessuali e generali.

Continua a leggere

fegato grasso ovvero la steatosi epatica non alcolica (NAFLD)

Il fegato grasso ovvero la steatosi epatica non alcolica (NAFLD)

Il fegato grasso è legato in sostanza ad un eccesso di peso e di cibo. Si ritiene, infatti, che un’alimentazione ipercalorica rappresenti la prima causa.

Continua a leggere

Buone vacanze anche ai vostri piedi!

Il modo migliore di curare i propri piedi è tenere sotto controllo la glicemia. Una persona con un diabete ben controllato ha meno probabilità di sviluppare nel tempo complicanze ai piedi.

Continua a leggere

Diabete 1 e celiachia: la gestione di due patologie che condizionano l’alimentazione

La persona con diabete che soffra di celiachia dovrà assumere alimenti senza glutine, controllare l‘introito di carboidrati e zuccheri semplici e introdurre un adeguato apporto di fibre.

Continua a leggere

Prevenzione celiachia: in studio dal CNR un glutine più digeribile

Il grano monococco, noto come piccolo farro, pur essendo un cereale che contiene glutine, cioè la sostanza proteica che in soggetti predisposti scatena allergie e intolleranze, potrebbe essere un alimento adatto a prevenire la celiachia.

Continua a leggere

Le complicanze oculari

Il diabete mal controllato può compromettere gli occhi, causando offuscamento temporaneo della vista, cataratta o complicanze ben più gravi come danni alla retina, la membrana sensoriale dell’occhio (retinopatia) o glaucoma.

Continua a leggere


XX Congresso dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD)

Il tema del crescente impatto del diabete sullo sviluppo economico – in Italia e nel mondo – sarà tra i principali argomenti in discussione.

Continua a leggere

Come si fa a mantenere l'HbA1c ≤ 7%?

Ecco qualche consiglio utile per mantenere bassi i livelli dell’HbA1c. Con una buona motivazione, ce la puoi fare anche tu.

Continua a leggere

Diabete e ipoacusia: cause, meccanismi, fattori di rischio e controlli

I meccanismi che correlano il diabete con l’ipoacusia non sono ancora ben conosciuti, ma gli esperti hanno recentemente messo in luce l’effetto che la malattia ha sulla coclea (porzione dell’orecchio interno).

Continua a leggere

Il Consensus “Diabete e Udito”: intervista al Prof. Nicola Quaranta*

Nel 65% dei casi l’ipoacusia che si riscontra nei diabetici riguarda le frequenze acute, mentre nel 26% dei casi si ha un interessamento delle frequenze medio-gravi.

Continua a leggere

Insulin & Food: la nuova app per i diabetici

Insulin & Food: la nuova app per i diabetici

Disponibile sia per apple che per android, la nuova app “Insulin & Food”, l’unica app per la conta dei carboidrati che si basa sulla personale esperienza della persona diabetica di tipo 1 e di tipo 2 sotto trattamento con insulina.

Continua a leggere

Indice insulinico: cos'è e a cosa serve

La risposta dell’ormone insulina non sempre segue la risposta della glicemia dopo l'assunzione di un alimento o di un pasto. L'indice insulinico nasce per esprimere l'effetto di un dato alimento sui livelli ematici di insulina (insulinemia).

Continua a leggere

Ictus: donne diabetiche più a rischio

Concordi i risultati di due grandi studi nel documentare, entrambi, che – nel caso di diabete di tipo 2 non ben compensato - a subirne di più le conseguenze sono le donne, in particolare quelle che hanno superato i 55 anni, forse anche a causa dello scudo protettivo garantito dagli ormoni estrogeni durante l’età fertile.

Continua a leggere

Come si svolge e che cosa valuta l’esame del piede

Raccolta di dati anamnestici  - Ispezione del piede - Palpazione dei polsi - Ricerca di riflessi - Valutazione della sensibilità tattile - Valutazione della sensibilità vibratoria - Varie determinazioni pressorie.

Continua a leggere

Perché il dosaggio dell'HbA1c è considerato oggi un test così rilevante?

Le indagini più recenti hanno documentato che una riduzione dei valori dell'HbA1c può ritardare o prevenire in modo evidente lo sviluppo di complicanze future nelle persone diabetiche.

Continua a leggere

Calcola il tuo indice di massa corporea - BMI
,

Calcola il tuo indice di massa corporea

L'Indice di Massa Corporea (IMC o BMI dall'inglese Body Mass Index) è uno strumento importante per la misurazione del peso corretto. Il BMI mette in correlazione il peso con l'altezza.

Continua a leggere

Obesità e diabete: la correlazione è a lungo termine

L’obesità è un ben noto fattore di rischio per lo sviluppo del diabete di tipo 2 ma finora non è mai stato chiarito in che misura sia influente la “dose” di obesità, ovvero non solo l’entità del peso in eccesso ma anche per quanto tempo esso permane.

Continua a leggere

I grassi animali contribuiscono alla cataratta

Una ricerca dell’Università di Oxford ha dimostrato che un’alimentazione troppo ricca di grassi animali contribuisce all’opacizzazione del cristallino, mentre una dieta ricca di verdure e di pesce lo mantiene integro più a lungo.

Continua a leggere

Bevande zuccherate, light, soft ed energy drink: quali rischi per la salute?

Il consumo di bevande è cresciuto in maniera esponenziale negli anni e con il dilagare di obesità, diabete,sindrome metabolica, malattie cardiovascolari ci si interroga quale sia…

Continua a leggere

Scoperta la relazione fra diabete, obesità e aterosclerosi

Importanti novità per la cura di patologie invalidanti come il diabete e l’obesità sono prospettate dalle ricerche di Saverio Cinti, direttore dell’istituto di Anatomia dell’Università Politecnica delle Marche.

Continua a leggere

Promossa la diabetologia italiana

Un quadro realistico e aggiornato del quadro delle cure del diabete su tutto il territorio nazionale: è quanto forniscono ancora una volta gli Annali AMD 2010 curati dall’Associazione medici diabetologi.

Continua a leggere

Una semplice camminata: come renderla efficace

Camminare è lo sport aerobico per eccellenza. Una semplice passeggiata – a patto di avere un passo sostenuto – può essere un’attività fisica efficace quanto altre pratiche sportive più articolate e complesse.

Continua a leggere

Come faccio a sapere se sono in sovrappeso?

L'Indice di Massa Corporea (IMC o BMI dall'inglese Body Mass Index) è uno strumento importante per la misurazione del peso corretto.

Continua a leggere

Troppa sedentarietà aumenta il rischio di morte prematura

Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori del Baker Idi Heart and Diabetes Institute di Victoria, in Australia, confermerebbe l’ipotesi che lo stile di vita troppo sedentario tipico della società moderna aumenti il rischio di morire prematuramente.

Continua a leggere

Un caffè a pranzo riduce rischio diabete tipo 2

Secondo i risultati di uno studio condotto presso l’Università di San Paolo bere caffè all’ora di pranzo aiuta a ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Continua a leggere

Prevenire fin da bambini per non morire da giovani adulti

Obesità, intolleranza al glucosio e ipertensione nei bambini sono fattori predittivi di un  rischio di mortalità prematura in età adulta. Un’equipe di ricercatori svedesi ha reclutato 4857 bambini con età media pari a 11.3 anni, misurandone indice di massa corporea (BMI), tolleranza al glucosio, pressione sanguigna e livelli di colesterolo.

Continua a leggere

Correlazione inversa tra condizione socioeconomica e rischio diabete

Secondo uno studio canadese un basso livello di educazione sarebbe correlate a un rischio elevato di sviluppare il diabete di tipo 2.

Continua a leggere

Diabetici: buon controllo glicemico riduce rischio amputazioni

Uno scarso controllo glicemico può favorire in pazienti con diabete di tipo 2 un aumento di interventi di amputazione degli arti inferiori (LEA). Poiché il fatto che le persone diabetiche siano maggiormente a rischio amputazioni, i ricercatori dell'Università di Cambridge hanno voluto indagare nello specifico l'intensità di questa correlazione.

Continua a leggere

Nefropatia diabetica: un controllo multifattoriale riduce il rischio

Il raggiungimento degli obiettivi prefissati con le linee guida proposte dall'American Diabetes Association (ADA) potrebbe prevenire o addirittura eliminare nei pazienti con diabete di tipo 2 l'insorgenza di nefropatia diabetica, una patologia che è riconosciuta come la causa principale della malattia renale a stadio terminale.

Continua a leggere

Automonitoraggio glicemico: misurazioni multiple per un miglior controllo glicemico

L’automonitoraggio glicemico (conosciuto anche con l’acronimo SMBG, ovvero self-monitored blood glucose) ha mostrato una correlazione positiva con il livello dell’emoglobina glicata (HbA1c) nei pazienti affetti da diabete di tipo 2.

Continua a leggere

Diabetici: l'apnea ostruttiva del sonno peggiora il controllo glicemico

Secondo uno studio condotto presso l'Università di Chicago l'apnea ostruttiva del sonno (OSA) sarebbe direttamente correlata a un peggioramento del controllo glicemico in pazienti diabetici di tipo 2.

Continua a leggere

Esiste una correlazione tra glicemia e rischio tumori

Secondo un recente studio condotto presso l'Umea University in Svezia gli individui che hanno alti livelli di zucchero nel sangue potrebbero essere esposti a un rischio maggiore di sviluppare un tumore.

Continua a leggere

Intervenire su pressione sanguigna e glicemia può ridurre il rischio albuminuria in diabetici di tipo 2

I risultati di un recente studio condotto presso la Hanover Medical School in Germania sembrano dimostrare l'esistenza di una correlazione tra escrezione urinaria di albumina, pressione sanguigna e controllo glicemico in pazienti con diabete di tipo 2 con un livello di albuminuria nella norma.

Continua a leggere

Bebè a rischio dermatiti e allergie se la mamma soffre di diabete in gravidanza

L'esposizione del feto al diabete gestazionale della madre può aumentare il rischio di dematiti atopiche e di una precoce sensibilizzazione agli allergeni.

Continua a leggere

Calcio e vitamina D insieme proteggono dal diabete di tipo 2

Un recente studio condotto dai ricercatori dell'International Medical Center of Japan di Tokyo in collaborazione con i colleghi del Japan Public Health Center-based Prospective Study Group sembra aver chiarito la relazione esistente tra l'assunzione di calcio e vitamina D e il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Continua a leggere

Celiachia e Diabete

Questo libro, il primo del genere, tratta con completezza l'argomento attraverso l'esperienza di medici e pazienti. In più, tante ricette ad hoc.

Continua a leggere

Diabete, così i bambini 
si cureranno anche a scuola

Diecimila-quindicimila nuovi casi all'anno di diabete in età pediatrica (il diabete di tipo 1, o "giovanile", appunto). È questa la fotografia italiana di una malattia ad alto impatto sociale e in forte incremento. Sconosciute le cause della crescita che non riguarda comunque solo il nostro Paese.

Continua a leggere

Correlate allergie e nefropatie nei maschi diabetici

Nei pazienti maschi con diabete di tipo 2, esiste una stretta correlazione tra la conta degli eosinofili, cellule che contribuiscono all'infiammazione nelle malattie allergiche, e il tasso di escrezione di albumina, un indicatore chiave sia di mortalità cardiovascolare sia di nefropatia diabetica.

Continua a leggere

Diabete tipo 2: zinco riduce rischio nelle donne

Nonostante le prove derivanti da studi su animali del fatto che l'assunzione di zinco possa avere effetti protettivi nei confronti del diabete di tipo 2, finora sono stati condotti pochi studi sull'uomo per confermare questa correlazione

Continua a leggere